Giovedì, 26 Novembre 2020  

Sfoglia

 

Cerca:  

 

Il teatro luogo di umanità

Incontro con Pippo Del Bono

Servizio di Laura Canevali

 

Pippo del Bono è uno dei grandi Maestri del Teatro Italiano. Nessuno come lui ha sperimentato tanto per ritrovare qualcosa di antico. La sua sperimentazione non è fine a se stessa, ma ha dentro una sua lirica.

Pippo Del Bono è stato definito in tanti modi e non è dubbio che sia un provocatore, ma anche un poeta del teatro, un innovatore che non ha paura di mostrare. Il suo è il linguaggio di un artista che si sente libero e che sa che non è facile in una società che tutto vuole conformare.

In questo incontro parliamo dei due spettacoli che sta portando in giro Racconti di giugno andato in scena al Teatro Bellini di Napoli e Orchidee con cui sta girando da vari mesi e che porterà anche all´estero.

I suoi progetti futuri sono molteplici dall´opera al cinema, con cui ha un rapporto lungo sia in veste di attore che di regista. Ma dobbiamo aspettarci anche altro perché Pippo Del Bono è un artista che non si arrende, uno sperimentatore di vari generi, andando dove non sa.

 

A chi o cosa si ispira per costruire il suo teatro? Quanto l´ha influenzata l´incontro con Pina Baush?

 

Sono tante le cose a cui mi ispiro.  Il mio linguaggio è creazione che trae spunti da tanti elementi: i fatti della vita, la politica, la società, il fumetto… Inserisco tutto, nulla è vietato… Il teatro è un luogo dove tutto può entrare. Perché ogni cosa è ricchezza. Con Pina Bausch c´è stato un incontro speciale; fondamentale per il mio modo di fare teatro. Si è consolidato un rapporto di lavoro durato nel tempo. Poi negli ultimi anni, quando è tornata alla danza, ci siamo persi di vista.

 

Racconti di giugno. Può parlarci di quest´opera portata sul palco del Piccolo Bellini di Napoli?

 

E´ un´autobiografia, un monologo che mischia parole mie alle parole di poeti. E´ un pretesto per raccontare un momento storico, un periodo che si genera e si alimenta.

 

Da che cosa nasce Racconti di giugno?

 

Lo spunto è stato scrivere un testo sull´omosessualità. E´ un urlo che parla di amore in tutte le sue forme. Dall´amore per il teatro all´amore per la madre, all´omosessualità in tutte le sue diversità. E´ un grido per raccontare in un periodo buio il trionfo della vita sulla morte. Come nel mio film Sangue dove c´era lo sfondo del terrorismo e l´amore per la madre. Anche lì un trionfo della vita sulla morte.

 

E Orchidee?

 

Orchidee è uno spettacolo che parla di questo tempo complesso, complicato, dove tutto si intreccia, politica, falso, vero, la morte delle cose e spiragli di luce, senso di vuoto. Sono appositamente lontano dall´estetica per far sì che questo fiore sia più un simbolo di plastica che autentico.

 

Orchidee in francese significa eternità. Può dirsi altrettanto del teatro?

 

Il teatro è un continuo incontro tra esseri umani, non so se lo sia, ma dura nel tempo come la musica.

 

Ogni suo spettacolo è innovativo tanto da essere caso a sé. Penso anche al fatto di una continua sperimentazione portando all´estremo situazioni e personaggi come Bobò ad esempio. Come pensa debba comportarsi il teatro nei confronti del nuovo?

 

Il teatro è un luogo pieno di umanità. Sperimentare, vuol dire andare alla ricerca di un umanità perduta, per trovarne una nuova. Per questo il teatro deve alimentarsi di nuove umanità per allargare la famiglia. Rinnovare e ricercare per trovare qualcosa di antico.

 

Orchidee ha richiami onirici. Quanto conta quest´aspetto per certi versi visionario nel suo teatro in particolare in questo spettacolo? Che cosa vuole dimostrare o trasmettere al pubblico?

 

L´onirico è parte dell´inconscio che ha a che fare con il mondo, l´uomo, l´arte. E´ la parte più profonda degli esseri umani. Onirico accomuna il pubblico che vuole capire. Il teatro non è fatto per i colti.

 

Che rapporto ha con il mondo del cinema?

 

Il cinema mi piace. Ha uno sguardo più intimo del teatro. Nel cinema si possono approfondire cose che altrimenti sfuggono. Penso a certi particolari come gli sguardi. Penso che l´attore sia di servizio, si fa guardare. Mi diverto. In fondo nasco come attore.

 

Ha vinto numerosi premi nel teatro e al cinema. Quanto la gratificano?

 

Sono cose passeggere, perché siamo di transito. Sono una conferma ma non bisogna fermarsi sugli allori. Mi piace andare ad esplorare ciò che non so fare.

 

Che progetti ha per il futuro?

 

Diverse cose: un´opera lirica, tournèe, e in giro con Orchidee anche all´estero, mostra fotografica, tornare in Africa a lavorare. Tante cose e vorrei potermi anche fermare. Purtroppo non è facile essere artista rimanendo libero.



27 dicembre 2013




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google


























Morto Arnoldo Foà, aveva 98 anni: protagonista del ´900 dal teatro alla tv

L´actualité du mois et le programme des Théâtres Parisiens Associés Venez découvrir les pièces des Theatresparisiensassocies.com !

Venezia - HEDDA GABLER di Henrik Ibsen AL TEATRO GOLDONI DI VENEZIA | 8-12 gennaio 2014þ con Manuela Mandracchia, Luciano Roman, Jacopo Venturiero, Simonetta Cartia,Federica Rosellini, Massimo Nicolini, Laura Piazza

LA SERA DI CAPODANNO VA IN SCENA AL CARIGNANO DI TORINO
“MISERIA E NOBILTÀ” DI EDUARDO SCARPETTA CON GEPPY GLEIJESES, LELLO ARENA, MARIANELLA BARGILLI, PER LA REGIA DI GEPPY GLEIJESES

Torino - Anche quest´anno il Teatro Cardinal Massaia propone al suo pubblico uno speciale Gran Galà di Capodanno.

Martedì 31 dicembre 2013 a partire dall ore 20:00

Apericena a buffet in collaborazione con SPES 

Spettacolo CAPODANNO A TEATRO con ANTONELLO COSTA
Come iniziare "bene" l´anno se non in compagnia del Re del Varietà? Antonello Costa promette due ore di risate, in uno show senza eguali, con tutti i suoi personaggi più celebri, impreziosito da momenti musicali e danzanti insieme al suo corpo di ballo. 

Brindisi di mezzanotte con panettone e spumante in compagnia di Antonello Costa! 

A seguire ...  ancora risate e intrattenimento! 

Napoli - Dal 4 al 12 gennaio al San Ferdinando | spazio La stanza blu

in scena La grande magia di Eduardo

adattamento e regia di Rosario Sparno

 

Martedì 31 dicembre: serata speciale al Teatro Sannazaro di Napoli con il Cafè Chantant, spettacolo che, anche quest’anno, sarà in scena la notte di Capodanno, preceduto dal Gran Cenone di San Silvestro

Roma - SAN SILVESTRO E LA BEFANA ALL´ ELISEO CON "LA VITA E´ UNA COSA MERAVIGLIOSA" E "E POI...PINOCCHIO"
Il 31 dicembre al Teatro Eliseo ci sarà la speciale replica dello spettacolo di e con Carlo Buccirosso.  LA VITA E´ UNA COSA MERAVIGLIOSA. Lo spettacolo andrà in scena alle ore 20,00. Durante l´intervallo ci sarà il brindisi e il panettone con tutta la compagnia degli attori che scenderà in platea con il pubblico a brindare all´anno nuovo. Carlo Buccirosso augurerà buon anno al pubblico dell´eliseo.
31 dicembre recita speciale ore 20.00
con brindisi assieme alla compagnia
Prezzi speciali 31 dicembre:
platea 60 € | balconata 50 €
prima galleria 33 € | seconda galleria 22 €

E per la Befana invece nuovo appuntamento sempre in compagnia di Carlo Buccirosso e della compagnia di LA VITA E´ UNA COSA MERAVIGLIOSA.
6 gennaio recita speciale ore 17.00

con tombolata finale e tanti premi.
Prezzi speciali 6 gennaio:
platea 38 € | balconata 31 €
prima galleria 26 € | seconda galleria 21 €

Roma - Teatro dei Conciatori - dal 3 al 12 Gennaio 2014 - lo spettacolo UN AMORE DA INCUBO, scritto e diretto da FRANCESCA DRAGHETTI. Lo spettacolo avrà un doppio cast: primo week-end con Roberto Stocchi, Ughetta D´Onorascenzo, Simone Crisari; seconda settimana con Antonella Alessandro, Roberto Draghetti, Roberto Stocchi.



Saronno (Va) – Teatro Giuditta Pasta

Martedì 31 dicembre - ore 21.00
LA PRINCIPESSA DELLA CZARDA
operetta in due atti di E. Kalman
regia di Alessandro Brachetti
orchestra “Cantieri d’Arte”
diretta da Stefano Giaroli
corpo di Ballo Accademia
coreografie di Costanza Chiapponi

TEATRO RAGAZZI

Lunedì 6 gennaio - ore 16.00
L’APPRENDISTA STREGONE scuola di magia
di Carlo Presotto con Carlo Presotto, Giorgia Antonelli e Matteo Balbo
dai 4 ai 10 anni

Napoli - Ramin Baharami in concerto al Teatro Mercadante
Il Piano acustico del più grande interprete
di Bach del nostro tempo
CONCERTO PER UN ALTRO CAPODANNO
1 gennaio 2014 ore 21,00

Napoli - TEATRO BOLIVAR

Sabato 28 dicembre ore 21.00

Domenica 29 dicembre ore 18.30 NANDO VARRIALE in 

…PER SE´ E PER I SUOI

con la partecipazione del gruppo musicale degli Allerija

Roma – Teatro Olimpico

Il Mistero dell´Assassino Misterioso di e con Lillo & Greg, in scena presso il nostro teatro dal 26 dicembre 2013 al 19 gennaio 2014

Verona 31 dicembre ore 22.00 / Teatro Nuovo

La pasion de Carmen

Bellini di Napoli

"Core pazzo", spettacolo di e con Nino D´Angelo che sarà in scena al Teatro Bellini dal 25 dicembre al 12 gennaio

L´actualité du mois et le programme des Théâtres Parisiens Associés

Venez découvrir les pièces des Theatresparisiensassocies.com !

dal 03/01/2014 al 04/01/2014 Teatro Paisiello - LECCE - (LE) Stelle e Storielle / Comune di Lecce

Il Concerto di Natale del 21 dic. sarà trasmesso integralmente in diretta da Rai Radio Tre.

In televisione Rai Uno effettuerà la differita della sola prima parte il 24 dicembre alle ore 11.05.
TEATRO ALLA SCALA 

CONCERTO DI NATALE

ORCHESTRA E CORO DEL TEATRO ALLA SCALA

CORO DI VOCI BIANCHE DELL’ACCADEMIA TEATRO ALLA SCALA

Direttore DANIEL HARDING

Maestro del Coro BRUNO CASONI

FELIX MENDELSSOHN-BARTHOLDY

“ELIAS” OP. 70

ORATORIO PER SOLI, CORO E ORCHESTRA

Firenze

Teatro della Pergola

28 dicembre / 5 gennaio

TI HO SPOSATO PER ALLEGRIA

Chiara Francini, Emanuele Salce

Milano Teatro Manzoni

Il Bell’Antonio di Vitaliano Brancati con Andrea Giordana e Giancarlo Zanetti per la regia di Giancarlo Sepe, in scena dal 9 al 26 gennaio 2014

<< Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Next >>



 

 

 

 

 

 

 

 

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Homo Page