Festa di fine anno alla

 LUETEC

L’Università per la Terza Età della Campania

 

 

 

Immagine parziale della collettiva di pittura

 

Il 28 giugno con un piacevole incontro pomeridiano la presidente Giovanna Ronaniello e Carlo Brancato hanno chiuso i corsi 2010-2011 della Luetec. Soddisfatti i convitati per le molte attività proposte e svolte. Molti i flash per simpatia ma anche per ricordare le opere esposte di pittura, sculture in pasta di sale, bijoux e pastori da presepe settecentesco.

            Tra i numerosi corsi attuati, tutti interessanti, alcuni che concernono la storia e la cultura di Napoli sono stati particolarmente intriganti:

-Archeologia, a cura di Katia Cupo (un viaggio archeologico in Magna Grecia);

-Storia dell’Arte: Napoli e il Mediterraneo (storia ed arte tra il Trecento e il Cinquecento), a cura della storica dell’arte Nicoletta de Blasi, che ha svolto lezioni anche sul monumento, accompagnando i gruppi verso la conoscenza dei siti con informazioni precise e colte.

Molto piacevoli i corsi di

-Musica in lezioni quindicinali a cura di Rosario Ruggiero sensibile pianista,

 

 

 

Immagini parziali dei bijoux realizzati e dei pastori settecenteschi

 

-Cultura e conversazione spagnola: riferimenti storici approfonditi ed analisi delle influenze spagnole sulla cultura napoletana dal Seicento in avanti con visite guidate alla Napoli Spagnola,

-il corso su Napoli e la Campania Felix tra storia, spirito e materia (i saperi ed i sapori della nostra Regione) a cura di Giuseppe Biasco e Fulvio Mesolella.

            Ma anche “il fare” artistico è stato privilegiato per:

-imparare a costruire i pastori per un esclusivo Presepe Settecentesco,

-creare per sé e le amiche deliziosi bijoux,

-creare sculture preziose con la povera pasta di sale,

-seguire il Corso di Pittura di Renato Salies ed esporre le proprie opere in mostra.

            E non è tutto: Sono stati frequentati corsi di lingua spagnola, francese o inglese anche con insegnanti di madrelingua; si sono tenute conversazioni letterarie a cura di Luciano Galasso; sono stati attivati corsi di Fotografia, Cineforum, corsi per imparare ad utilizzare al meglio il computer; e molto altro, a richiesta, nel costituirsi di piccoli gruppi. Importanti per la socializzazione non sono state solo le mattinate o i pomeriggi insieme ma anche le gite culturali e le conferenze estemporanee. Non c’è solitudine alla Luetec

 

Maria Carla Tartarone, luglio 2011