LA VOCE DEL POETA: rubrica di Antonio Spagnuolo

 

“Benassi tra consapevolezza e scrittura”

Giornalista pubblicista, cura la pagina dedicata alla poesia delle donne del mensile Noidonne. È presente in alcune antologie ed è tra i curatori de “L’antologia della poesia erotica contemporanea” (2006). Ha curato la raccolta di saggi critici “Rivi strozzati poeti italiani negli anni duemila” (2010). Insieme a Manuel Cohen e Salvatore Ritrovato dirige la collana Percorsi della Puntoacapo editrice.

“La raccolta “L’Onore della Polvere” si situa, all’interno del percorso letterario del poeta romano, come opera del completo raggiungimento della dimensione adulta, con il suo carico di difficoltà e consapevolezze, alla ricerca di una stabilità esistenziale, in qualche maniera coincidente con l’affermazione di una ‘voce’ poetica. Quest’ultimo aspetto è evidenziato da uno stile che colpisce per la ricchezza di immagini, pur attraverso un linguaggio terso e puntuale. Essere uomini e cittadini è un continuo scendere a patti con se stessi. Neanche il poeta riesce a sfuggire da questa dimensione: non rimane che l’onore della polvere, la consapevolezza di portare “la fiaccola in cima”, nonostante il destino dell’essere inascoltati.”

Luca Benassi è nato a Roma nel 1976 dove vive e lavora. Giornalista pubblicista ha pubblicato diversi volumi. Scrive : “Bisogna aspettarli al varco i salmoni/ al collo di bottiglia della foce/ spauriti, mentre accalcano l’acqua/ bisogna tendere la rete dove/ la superficie si increspa di pinne/le branchie annaspano quel desiderio/ che riproduce il transito di nuove/ generazioni. Allora è il momento/ di calare la rete, di tendere/ alla gola il laccio, l’arpione aguzzo./ All’uscita della metro noi siamo/ salmoni ignari verso la mattanza.”

 

 

Condividi