Nasce l’ascensore dell’Immacolata al Vomero

di Rosario Ruggiero

A Napoli intervento privato migliora la vivibilità sulla collina del Vomero. Da oggi, infatti, felicemente eludibili le fastidiose e penalizzanti scale che collegano salita Arenella con piazza Immacolata grazie alla recente inaugurazione di un moderno ascensore. Promotore dell’iniziativa il parroco dell’adiacente chiesa Beata Vergine dell’Immacolata LeonardoMollica. Lo sprone, come egli steso spiega in un foglietto illustrativo dell’evento, «una riunione politica di quartiere, tenuta nel nostro ex salone. Si parlava di Scala Mobile e di Ascensore per abbattere la barriera architettonica delle odiose rampe della scala di Via Nuvolo. Intuii che si stavano sprecando parole e promesse senza certezze, basta dire che si fissava l’inizio dei lavori al 15 di Aprile del 2007 ignorando che quel giorno era la Domenica di Pasqua. Allora io ebbi a dire in cuor mio e pubblicamente: “l’Ascensore lo farò io con la Comunità Parrocchiale dell’Immacolata”».

Ovvero, come da chiacchiere inconsistenti possa pur nascere una felice realtà.

I riscontri, quindi, da parte dell’istituzione per questa nuova realtà che indubbiamente risolve problemi urbanistici ed agevola i cittadini?

«Una targa di riconoscimento e tanti elogi» ci risponde Mollica.

I riscontri da parte dei cittadini e dei fedeli? «Un uso dell’ascensore già intenso ed una presenza massiccia alla messa di ringraziamento, solenne benedizione ed inizio di esercizio. La chiesa era stipatissima. Presenti autorità politiche e religiose. Peccato solo l’attesa presenza del cardinale Crescenzio Sepe, prima da lui espressamente promessa, poi, purtroppo delusa».

 

 

Condividi su Facebook