LE REGOLE DELLA TRUFFA

 

Manuela Rippo

Dagli sceneggiatori di Una notte da Leoni e diretto da Rob Minkoff, arriva in Italia “Le regole della truffa”, una spassosa ed esilarante commedia tutta da ridere, dove il registro brillante, quello farsesco e quello un po' cupo delle black commedy si intersecano mettendo in scena una rapina in banca per niente scontata e costruita per mantenere sempre desta l'attenzione.

Patrick Dempsey, protagonista della pellicola, è un eccentrico signore che, mentre cerca di cambiare una banconota allo sportello di una banca, si ritrova “vittima” di un duplice tentativo di rapina. Da un lato due imbranati rapinatori che tentano di scassinare il bancomat, dall'altro dei professionisti che, dotati delle migliori tecnologie, mirano al caveau. S'innescano una serie di gag in un crescendo di paradossale e irriverente comicità, grazie al supporto di tutti i personaggi, che pur scadendo nei soliti clichè, non mancano di personalità.

Le regole della truffa è un simpatico film di fine estate, per chi vuole divertirsi senza impegno. Troppi i personaggi che meriterebbero più spazio in un film che si genera seguendo il corso della storia. Bravo Dempsey, che si cala alla perfezione nei panni dello strambo Tripp Kennedy, maniacale, iperattivo e farmaco-dipendente.

 

 

  Condividi