A Natale arriva la VII Edizione della

maratona della Costiera

"Scarpette pronte, tensione al minimo e tanta voglia di vincere, o almeno di sognare 

una vittoria. Quello che conta è lo spirito in azione"

di Nicoletta Zampano

 

 Una lunga corsa può risultare faticosa, ma passa spesso in primo piano la voglia di superarsi. C'è chi gareggia per professione e chi per sfidarsi. C'è chi corre per divertimento e chi per puro spirito partecipativo. Nel complesso resiste alla lunga anche nello sport il desiderio di "fare Festa" e, tra l'altro, oggi le maratone cittadine aperte a tutti, piccoli e grandi, sono sempre più numerose sulla falsariga della più grande Maratona cittadina internazionale moderna che è quella di New York. Sarà per la magia del corridore agile e veloce che, spesso, una Maratona diventa un evento sociale da vivere con tutta la famiglia, anche se solo da spettatore in attesa ai nastri di arrivo. 

Anche la costiera ha la sua maratona internazionale, divisa in due gare: la Sorrento Positano Marathon (Sorrento – Positano – Sorrento) di 42,195 km, inserita nel calendario FIDAL e la Sorrento Half Marathon di 21,097 km. Quest'anno lo spettacolo podistico si disputa a pochi giorni dal Natale ed esattamente nella mattinata del 20 dicembre. Un occasione in più per ritrovarsi in Costiera durante le Festività. Un evento storico memorabile che rientrerà da tradizione negli annali cittadini al pari della leggendaria storia del primo maratoneta dell'umanità, il militare ateniese Fidippide che si narra sia morto sfiancato, ma vittorioso per la Patria dopo aver percorso 500 Km in pochi giorni. Dal suo atto eroico si tramanda il nome "Maratona" e scherzosamente si può quasi intravedere un parallelismo all'eccesso tra il corridore moderno sfinito al traguardo e il leggendario ateniese.

Le leggende a parte strappare sorrisi, spesso, ricordano storie estreme di coraggio che, fortunatamente, nulla hanno in comune con la vita quotidiana. Resta, invece, attuale e in corsa la bellezza sfiancante del territorio che scalderà cuore e muscoli a prescindere dalla gara.

Condividi su Facebook