“Al Blu di Prussia” i Premi della
“Fondazione Mannajuolo”

 

 

Mercoledì 29 maggio, Beppe e Patrizia Mannajuolo hanno ricevuto  numerosi ospiti per festeggiare ed attribuire il “Premio alla ricerca Roberto Mannajuolo” ad un giovane architetto Florian Castiglione e alla giovane fotografa Cinzia Camela distinti nel loro campo di ricerca.

 Altresì la “Fondazione Mannajuolo”, ha voluto premiare,  con una torre eburnea opera di Ambra Selvaggia Caminito,  due personaggi eminenti della cultura napoletana: Mimmo Jodice e Massimo Rosi.

Il fotografo Mimmo Jodice, noto in Europa e nel mondo: basta leggere, non volendo andare a ritroso negli anni, le parole di Gianluigi  Colin nel presentare l’immagine del volto di Atena, ritratto nel nostro Museo Archeologico, pubblicato sulla Copertina di “La Lettura” (27 gennaio 2013), il settimanale domenicale del “Corriere della sera”: “Mimmo Iodice,… una delle grandi voci della fotografia internazionale,… incarna  il senso di una fotografia che riflette sulla nostra vita attraverso uno sguardo, sempre denso di tensioni metafisiche, che solo apparentemente sembra rivolto altrove”. L’artista ha dichiarato, qualche mese dopo,  su “La Lettura” del 17 marzo, a proposito delle sue immagini di Pompei: “Viaggio sulle tracce di antichi greci e romani. Il Mediterraneo è la nostra culla”, intento che ha ampiamente illustrato nel suo libro “La camera incantata”, edizioni Contrasto, presentato in anteprima lo stesso giorno  all’Auditorium Parco della Musica di Roma. Si attende adesso che Napoli trovi uno spazio adeguato per l’Archivio dell’  illustre fotografo.

L’architetto professore Massimo Rosi è l’altro premiato dalla Fondazione Mannajuolo. Assai noto i città e in Europa per le sue architetture ed i suoi scritti di storia dell’architettura tra cui “Napoli entro e fuori le mura”, (Newton&Compton editori, 2004) ; partecipe nel 2012 al libro “Palazzo Mannajuolo, cento anni di architettura, arte e cultura 1912-2012”, a cura di Riccardo Rosi ( AA.VV., ed. Paparo);  insignito dal governo spagnolo dell’onorificenza Official de la Orden del Mérito Civil”, vincitore del Premio Roerhrsen per l’Urbanistica della “Fondazione della Rocca”, 1992 e Presidente dell’Osservatorio internazionale delle Coste del Mediterraneo.

Una sorpresa è stata, vedere tra la folla dei partecipanti  anche il celebre regista di “Le mani sulla città” Francesco Rosi, che ha amabilmente consentito ad essere intervistato tra gli applausi.

Applausi sono andati dagli amici presenti anche a Patrizia  e Beppe Mannajuolo, generosi ospiti, che hanno introdotto l’evento moderato da Mimma Sardella. Sono intervenuti Alessandro Castagnaro e Benedetto Gravagnuolo, autorevoli studiosi ed amici dei padroni di casa.

 

 

Maria Carla Tartarone, giugno 2013

 

 

 

 Condividi su Facebook