Lunedì, 10 Dicembre 2018  

Sfoglia

 

Cerca:  

 

Il libro: "E poi sono morto" di Vincenzo Albano

Francesco Silvestri, un poeta dell´alienazione

Servizio di Antonio Tedesco


Napoli - Francesco Silvestri è stato uno dei più importanti esponenti del teatro napoletano degli anni ´80 e ´90. In un periodo in cui sulla scia dei grandi fermenti dei decenni precedenti, anche il teatro sentiva l´esigenza di esprimersi cercando linguaggi e forme nuovi. Un bisogno di rinnovamento che non si è concretato in una scuola unica, ma che ha trovato tante singole espressioni quanti sono stati gli esponenti che l´hanno rappresentata. E nelle quali ognuno ha investito le proprie istanze soggettive, le proprie pulsioni più intime e personali. In questo ampio flusso, che comprende personalità ancora oggi di primo piano nel nostro panorama teatrale, il nome di Francesco Silvestri viene prevalentemente accostato a quelli di Annibale Ruccello e Enzo Moscato.

Perché con essi ha più strettamente collaborato e condiviso le apprensioni e le incertezze degli esordi, prima della definitiva affermazione. La critica li classificò quali rappresentanti della "Nuova Drammaturgia", intendendo racchiudere sotto questa denominazione un gruppo di artisti che si esprimevano teatralmente in maniera completa, e cioè scrivendo, dirigendo e recitando i propri testi. Ognuno caratterizzato da una propria cifra stilistica, ma uniti dal fatto che, insieme a Manlio Santanelli, potevano considerarsi, da un punto di vista drammaturgico, come la generazione post-eduardiana del teatro napoletano. Una stagione che, a distanza di qualche decennio, sente l´esigenza di essere storicizzata dopo che alcuni suoi importanti esponenti, come Neiwiller e Ruccello, sono prematuramente scomparsi e altri, come Martone e Servillo, hanno continuato il loro percorso ma su strade diverse. In questo quadro di insieme si inserisce come un caso a sé la vicenda di Francesco Silvestri che, per personali e anche dolorose vicissitudini, ha optato per una sorta di "scomparsa in vita", allontanandosi volontariamente dalla scena teatrale agli inizi dello scorso decennio. Una scelta che, a prescindere dai motivi che l´hanno indotta, ha avuto se non altro il vantaggio di preservare e trasmetterci intatta quella originaria purezza, quell´autentico spirito autobiografico – doloroso e sofferto – che hanno contraddistinto in quei decenni il suo lavoro drammaturgico e attoriale.

E poi sono morto, recita con apparente ironia il titolo del bel libro che gli dedica Vincenzo Albano, studioso di teatro e ricercatore presso l´Università di Salerno, che ripercorre con precisione, e in maniera esauriente, la vicenda umana e artistica di Silvestri, analizzandone i testi e,  insieme, le pulsioni umane, le esperienze e le emozioni private che li hanno mossi. Albano ci restituisce una personalità artistica sofferta e complessa, ponendo solide basi per necessari, ulteriori approfondimenti. Si evidenzia, nel libro, la forte personalità letteraria dell´autore preso in esame, la sua poetica delicata, eppure così incisiva nel cogliere i nodi del disagio, dello smarrimento, della difficoltà (e vanità) del riconoscersi e identificarsi nei modelli letterari e comportamentali dominati. Silvestri si presenta qui come un poeta dell´alienazione, intesa però, non in senso negativo,ma come elemento di contrasto attraverso il quale si evidenzia tutta l´assurda vanità dell´omologazione. "Una drammaturgia non postuma", recita il sottotitolo del libro, edito da Dante e Descartes. Una drammaturgia che comprende, infatti, titoli quali Sogni trasognati, Saro e la rosa, Il topolino Crick, Fratellini, quest´ultimo, in particolare, ha ricevuto ampia risonanza anche internazionale. Sono solo alcuni dei testi scritti da Silvestri, molti dei quali hanno raccolto numerosi premi e riconoscimenti importanti, oltre a segnare un tempo ben preciso nel panorama teatrale italiano. Il libro comprende anche il testo integrale di Piume, l´ultimo lavoro per il teatro scritto da Silvestri e mai rappresentato, e che può  considerarsi, forse, la summa artistica dell´autore, il suo atto di addio alle scene, ma anche il compendio del suo lavoro di scrittura fatto di pulsioni, di accensioni, di slanci più che di trame e di intrecci. Un teatro di poesia, che segue un percorso interiore e che con un atto di coraggio e generosità lo esprime portandolo all´esterno e condividendolo con il pubblico (e con i lettori). Il minuzioso e appassionato lavoro di Albano, rende conto anche dell´attività, non secondaria che Silvestri ha svolto come attore e regista,  per altre compagnie. Un testo necessario che compie un primo, importantissimo passo per riscoprire, ricontestualizzare e ridefinire una delle più importanti figure del nostro teatro recente.   Edizioni Libreria Dante & Descartes – pp. 188 – Euro 12


9 gennaio 2014




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google


































Morto Arnoldo Foà, aveva 98 anni: protagonista del ´900 dal teatro alla tv

L´actualité du mois et le programme des Théâtres Parisiens Associés Venez découvrir les pièces des Theatresparisiensassocies.com !

Venezia - HEDDA GABLER di Henrik Ibsen AL TEATRO GOLDONI DI VENEZIA | 8-12 gennaio 2014þ con Manuela Mandracchia, Luciano Roman, Jacopo Venturiero, Simonetta Cartia,Federica Rosellini, Massimo Nicolini, Laura Piazza

LA SERA DI CAPODANNO VA IN SCENA AL CARIGNANO DI TORINO
“MISERIA E NOBILTÀ” DI EDUARDO SCARPETTA CON GEPPY GLEIJESES, LELLO ARENA, MARIANELLA BARGILLI, PER LA REGIA DI GEPPY GLEIJESES

Torino - Anche quest´anno il Teatro Cardinal Massaia propone al suo pubblico uno speciale Gran Galà di Capodanno.

Martedì 31 dicembre 2013 a partire dall ore 20:00

Apericena a buffet in collaborazione con SPES 

Spettacolo CAPODANNO A TEATRO con ANTONELLO COSTA
Come iniziare "bene" l´anno se non in compagnia del Re del Varietà? Antonello Costa promette due ore di risate, in uno show senza eguali, con tutti i suoi personaggi più celebri, impreziosito da momenti musicali e danzanti insieme al suo corpo di ballo. 

Brindisi di mezzanotte con panettone e spumante in compagnia di Antonello Costa! 

A seguire ...  ancora risate e intrattenimento! 

Napoli - Dal 4 al 12 gennaio al San Ferdinando | spazio La stanza blu

in scena La grande magia di Eduardo

adattamento e regia di Rosario Sparno

 

Martedì 31 dicembre: serata speciale al Teatro Sannazaro di Napoli con il Cafè Chantant, spettacolo che, anche quest’anno, sarà in scena la notte di Capodanno, preceduto dal Gran Cenone di San Silvestro

Roma - SAN SILVESTRO E LA BEFANA ALL´ ELISEO CON "LA VITA E´ UNA COSA MERAVIGLIOSA" E "E POI...PINOCCHIO"
Il 31 dicembre al Teatro Eliseo ci sarà la speciale replica dello spettacolo di e con Carlo Buccirosso.  LA VITA E´ UNA COSA MERAVIGLIOSA. Lo spettacolo andrà in scena alle ore 20,00. Durante l´intervallo ci sarà il brindisi e il panettone con tutta la compagnia degli attori che scenderà in platea con il pubblico a brindare all´anno nuovo. Carlo Buccirosso augurerà buon anno al pubblico dell´eliseo.
31 dicembre recita speciale ore 20.00
con brindisi assieme alla compagnia
Prezzi speciali 31 dicembre:
platea 60 € | balconata 50 €
prima galleria 33 € | seconda galleria 22 €

E per la Befana invece nuovo appuntamento sempre in compagnia di Carlo Buccirosso e della compagnia di LA VITA E´ UNA COSA MERAVIGLIOSA.
6 gennaio recita speciale ore 17.00

con tombolata finale e tanti premi.
Prezzi speciali 6 gennaio:
platea 38 € | balconata 31 €
prima galleria 26 € | seconda galleria 21 €

Roma - Teatro dei Conciatori - dal 3 al 12 Gennaio 2014 - lo spettacolo UN AMORE DA INCUBO, scritto e diretto da FRANCESCA DRAGHETTI. Lo spettacolo avrà un doppio cast: primo week-end con Roberto Stocchi, Ughetta D´Onorascenzo, Simone Crisari; seconda settimana con Antonella Alessandro, Roberto Draghetti, Roberto Stocchi.



Saronno (Va) – Teatro Giuditta Pasta

Martedì 31 dicembre - ore 21.00
LA PRINCIPESSA DELLA CZARDA
operetta in due atti di E. Kalman
regia di Alessandro Brachetti
orchestra “Cantieri d’Arte”
diretta da Stefano Giaroli
corpo di Ballo Accademia
coreografie di Costanza Chiapponi

TEATRO RAGAZZI

Lunedì 6 gennaio - ore 16.00
L’APPRENDISTA STREGONE scuola di magia
di Carlo Presotto con Carlo Presotto, Giorgia Antonelli e Matteo Balbo
dai 4 ai 10 anni

Napoli - Ramin Baharami in concerto al Teatro Mercadante
Il Piano acustico del più grande interprete
di Bach del nostro tempo
CONCERTO PER UN ALTRO CAPODANNO
1 gennaio 2014 ore 21,00

Napoli - TEATRO BOLIVAR

Sabato 28 dicembre ore 21.00

Domenica 29 dicembre ore 18.30 NANDO VARRIALE in 

…PER SE´ E PER I SUOI

con la partecipazione del gruppo musicale degli Allerija

Roma – Teatro Olimpico

Il Mistero dell´Assassino Misterioso di e con Lillo & Greg, in scena presso il nostro teatro dal 26 dicembre 2013 al 19 gennaio 2014

Verona 31 dicembre ore 22.00 / Teatro Nuovo

La pasion de Carmen

Bellini di Napoli

"Core pazzo", spettacolo di e con Nino D´Angelo che sarà in scena al Teatro Bellini dal 25 dicembre al 12 gennaio

L´actualité du mois et le programme des Théâtres Parisiens Associés

Venez découvrir les pièces des Theatresparisiensassocies.com !

dal 03/01/2014 al 04/01/2014 Teatro Paisiello - LECCE - (LE) Stelle e Storielle / Comune di Lecce

Il Concerto di Natale del 21 dic. sarà trasmesso integralmente in diretta da Rai Radio Tre.

In televisione Rai Uno effettuerà la differita della sola prima parte il 24 dicembre alle ore 11.05.
TEATRO ALLA SCALA 

CONCERTO DI NATALE

ORCHESTRA E CORO DEL TEATRO ALLA SCALA

CORO DI VOCI BIANCHE DELL’ACCADEMIA TEATRO ALLA SCALA

Direttore DANIEL HARDING

Maestro del Coro BRUNO CASONI

FELIX MENDELSSOHN-BARTHOLDY

“ELIAS” OP. 70

ORATORIO PER SOLI, CORO E ORCHESTRA

Firenze

Teatro della Pergola

28 dicembre / 5 gennaio

TI HO SPOSATO PER ALLEGRIA

Chiara Francini, Emanuele Salce

Milano Teatro Manzoni

Il Bell’Antonio di Vitaliano Brancati con Andrea Giordana e Giancarlo Zanetti per la regia di Giancarlo Sepe, in scena dal 9 al 26 gennaio 2014

<< Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Next >>



 

 

 

 

 

 

 

 

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Homo Page