NAPOLI VILLAGE FESTIVAL

Manuela Rippo

Quest’anno Napoli si è posta come alternativa tra le mete vacanziere offrendo una serie di eventi musicali sia per i turisti che per i cittadini rimasti in città. Nello splendore delle Terme di Agnano, affascinante ed unico complesso termale nato in epoca romana e situato alle pendici del Monte Spina, si alterneranno, dal 13 luglio e fino all’inizio di settembre, cantanti, attori, ballerini e musicisti non solo partenopei. Un cartellone ricco di incontri speciali ed imperdibili organizzato sotto la supervisione artistica dello scenografo Bruno Garofalo. Nel primo weekend si sono esibiti Almamegretta+ Raiz, nella loro formazione originale, insieme a Radicanto, gruppo barese di musica popolare. Raiz ha prima presentato il suo ultimo lavoro discografico insieme ai Radicanto per poi esibirsi, nel ventennale della band di cui è leader, con i brani che hanno caratterizzato la loro storia e la loro musica in questo lungo periodo insieme. Il Festival non poteva che partire con la rassegna musicale “Novecento Italiano” organizzato dallo stesso Garofalo e con la presenza di Federico Salvatore e Rosaria de Cicco, è stato un omaggio all’epoca d’oro della musica napoletana, nonché un tributo ai successi di Raffaele Viviani. Un trionfo di pubblico anche la commedia di e con Francesco Paolantoni, che dopo aver incassato critiche positive dai giornali e dal pubblico per il debutto all’Acacia, ha ripetuto lo stesso successo anche alle Terme e riproporrà lo spettacolo nelle date del 21/27 luglio e 3 agosto.

Gli spettacoli sono proseguiti per tutta l’estate con altrettanti artisti imperdibili, tra cui Mario Biondi con la sua Big Orchestra il 2 agosto, Nicola Piovani con un concerto mitologico per strumenti e voci dal titolo “i viaggi di Ulisse” il 26 agosto, Pietra Montecorvino con la sua Malamusik si è esibita il 26 luglio e Peppe Barra il 29. Attesissima e applauditissima l’esibizione di Peppe Servillo con il quintetto dell’Amante Improvviso l’8 agosto e le atmosfere jazz di Nino Buonocore e James Senese, rispettivamente il 30 agosto ed il 1 settembre.

Chiuderà la rassegna delle Terme il 14 settembre: “Ci manca Totà” dello scrittore Stefano Benni, accompagnato dal chitarrista Fausto Mesolella.

Un’estate a tutto ritmo quella delle Terme di Agnano, molto apprezzata sia dai napoletani che dai turisti incantati dalla bellezza della location e dall’eccezionalità degli spettacoli. 

 

  

 

 

Condividi