Lunedì, 10 Dicembre 2018  

Sfoglia

 

Cerca:  

 

Il cineasta dirige Placido e Rubini: un trio prestigioso al Bellini per il capolavoro di Cechov

Bellocchio e "Zio Vanja", il piacere di tornare al teatro

Servizio di Anita Curci


Dal 14 al 19 gennaio Sergio Rubini e Michele Placido saranno sul palcoscenico del Teatro Bellini di Napoli con lo spettacolo Zio Vanja di Anton Cechov. Con Pier Giorgio Bellocchio e la regia di Marco Bellocchio.

Zio Vanja è tra i capolavori assoluti del teatro. La ricostruzione minuziosa di atmosfere inquietanti, l´indifferenza dei personaggi sugli eventi, il senso dell´attesa di una incombente catastrofe rendono questo testo una geniale anticipazione della drammaturgia novecentesca. Marco Bellocchio, uno degli artisti più anticonformisti del cinema italiano, ne cura la regia.

Coraggioso e deciso, ha portato avanti le sue idee attraverso il talento creativo, concentrandosi sulla complessità dei fatti e della politica sessantottina, sulle conseguenze drammatiche degli anni di piombo. Con arte e lucidità ha continuato a dedicarsi a un laborioso lavoro di tessitura cinematografica fino alle opere più recenti Vincere, Sorelle mai, Bella Addormentata.

 

Bellocchio, dopo Timone d´Atene di Shakespeare al Piccolo di Milano e Macbeth al Teatro di Roma nel 2000, ancora con Placido. Questa, nella sua lunga carriera, è solo la terza regia teatrale. Perché la decisione di tornare al palcoscenico?

Ho dato inizio a questa nuova avventura drammaturgica su invito di Placido. A farci incontrare è stato il comune intento di collaborare proprio in palcoscenico, e su tale opera in particolare. Amo molto Cechov e conosco bene Zio Vanja.

 

E´ il suo secondo Cechov, se consideriamo anche il film tv del 1977 tratto da "Il gabbiano". Che cosa l´attrae dell´autore russo?

È una frequentazione di lunghissima data. Naturalmente alla mia età non guardo Cechov come lo guardavo a vent´anni, ma con una lucidità diversa. Ad attrarmi è la vita di campagna, la famiglia, i movimenti e gli struggimenti psicologici, gli amori, le disperazioni. Tutto è espresso in modo delicato.

La mia esperienza maggiore parte dal cinema, ma ho una sensibilità che si addice a questo tipo di teatro. Ho come una consapevolezza nuova, senza passato. Con Il gabbiano sono rimasto fedele al testo impostando la rappresentazione in modo squisitamente cinematografico; qui, invece, mi sono trovato di fronte a dinamiche di teatro per me del tutto nuove, diverse da quelle del cinema. E ho vissuto questa occasione con grande partecipazione, essendo il teatro lo spettacolo più antico del mondo. Per giunta, rispetto al set, ci sono aspetti, soprattutto quelli positivi e ingenui di ogni rappresentazione, che cambiano di volta in volta, di teatro in teatro; a volte in modo mostruosamente differente. Insomma, bisogna sempre modularsi in maniera diversa. E questo è affascinante.

 

Perché "Zio Vanja"?

Perché un po´ tutti i testi principali di Cechov sono dei capolavori che si integrano. Con Zio Vanja, con Il giardino dei ciliegi o con Tre sorelle, ad esempio, ritorni sempre sui grandi temi di un autore geniale. Non che le opere si equivalgano, ognuna possiede un tratto distintivo, ma tutte si incontrano nella sostanza. Zio Vanja è stato scelto sia per la presenza di uno straordinario personaggio che è quello protagonista, sia perché è un testo con una sua semplicità di racconto, addirittura con una sua relativa e certa brevità. Mi sembrava più semplice. Abbiamo poi provato con calma. Il tempo per me è fondamentale per arrivare ai veri risultati.

 

"Zio Vanja" è un testo molto rappresentato. Come gli ha dato la sua impronta originale? Qual è la cifra della sua regia?

Ne ho visti alcuni, non tutti. È chiaro che è un po´ questa la contraddizione.

A me interessava puntare sulla recitazione, sui sentimenti che mi veniva di rappresentare restando vicino ai personaggi e a ciò che provano. Cercando di contemperare una certa recitazione con quella che è l´esigenza di chi va a teatro. Non sono le bizzarrie e i barocchismi a interessarmi, ma il rapporto tra i personaggi e ciò che esprimono. Io li ho lasciati fedeli al testo di Cechov e li faccio muovere in una scenografia essenziale che lavora sulle luci e sulla profondità di campo. Ho puntato poi su un commento musicale piuttosto ricco, forte della mia esperienza cinematografica. Mi sono avvalso di Carlo Crivelli, una  voce  artistica  significativa  che è riuscito a marcare situazioni e parole.

 

Un classico è sempre attuale. In che cosa consiste l´attualità di "Zio Vanja" secondo lei? Forse nel senso di infelicità che pervade la storia e i personaggi?

L´attualità dipende dal rapporto tra testo e lettore. La ritrovi quando leggi Dostoevskij e Tolstoj; e nel V Canto dell´Inferno. Alla fine, dipende dalla grandezza di un testo, ma anche dalla sensibilità del lettore che ha gli strumenti per coglierla.


Su "Zio Vanja" potrebbe fare un film per il cinema?

E´ un discorso che viene dopo. Dovrebbe essere un´altra cosa. Sarebbe calato in una realtà dove ogni aspetto teatrale dovrebbe ridursi notevolmente. Il film è fatto almeno con la metà delle parole usate in teatro. Le parole devono fare dieci passi indietro, perché il cinema ha un altro linguaggio.

 

9 gennaio 2014


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google





























Morto Arnoldo Foà, aveva 98 anni: protagonista del ´900 dal teatro alla tv

L´actualité du mois et le programme des Théâtres Parisiens Associés Venez découvrir les pièces des Theatresparisiensassocies.com !

Venezia - HEDDA GABLER di Henrik Ibsen AL TEATRO GOLDONI DI VENEZIA | 8-12 gennaio 2014þ con Manuela Mandracchia, Luciano Roman, Jacopo Venturiero, Simonetta Cartia,Federica Rosellini, Massimo Nicolini, Laura Piazza

LA SERA DI CAPODANNO VA IN SCENA AL CARIGNANO DI TORINO
“MISERIA E NOBILTÀ” DI EDUARDO SCARPETTA CON GEPPY GLEIJESES, LELLO ARENA, MARIANELLA BARGILLI, PER LA REGIA DI GEPPY GLEIJESES

Torino - Anche quest´anno il Teatro Cardinal Massaia propone al suo pubblico uno speciale Gran Galà di Capodanno.

Martedì 31 dicembre 2013 a partire dall ore 20:00

Apericena a buffet in collaborazione con SPES 

Spettacolo CAPODANNO A TEATRO con ANTONELLO COSTA
Come iniziare "bene" l´anno se non in compagnia del Re del Varietà? Antonello Costa promette due ore di risate, in uno show senza eguali, con tutti i suoi personaggi più celebri, impreziosito da momenti musicali e danzanti insieme al suo corpo di ballo. 

Brindisi di mezzanotte con panettone e spumante in compagnia di Antonello Costa! 

A seguire ...  ancora risate e intrattenimento! 

Napoli - Dal 4 al 12 gennaio al San Ferdinando | spazio La stanza blu

in scena La grande magia di Eduardo

adattamento e regia di Rosario Sparno

 

Martedì 31 dicembre: serata speciale al Teatro Sannazaro di Napoli con il Cafè Chantant, spettacolo che, anche quest’anno, sarà in scena la notte di Capodanno, preceduto dal Gran Cenone di San Silvestro

Roma - SAN SILVESTRO E LA BEFANA ALL´ ELISEO CON "LA VITA E´ UNA COSA MERAVIGLIOSA" E "E POI...PINOCCHIO"
Il 31 dicembre al Teatro Eliseo ci sarà la speciale replica dello spettacolo di e con Carlo Buccirosso.  LA VITA E´ UNA COSA MERAVIGLIOSA. Lo spettacolo andrà in scena alle ore 20,00. Durante l´intervallo ci sarà il brindisi e il panettone con tutta la compagnia degli attori che scenderà in platea con il pubblico a brindare all´anno nuovo. Carlo Buccirosso augurerà buon anno al pubblico dell´eliseo.
31 dicembre recita speciale ore 20.00
con brindisi assieme alla compagnia
Prezzi speciali 31 dicembre:
platea 60 € | balconata 50 €
prima galleria 33 € | seconda galleria 22 €

E per la Befana invece nuovo appuntamento sempre in compagnia di Carlo Buccirosso e della compagnia di LA VITA E´ UNA COSA MERAVIGLIOSA.
6 gennaio recita speciale ore 17.00

con tombolata finale e tanti premi.
Prezzi speciali 6 gennaio:
platea 38 € | balconata 31 €
prima galleria 26 € | seconda galleria 21 €

Roma - Teatro dei Conciatori - dal 3 al 12 Gennaio 2014 - lo spettacolo UN AMORE DA INCUBO, scritto e diretto da FRANCESCA DRAGHETTI. Lo spettacolo avrà un doppio cast: primo week-end con Roberto Stocchi, Ughetta D´Onorascenzo, Simone Crisari; seconda settimana con Antonella Alessandro, Roberto Draghetti, Roberto Stocchi.



Saronno (Va) – Teatro Giuditta Pasta

Martedì 31 dicembre - ore 21.00
LA PRINCIPESSA DELLA CZARDA
operetta in due atti di E. Kalman
regia di Alessandro Brachetti
orchestra “Cantieri d’Arte”
diretta da Stefano Giaroli
corpo di Ballo Accademia
coreografie di Costanza Chiapponi

TEATRO RAGAZZI

Lunedì 6 gennaio - ore 16.00
L’APPRENDISTA STREGONE scuola di magia
di Carlo Presotto con Carlo Presotto, Giorgia Antonelli e Matteo Balbo
dai 4 ai 10 anni

Napoli - Ramin Baharami in concerto al Teatro Mercadante
Il Piano acustico del più grande interprete
di Bach del nostro tempo
CONCERTO PER UN ALTRO CAPODANNO
1 gennaio 2014 ore 21,00

Napoli - TEATRO BOLIVAR

Sabato 28 dicembre ore 21.00

Domenica 29 dicembre ore 18.30 NANDO VARRIALE in 

…PER SE´ E PER I SUOI

con la partecipazione del gruppo musicale degli Allerija

Roma – Teatro Olimpico

Il Mistero dell´Assassino Misterioso di e con Lillo & Greg, in scena presso il nostro teatro dal 26 dicembre 2013 al 19 gennaio 2014

Verona 31 dicembre ore 22.00 / Teatro Nuovo

La pasion de Carmen

Bellini di Napoli

"Core pazzo", spettacolo di e con Nino D´Angelo che sarà in scena al Teatro Bellini dal 25 dicembre al 12 gennaio

L´actualité du mois et le programme des Théâtres Parisiens Associés

Venez découvrir les pièces des Theatresparisiensassocies.com !

dal 03/01/2014 al 04/01/2014 Teatro Paisiello - LECCE - (LE) Stelle e Storielle / Comune di Lecce

Il Concerto di Natale del 21 dic. sarà trasmesso integralmente in diretta da Rai Radio Tre.

In televisione Rai Uno effettuerà la differita della sola prima parte il 24 dicembre alle ore 11.05.
TEATRO ALLA SCALA 

CONCERTO DI NATALE

ORCHESTRA E CORO DEL TEATRO ALLA SCALA

CORO DI VOCI BIANCHE DELL’ACCADEMIA TEATRO ALLA SCALA

Direttore DANIEL HARDING

Maestro del Coro BRUNO CASONI

FELIX MENDELSSOHN-BARTHOLDY

“ELIAS” OP. 70

ORATORIO PER SOLI, CORO E ORCHESTRA

Firenze

Teatro della Pergola

28 dicembre / 5 gennaio

TI HO SPOSATO PER ALLEGRIA

Chiara Francini, Emanuele Salce

Milano Teatro Manzoni

Il Bell’Antonio di Vitaliano Brancati con Andrea Giordana e Giancarlo Zanetti per la regia di Giancarlo Sepe, in scena dal 9 al 26 gennaio 2014

<< Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Next >>



 

 

 

 

 

 

 

 

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Homo Page