Luca De Filippo tramanda la tradizione

teatrale napoletana dirigendo il Teatro Stabile

di Nicoletta Zampano

Il teatro è la quintessenza della vita culturale di ogni uomo che, in fondo, si riscopre nella sua umanità alla penombra di un palcoscenico. Anche la nostra Napoli millenaria vive da sempre di suoni e colori artistici e teatrali, non ultimo si ricorda la figura storica dell’artista napoletano a tutto tondo più apprezzato nel Novecento: Eduardo De Filippo. Autore teatrale, attore e regista che è stato celebrato anche all’estero per la sua sensibilità di interprete.

Non è un caso se, qualche giorno fa, è risuonata a gran voce la proposta del deputato Pd Giovanna Palma di proporre l'immagine di Eduardo come simbolo della nostra città al prossimo Expo 2015 in un eco che sottolinea quanto “Eduardo De Filippo fu espressione della più autentica vivacità culturale di Napoli”

La tradizione dell’arte napoletana di qualità si tramanda di padre in figlio ed ecco che anche suo figlio, l’attore Luca De Filippo gode dell’eredità artistica ricoprendo il ruolo chiave di “Padre della cultura Eduardiana a Napoli”.

E’ proprio di questi giorni la notizia eclatante dell’apertura della prima scuola pubblica dell’arte della scena a Napoli in lingua napoletana con sede al San Ferdinando sotto la direzione di Luca De Filippo. Il progetto finanziato dal Comune e fortemente voluto anche dalla Regione Campania che sosterrà la candidatura del Teatro Stabile di Napoli a Teatro nazionale, ha emozionato anche Luca De Filippo che ha accettato di dirigere i primi cinque anni della scuola. L’annuncio è stato dato a palazzo San Giacomo da Luigi de Magistris in una mattinata di bilancio delle attività per il trentennale della morte di Eduardo

Per Luca la passione artistica del padre leggenda è racchiusa nelle nuove generazioni, futuro e speranza di una intera città “ Stare vicino ai giovani, ai ragazzi è stata sempre la sua fissazione tra virgolette degli ultimi anni. Stare vicino ai ragazzi, seguirli, cercare di dargli un futuro. Ecco questa scuola io spero che, in qualche modo, risponda a queste esigenze e questi requisiti

Luca diventa di diritto portabandiera di Eduardo. L’ultimo sogno di Eduardo diventa realtà nel suo teatro con la nascente scuola d’arte drammatica del Teatro Stabile di Napoli che ricorda la sua arte al mondo, invitando giovani talenti napoletani  Rappresentante unico di una drammaturgia contemporanea popolare È l’autore italiano che con maggior efficacia, all’interno del suo meccanismo drammaturgico, favorisce l’incontro e non la separazione tra testo e messa in scena

Il futuro è nelle mani dei giovani attori emergenti che si “impadroniranno” dei corretti linguaggi espressivi dell’arte teatrale per portare al mondo, ancora oggi, il cuore di Napoli. Il contributo di Luca De Filippo e il ricordo di suo padre faranno il resto.

 

Condividi su Facebook