FUTURO REMOTO

VIAGGIO AL CENTRO DELLA TERRA!

 

 

Manuela Rippo

Dall’11 al 27 novembre 2011, presso Città della Scienza, la venticinquesima edizione di Futuro Remoto. Quest’anno il leitmotiv è la Terra, con i suoi misteri e le sue dinamiche complesse legate ai terremoti ed alle eruzioni vulcaniche. Vengono riprodotte alcune delle più violente calamità naturali che hanno sconvolto la nostra esistenza, come l’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. ed organizzate simulazioni di terremoto per spiegare ed istruire su come comportarsi in caso di calamità naturali.  

In esposizione i dinosauri scomparsi alla fine del Cretaceo provenienti dalla Patagonia, come il gigantesco Giganotosaurus carolinii, il dinosauro carnivoro più grande e feroce del T-Rex e il Rebbachisaurus tessonei, un dinosauro erbivoro dal muso particolarmente simpatico, nonché alcuni esempi di “mai estinti”, ovvero esseri viventi che sono riusciti a sopravvivere ai cambiamenti geologici e climatici del pianeta. Ad arricchire la mostra, le immagini dei paesaggi islandesi scattate dal fotografo Antonio Crescenzo, un’accurata rassegna cinematografica e diversi laboratori per i più piccoli.  

Interessante la presentazione di due importanti progetti di ricerca, come l’Early Warning ed il Campi Flegrei Deep Drilling Project. il primo è un sistema che avvisa, pochi secondi prima dell’evento, l’arrivo di un terremoto, mentre il secondo prevede la perforazione di una caldera di collasso nel complesso vulcanico dei Caampi Flegrei.  

Presenti, durante la serata inaugurale del 10 novembre, lo scienziato napoletano Antonio Ereditato, distintosi per aver dimostrato che “i neutrini corrono più veloci della luce!”, il Sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, il Presidente della Fondazione Idis-Città della Scienza, Vittorio Silvestrini e l’Assessore all’Università e alla Ricerca, Guido Trombetti.

 

   Condividi