“Al Blu di Prussia”

L’ artista Ambra Selvaggia Caminito

e l’attrice Laura Efrikian

insieme per i bambini del Mambrui

 

 

 

 

Opera in mostra di Ambra Selvaggia Caminito

 

La giovane artista Alba Selvaggia Caminito espone “Al Blu di Prussia” le sue opere, acquarelli ed oli, dipinti in un passato molto prossimo e lasciati da parte per la nascita del suo bambino. Laura Efrikian, la nota attrice, le ha parlato di un progetto da lei da tempo seguito: darsi da fare per aiutare i bambini del Manbrui in Africa, bambini spesso malati e bisognosi di un ospedale. Così le due amiche hanno elaborato un programma ottimale. Ambra avrebbe tolto dall’archivio i suoi lavori lasciati da parte e li avrebbe messi in mostra, ospite lo zio mecenate Beppe Mannaiuolo, nella bella Galleria sperando che gli amici informati da Laura avrebbero collaborato acquistando dipinti e acquerelli a intero vantaggio delle piccole creature africane. Ed è stato così: moltissimi amici hanno collaborato e si è potuto fare molto per i bambini del Manbrui.  

 

 

 

 

Opera in mostra di Ambra Selvaggia Caminito

 

Ambra Selvaggia Caminito, ha un preparazione accademica ottenuta negli anni dal 1984 a Parigie e a Londra dove è a lungo vissuta. Ha altresì acquisito un Master-Video in fotografia, teatro e mediazione artistica alla Pontificia Università Antonianum nel 2010. Ha partecipato a numerose collettive negli anni Duemila: alla Artissima di Torino, dal 2002 al 2005; al Miarte di Milano dal 2003 al 2005; ad Artefiera di Bologna, dal 2003 al 2006; al MA Fine Art Saint Martins nel 2008.

 

 

 

 

 

Un’opere in mostra di Ambra Selvaggia Caminito

 

Ha sospeso recentemente la sua ricerca artistica per dedicarsi alla famiglia. La mostra di Napoli ha ancora una volta messo in luce le sue capacità artistiche ed i suoi interessi e le sue realizzazioni ispirate alle avanguardie del Novecento: l’ astrattismo sembra averla attratta in un divagare di immagini appena accennate, quasi prive di colore, che talvolta invece diventa imperante ed incisivo nell’avvicinarsi ad accese ispirazioni espressioniste e ad indagini sulla pop-art.

Considerato il suo curriculum attenderemo quindi con interesse che l’artista riprenda il suo lavoro, confermi la sua maniera e ci mostri i suoi interessi nuovi e le sue espressioni artistiche più attuali.

 

 Maria Carla Tartarone, aprile 2013

 

 

Condividi su Facebook