SCIALLA

   

Manuela Rippo

Scialla è l’opera prima di Francesco Bruni, famoso e pluripremiato sceneggiatore italiano che annovera tra i suoi lavori film con Virzì e Calopresti, collaborazioni con la Comencini, con Faenza per i Vicerè e l’adattamento dei romanzi di Camilleri per la serie tv de Il Commissario Montalbano.

Debutta sul grande schermo a testa alta, girando una pellicola piacevole, attuale e realistica. Non una commedia per sbancare i botteghini né un film di nicchia per cultori radical chic.  

La storia vede come protagonisti un insegnante alle prese con la propria insoddisfazione, Fabrizio Bentivoglio, che scrive le biografie degli altri e dà ripetizioni a ragazzi demotivati e disinteressati e uno studente, Filippo Scicchittano, che segue le sue lezioni e che verrà affidato all’apatico professore, inconsapevole, fino a quel momento, di esserne il padre. Inizia così un viaggio, un’avventura nella quale emergeranno diversità ed incongruenze, somiglianze e condivisioni tra due generazioni così lontane ma così disperatamente bisognose di ri-trovarsi.

Non un film dai toni zuccherosi e diabetici, che si dibatte tra banali commozioni e scontati sentimentalismi, piuttosto una pellicola che pone al centro dell’attenzioni “i ragazzi” come studenti, come generazione vagabonda tra valori e principi sgretolanti, sottolineandone il rapporto conflittuale con le due istituzioni primarie e fondamentali in Italia, la scuola e la famiglia.

 

Da vedere con i propri figli o con i propri genitori…

21.11.11



   Condividi