Parole ed emozioni di Rosario Ruggiero

 

Il rapporto con i santi secondo Napoli

 

Molteplici sono le valenze dei grandi eventi religiosi e di festività come il Natale e la Pasqua. Invitano, tra l’altro, a puntare la nostra attenzione sul modo di porci nei confronti del mondo divino. Altrettanto molteplici sono le valenze della letteratura, tra queste sicuramente quella di poter essere testimonianza di modalità e filosofia di vita. Quando poi il rapporto con il mondo divino di un popolo per più versi particolare, come quello napoletano, si unisce ad acutezza di osservazione, singolare fantasia e felicità di espressione, vengono fuori deliziosi quadretti, preziosi documenti di civiltà popolare. Magnifici esempi ne sono i poemetti “Lassammo fa’ Dio…” di Salvatore Di Giacomo e “Vincenzo De Pretore” di Eduardo De Filippo, nondimeno il breve componimento “Cosce ’argiento” di Raffaele Chiurazzi, massimamente congruo in questi giorni di festività pasquali appena passate ed imminente giornata dedicata alla figura della mamma, esilarante analisi antropologica e benevola stigmatizzazione di un rapporto confidenziale e particolarissimo del popolo partenopeo con il mondo di Dio, porto sulle ali di simpaticissime virtù soventi presenti nell’arte versificatoria partenopea, l’irresistibile umorismo e l’originalità di ispirazione.

 

COSCE ’ARGIENTO

 Cosce ’argiento » è tantillo:

pare nu strummulillo.

Nascette ciunco; ‘a mamma

iette a du San Bicienzo:

sciure, cannéle, ‘ngienzo,

minacce e strille:

 

— San Bicié, fìgliemo è ciunco!

T’abbruscio ’o scaravattelo

si nun me faie ’a grazia!

 

—E, cumminfatte,

pe’ « vvuto » lle purtaie

’e ccosce ’argiento

d’ ’o piccerillo;

e ’o piccerillo ascette

redenno ’a dint’ ’a cchiesa e cammenaie.

 

 

Ma chello che cumbina

stu « Cosce ’argiento »

mo che ttene nov’anne,

so’ ccose ascì ampazzia!

 

 

Sta sempe mmiez’ ’a via;

corre, va, vene,

mena ferbune,

fa ’a petriata,

sciacca ’e guagliune,

saglie ncopp’ ’e ccarrette,

s’appenne arreto ’e tramme,

arreto ’e biciclette:

inzomma, scanza ’a morte

cinche, se’ vote ’o iuorno.

 

 

‘A mamma ca se vede

sempe mmiez’ ’a na guerra,

p’ ’a foia che ttene ’o figlio,

allucca e chiagne cu ’e ddenocchie  ’nterra:

— San Bicié, mo voglio ’a grazia!

Ll’ ê ’a fa’ ciuncà! Ciuncà ncopp’ ’o divano...

e i’ mo t’ ’o porto ’argiento sano sano!