Un'estate di rincari in costiera amalfitana non spegne la magia

di Nicoletta Zampano

"L'estate Ŕ cominciata bene tra sole, spiagge, vicoletti silenziosi e panorami spettacolari. SarÓ dolceamara, sarÓ sotto le aspettative o migliore dell'anno passato, sarÓ la nostra estate 2015"

Dopo la partecipazione dell'azienda Limonoro di Sorrento all'Expo 2015 all'inizio del mese ricomincia il countdown delle presenze di visitatori in costiera, scoprendo con disappunto e leggera preoccupazione i rincari involontari di Positano, Amalfi e Capri per il mese di giugno e ci si chiede che cosa aspetta i turisti a luglio e agosto. Possibile che le nostre coste campane cosi rinomate siano solo per palati ultrafini?Eppure si rilevano prezzi alti che si aggirano tra i 340 euro e 290 euro a notte nelle due destinazioni della costiera Amalfitana e sui 275 euro a Capri

 Mi pare che l'Osservatorio digitale del turismo di Prontohotel.it sia eccessivamente rigoroso a tal proposito. Sulla base dei dati forniti la gente comune dovrebbe essere costretta a guardare altrove, magari puntando sulla pi¨ abbordabile riviera romagnola e anche se per molti campani l'isola di Capri sarÓ un miraggio da guardarsi al binocolo, potranno sempre optare per le fresche acque della sorella gemella Ischia o per i tranquilli lidi della costiera sorrentina, mete estive per tutte le tasche

Fatti alla mano quest'estate per molti napoletani e salernitani si punta alle solite spiagge vicino casa e ci si preoccupa ordinariamente della scelta costumi e delle creme protettive e solari con l'aggiunta di un paio di occhiali da sole, capellino per i pi¨ delicati e un immancabile rivista o romanzo leggero tascabile in borsa. Per alcuni, in particolare studenti e casalinghe, sarÓ un estate lunga come tutti gli anni, mentre per gli altri ci si limiterÓ ad un paio di settimane in zona o fuori porta. Insomma guadiamo nel nostro "giardino", ma sogniamo la California costiera amalfitana. Comunque si sa che il binomio Positano-Capri, anche se stellato, cattura e tutti, prima o poi, ci passano.

 

Condividi su Facebook