STORIA PERMANENTE DEL CINEMA

 

 

Manuela Rippo

Si è inaugurata il 15 novembre, e continuerà tutti i martedì, mercoledì e giovedì fino al 22 Dicembre 2011, presso il Palazzo della Arti di Napoli, la rassegna cinematografica dal titolo “Storia Permanente del Cinema”. La mostra (gratuita) è suddivisa in tre sezioni speciali: “Storie del cinema. Cicli, percorsi, rarità”, curata dalla Mediateca Santa Sofia; “Capolavori. I grandi classici della settima arte”, organizzata dal regista Marcello Sannino e “Temi. Ricorrenze e sincronie del cinema”, a cura della Scuola di Cinema Pigrecoemme. Quest’ultima affronterà i temi dell’infanzia, adolescenza e le metafore del noir.  

In programma alcuni grandi classici del cinema internazionale. Si parte dai corti del cinema muto d’inizio novecento per arrivare ai successi di Clint Eastwood, passando per Truffaut, Hitchcock, Kieślowski e Bertolucci. Un viaggio coinvolgente, entusiasmante e suggestivo, che conduce lo spettatore nella profondità e nella complessità della settima arte. La retrospettiva raccoglie più di cinquanta titoli, diversi per genere, epoca e tema, che ricostruiscono un pezzo del nostro passato e della nostra storia.  

Arte & Cultura in una città che ancora una volta mostra il proprio interesse per le potenzialità del mezzo cinematografico. Un esempio, il successo che ottengono rassegne come il Napoli Film Festival, Artecinema ed il Festival dei diritti Umani, che si sta svolgendo proprio in questi giorni; così come i numerosi cineforum che affollano le sale dei piccoli cinema, ancora aperti nonostante la concorrenza degli avanguardistici multisala. Una Napoli dove si fanno i film; una Napoli che sforna registi e sceneggiatori di talento; una Napoli che recita per Turturro, Ferrara e Gilliam.  

Nella speranza che l’interesse dei cittadini continui ad essere soddisfatto, non perdetevi la Storia Permanente del Cinema

16 Novembre 2011

 

   Condividi