Alla Galleria Artiaco

Robert Barry

Gilbert & George

 

 

 

 

Una visione di scorcio della mostra di Robert Barry”Troublesome”

 

Da Artiaco il concettuale Robert Barry (1936) trova ampi spazi per le sue scritte argentee luccicanti o opache, grigie; spinto ai confini dell’immateriale l’artista scrive parole allusive ad oggetti che vagano inesistenti tra le labbra del fruitore che le pronuncia e le interpreta a suo modo e che partecipa al pensiero dell’artista.

Troublesome” la scritta a pavimento, il floorpiece, che come previsto si rischia di calpestare, invita  a seguire il percorso già annunciato nella galleria di ingresso con opere (statement) degli anni Settanta, quando gli artisti concettuali esprimevano  il loro fare arte quasi unicamente con segni linguistici.

L’artista che espone  nei maggiori musei e fondazioni internazionali, completa la  mostra con lavori su tela e su carta nella galleria d’ingresso.

  

 

 

 

 

 

Gilbert & George, una delle opere in mostra nella project room di Artiaco

 

Gli inglesi Gilbert & George con tutt’altro stile, figurativi e provocatori sono in mostra con ventisette opere  serrate nella project room: è “The Urethra Postcard Pictures”,  in chiare, esplicite visioni del mondo contemporaneo, un mondo di cartoline postali, già utilizzate molti anni addietro, che riflettono con le loro immagini fotografiche la realtà e, sapientemente composte,  costituiscono opere esteticamente  interessanti nei colori e nelle immagini reiterate, “quadri classici”, accattivanti,  ironicamente borghesi. Le opere, raccolte di immagini variabili, seguono strade diverse in cui sempre primeggia l’ironia: dasex mode easy” a “flyer picture” o “city cruises” tutte  del 2009 come anche Big Ben & Attack” in cui un’unica immagine della  Tower si ripete a creare un’opera come le altre, composizioni fotografiche in collages eleganti di cartoline, con una  diversa più in evidenza al centro, a simulare il simbolo sessuale dell’uretra già utilizzato dal loro sacerdote ispiratore, teosofa, Charle W. Leadbeater (1854-1934) accanto alla sua firma.

Ancora una volta Gilbert & George confermano la loro visione libertaria della vita.

 

Maria Carla Tartarone, maggio 2011