Fatti e personaggi della grande Napoli di Rosario Ruggiero

 

iocisto

 

Un successo è tanto più grande e significativo quanto maggiori e più numerose erano le forze che vi si opponevano, perciò, in un contesto generale, come quello odierno, di grande disattenzione o superficialità nei confronti della cultura, di una dilagante tecnologia con sorprendente ampliamento delle comunicazioni ma, purtroppo, scandaloso impoverimento dei contenuti, di predilezione dell’immagine e del suono sulla parola scritta, di dispersione del pensiero anziché concentrazione mentale, di assorbimento passivo delle informazioni piuttosto che acquisizione ragionata, insomma in tempi decisamente più che bui per i libri, soprattutto i buoni libri, non può che essere un magnifico risultato, civile e culturale, tutto napoletano, la nascita di “iocisto”, libreria sorta per spontanea aggregazione sulla collina del Vomero, subito dopo la clamorosa chiusura, ivi, di ben tre grandi librerie di cui due storiche.

A generarla, un’idea del giornalista, già editore, Ciro Sabatino, il quale, inviando nel circuito informatico provocatoriamente la frase “Chiudono tutti i bookstore? Apriamone uno noi, autofinanziandocelo”, trova oltre cento immediate adesioni di comuni cittadini pronti ad investire nel progetto.

Dopo meno di una settimana ben centoventi persone si incontrano nella sala consiliare della municipalità del Vomero.

Cinque giorni dopo veniva elaborato un progetto di realizzazione e finanziamento della libreria.

 Oggi “iocisto” è una limpida realtà, civilissima reazione, chiara dimostrazione di un’ammirevole realtà partenopea, di un nerbo intellettuale forte e tenace a dispetto di ogni degrado epocale, inequivocabile espressione di un esemplare spessore culturale della città e dei suoi abitanti, di oggi come del passato, che, anziché essere vergognosamente misconosciuto o denigrato, come in alcuni luoghi ci si ostina, per ignoranza o superficialità, ingiustificabilmente ancora a fare, dovrebbe essere solo oggetto di ossequiosa ammirazione.

 

Condividi su Facebook