LA VOCE DEL POETA: rubrica di Antonio Spagnuolo

 

Maria Teresa Ghirardi tra illusioni e vernacolo

Comporre poesie in vernacolo è sempre impresa difficile e qualche volta pericolosa perché non tutti sono in grado di comprendere i dialetti che arricchiscono la nostra esperienza culturale. Ecco che la Ghirardi offre con genuinità alcuni passaggi che  coinvolgono e trasportano nella vera poesia per quella forza musicale che distingue il ritmo della napoletanità. Ella riesce a gestire con acume ed esperienza.

Maria Teresa Ghirardi nasce il primo febbraio del 1956, in una zona di Napoli che  all’epoca era un comune a sé, oggi detta  quartiere Secondigliano. Tra i coinvolgimenti di una comunità quasi ribelle e incolta dove per ignoranza e mancata tutela di un patrimonio antico, sono stati si ricostruiti i vicoli com’erano ma con materiale iniquo, rendendoli così tuguri prefabbricati.

Oggi ella urla, attraverso la gioia ed il dolore dei
versi che hanno accompagnato gli amori della sua vita: gli uomini, gli amici, i
figli, il semplice esistere, Dio.

Scrive : So' cuntenta :“Quando me sceto dint' 'e braccia toje/ l'uocchie mieje so' cchiù splendente/ 'a pelle cchiù lucente/ 'a vocca cchiù carnosa./ Cammino e passo mmiezo 'a gente/ ca s’avota a guardà stu pizzo a rrisa/  si addimanna: " Pecchè?"/ 'O core le risponne: "Sò cuntenta."/ 'O sole si pure nun c'è sta/ se fa spazio miezo 'e nuvole/ pè me venì a cercà./ ‘Stu Sole mio se chiamma Ammore/ ‘sta luce ca traspare/ nu solo nomme tene: 'o tujie.” Il sentimento cresce nella risoluzione di un  agire, che scivola fra i contorni del tempo e della percezioni, e con le vibrazioni di un armonico suono si dilata in mitiche attese o in metafore luminosamente concepite.

 

 

 

Condividi