IL PRINCIPE ABUSIVO

“Siani torno al cinema e sabato 2 marzo incontra il suo pubblico al cinema La Perla”

 

Manuela Rippo

Il Principe Abusivo rappresenta l’esordio alla regia del comico napoletano Alessandro Siani che, dopo aver calcato i palchi di tutta Italia come cabarettista e aver recitato in pellicole di grande successo, ha scelto di andare oltre e di scrivere, dirigere ed interpretare un film tutto suo!

 

Il film si colloca a metà strada tra la favola disneyana tutta principesse bionde e castelli e la realtà dello scontro di classe, del perbenismo aristocratico in contrapposizione alla spontaneità plebea. Antonio (Alessandro Siani) è uno scansafatiche inguaribile che lavora volontariamente come cavia per i test di case farmaceutiche. Si ritrova “per caso” al cospetto della viziatissima Letizia (Sarah Felberbaum), una principessa con la puzza sotto al naso che cerca di riacquisire la popolarità tra i propri sudditi, innamorandosene perdutamente e scatenando una serie di gag a raffica tra incomprensioni ed equivoci. In un mondo in cui i pregiudizi dei ricchi nei confronti dei poveri sono radicati e difficili da estirpare, per il giovane povero l'unica possibilità di restare a corte è quella di seguire i consigli del ciambellano di corte Anastasio (Christian De Sica).

 

Alessandro Siani è un cabarettista ed il suo ruolo è sul palco. Non deve fare cinema, né come attore, né come regista, né soprattutto, come sceneggiatore. I suoi tempi sono quelli del teatro e le sue battute mal si contestualizzano all’interno di un film che ha bisogno di fluidità e scorrevolezza narrativa. Gli va comunque attribuito il merito di essersi assunto la responsabilità di mettere su un film, prendendosi meriti e demeriti a 360°. Brava e simpaticissima l’Autieri che da brava napoletana doc sa vestire i panni della bella fruttivendola che farà innamorare De Sica.

 

Per i fan del comico napoletano, sabato 2 marzo al cinema la Perla di Agnano, Siani presenterà la proiezione del film alle ore 18,40 e alle 21.

 

27/02/2013

 

Condividi su Facebook