Lunedì, 09 Dicembre 2019  

Sfoglia

 

Cerca:  

 

Con Cirillo al Mercadante la farsa di Feydeau diventa commedia all´italiana

Anni Sessanta: l´ipocrisia borghese svelata da "La purga"

Servizio di Federica De Cesare


Arturo Cirillo ha inaugurato il suo tour con la prima di "La purga". Il regista ripropone l´umoristico testo del francese Feydeau in sette citt¨¤ italiane. Ambientata in una casa degli anni ´60-´70 la storia utilizza come pretesto la defecazione per far emergere, attraverso dialoghi surreali e ironici, tutta l´ipocrisia della borghesia di allora, come di oggi. Al centro, un nucleo familiare attorno al quale girano equivoci al limite del paradossale, e un uomo-bambino costipato, Totò, l´unico che, beffando gli altri, non si libererà dello sporco contenuto del suo corpo, salvandone così la sola esteriorità ad immagine del falso perbenismo della società borghese. In scena con lo stesso Cirillo, Sabrina Scuccimarra, Rosario Giglio, Luciano Saltarelli e Giuseppina Cervezzi. Lo spettacolo è stato al Mercadante dal 10 al 15 dicembre.

Il Teatro Mercadante attende lei e la sua compagnia. Il pubblico napoletano ha sempre dimostrato gradimento per  il sottile umorismo tipico delle opere di Feydeau. Cosa si aspetta da questo incontro?

Ritengo che Feydeau non sia un autore particolarmente conosciuto, in Italia, dal pubblico medio. Non ricordo molti spettacoli tratti da sue opere. Credo, che il mondo dell´artista sia molto legato al contesto e alla cultura francese e che piuttosto vivano in Italia dei corrispettivi. Lo stesso Scarpetta è stato un drammaturgo molto prolifico, forse ancor più di Feydeau, elaborando innumerevoli testi attraverso la riscrittura e l´adattamento di opere provenienti, in buona parte, dal teatro comico francese.

Scarpetta è, in questo senso, un suo corrispettivo e, al tempo stesso, un marchio di qualità tutto italiano. Nella "Purga", ho infatti, operato una traslazione: l´ho allontanata dal paese di origine ricollocandola in un Italia borghese a cavallo tra gli anni ´60-´70, in un´atmosfera tipicamente da commedia all´italiana. Tuttavia, non ho reso i personaggi specificatamente italiani, quanto piuttosto, universali, universalità che si riflette nei costumi come nelle scene. L´universalità sulla quale voglio puntare i riflettori, attraverso questa rappresentazione, è l´imbecillità del mondo borghese, di questo perbenismo di facciata che, un poi, come nel film "La Cena dei cretini" ancora ci riguarda.

 

La sua teatralizzazione dell´opera "On purge bebè" fonde, in qualche modo, il teatro del paradosso dell¡¯autore francese con il surrealismo di Bu¨¾uel?

 

Lo spettacolo è il frutto della contaminazione di molteplici elementi. Sicuramente mi sono ispirato al "Fantasma della libertà" di Bunuel, che pone l´accento sull´ipocrisia del mondo borghese. Celebre ed emblematica la scena dell´invito a cena, alla quale tutti partecipano seduti su dei water e ove nessuno di fatto consuma alcun pasto. Sarà necessario chiedere dello stanzino per poter mangiare, ma ovviamente di nascosto.

Attraverso questo paradosso, per cui, defecare diviene un atto socialmente accettato, mentre nutrirsi è piuttosto qualcosa di cui vergognarsi, Bunuel esplicita proprio la "malattia" del mondo borghese che decide cosa è giusto o meno fare.

Del film ho voluto cogliere proprio quest´immagine stridente e allo stesso tempo dissacrante.

Altra opera alla quale mi sono inspirato  è stata "Victor ou les enfants au pouvoir", Victor o i bambini al potere, di Roger Vitrac.

Grande satira alla borghesia.

 

Ritiene che portare in scena il paradosso della condizione umana attraverso l´umorismo, a volte pungente del teatro, possa risvegliare le coscienze?

 

Di sicuro chi si occupa di teatro realizza un´operazione sulla mente, sia sulla propria che su quella del pubblico. Tuttavia ritengo quest´opera provocatoria.

A differenza di un Molière, in cui il tragico è molto forte, Feydeau non guarda con profondità le cose, ma le mette in scena con superficialità. Si tratta, ovviamente, di una superficialità provocatoria, per l´appunto, che il pubblico può cogliere o meno.

Un umorismo caustico capace di suscitare reazioni disparate e sul quale io ho particolarmente agito mettendo in scena elementi come i water o introducendo un personaggio che ha una continua flatulenza.

 

Riscoprire i classici che hanno fatto storia, può essere una soluzione per risolvere l´attuale crisi del teatro per carenza di testi validi?

 

Questo è un discorso complesso che riguarda molti ambiti della cultura. In Italia, purtroppo, c´è pochissima politica teatrale legata alla nuova drammaturgia.

Far girare un testo innovativo è un´impresa titanica. Perfino un autore come Bernard avrebbe, oggi, difficoltà ad emergere.  

Così alla mancanza di investimento corrisponde una carenza di testi nuovi. Sicuramente fare classici è un´ottima scelta, quando si crea equilibrio tra vecchio e nuovo. Sono spesso proprio i direttori dei teatri che evitano di proporre nei cartelloni opere poco conosciute o addirittura totalmente sconosciute al pubblico, nell´illusione che un classico o un attore di punta, possa essere determinante per riempire la sala. 

 

dicembre 2013




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google





















Morto Arnoldo Foà, aveva 98 anni: protagonista del ´900 dal teatro alla tv

L´actualité du mois et le programme des Théâtres Parisiens Associés Venez découvrir les pièces des Theatresparisiensassocies.com !

Venezia - HEDDA GABLER di Henrik Ibsen AL TEATRO GOLDONI DI VENEZIA | 8-12 gennaio 2014þ con Manuela Mandracchia, Luciano Roman, Jacopo Venturiero, Simonetta Cartia,Federica Rosellini, Massimo Nicolini, Laura Piazza

LA SERA DI CAPODANNO VA IN SCENA AL CARIGNANO DI TORINO
“MISERIA E NOBILTÀ” DI EDUARDO SCARPETTA CON GEPPY GLEIJESES, LELLO ARENA, MARIANELLA BARGILLI, PER LA REGIA DI GEPPY GLEIJESES

Torino - Anche quest´anno il Teatro Cardinal Massaia propone al suo pubblico uno speciale Gran Galà di Capodanno.

Martedì 31 dicembre 2013 a partire dall ore 20:00

Apericena a buffet in collaborazione con SPES 

Spettacolo CAPODANNO A TEATRO con ANTONELLO COSTA
Come iniziare "bene" l´anno se non in compagnia del Re del Varietà? Antonello Costa promette due ore di risate, in uno show senza eguali, con tutti i suoi personaggi più celebri, impreziosito da momenti musicali e danzanti insieme al suo corpo di ballo. 

Brindisi di mezzanotte con panettone e spumante in compagnia di Antonello Costa! 

A seguire ...  ancora risate e intrattenimento! 

Napoli - Dal 4 al 12 gennaio al San Ferdinando | spazio La stanza blu

in scena La grande magia di Eduardo

adattamento e regia di Rosario Sparno

 

Martedì 31 dicembre: serata speciale al Teatro Sannazaro di Napoli con il Cafè Chantant, spettacolo che, anche quest’anno, sarà in scena la notte di Capodanno, preceduto dal Gran Cenone di San Silvestro

Roma - SAN SILVESTRO E LA BEFANA ALL´ ELISEO CON "LA VITA E´ UNA COSA MERAVIGLIOSA" E "E POI...PINOCCHIO"
Il 31 dicembre al Teatro Eliseo ci sarà la speciale replica dello spettacolo di e con Carlo Buccirosso.  LA VITA E´ UNA COSA MERAVIGLIOSA. Lo spettacolo andrà in scena alle ore 20,00. Durante l´intervallo ci sarà il brindisi e il panettone con tutta la compagnia degli attori che scenderà in platea con il pubblico a brindare all´anno nuovo. Carlo Buccirosso augurerà buon anno al pubblico dell´eliseo.
31 dicembre recita speciale ore 20.00
con brindisi assieme alla compagnia
Prezzi speciali 31 dicembre:
platea 60 € | balconata 50 €
prima galleria 33 € | seconda galleria 22 €

E per la Befana invece nuovo appuntamento sempre in compagnia di Carlo Buccirosso e della compagnia di LA VITA E´ UNA COSA MERAVIGLIOSA.
6 gennaio recita speciale ore 17.00

con tombolata finale e tanti premi.
Prezzi speciali 6 gennaio:
platea 38 € | balconata 31 €
prima galleria 26 € | seconda galleria 21 €

Roma - Teatro dei Conciatori - dal 3 al 12 Gennaio 2014 - lo spettacolo UN AMORE DA INCUBO, scritto e diretto da FRANCESCA DRAGHETTI. Lo spettacolo avrà un doppio cast: primo week-end con Roberto Stocchi, Ughetta D´Onorascenzo, Simone Crisari; seconda settimana con Antonella Alessandro, Roberto Draghetti, Roberto Stocchi.



Saronno (Va) – Teatro Giuditta Pasta

Martedì 31 dicembre - ore 21.00
LA PRINCIPESSA DELLA CZARDA
operetta in due atti di E. Kalman
regia di Alessandro Brachetti
orchestra “Cantieri d’Arte”
diretta da Stefano Giaroli
corpo di Ballo Accademia
coreografie di Costanza Chiapponi

TEATRO RAGAZZI

Lunedì 6 gennaio - ore 16.00
L’APPRENDISTA STREGONE scuola di magia
di Carlo Presotto con Carlo Presotto, Giorgia Antonelli e Matteo Balbo
dai 4 ai 10 anni

Napoli - Ramin Baharami in concerto al Teatro Mercadante
Il Piano acustico del più grande interprete
di Bach del nostro tempo
CONCERTO PER UN ALTRO CAPODANNO
1 gennaio 2014 ore 21,00

Napoli - TEATRO BOLIVAR

Sabato 28 dicembre ore 21.00

Domenica 29 dicembre ore 18.30 NANDO VARRIALE in 

…PER SE´ E PER I SUOI

con la partecipazione del gruppo musicale degli Allerija

Roma – Teatro Olimpico

Il Mistero dell´Assassino Misterioso di e con Lillo & Greg, in scena presso il nostro teatro dal 26 dicembre 2013 al 19 gennaio 2014

Verona 31 dicembre ore 22.00 / Teatro Nuovo

La pasion de Carmen

Bellini di Napoli

"Core pazzo", spettacolo di e con Nino D´Angelo che sarà in scena al Teatro Bellini dal 25 dicembre al 12 gennaio

L´actualité du mois et le programme des Théâtres Parisiens Associés

Venez découvrir les pièces des Theatresparisiensassocies.com !

dal 03/01/2014 al 04/01/2014 Teatro Paisiello - LECCE - (LE) Stelle e Storielle / Comune di Lecce

Il Concerto di Natale del 21 dic. sarà trasmesso integralmente in diretta da Rai Radio Tre.

In televisione Rai Uno effettuerà la differita della sola prima parte il 24 dicembre alle ore 11.05.
TEATRO ALLA SCALA 

CONCERTO DI NATALE

ORCHESTRA E CORO DEL TEATRO ALLA SCALA

CORO DI VOCI BIANCHE DELL’ACCADEMIA TEATRO ALLA SCALA

Direttore DANIEL HARDING

Maestro del Coro BRUNO CASONI

FELIX MENDELSSOHN-BARTHOLDY

“ELIAS” OP. 70

ORATORIO PER SOLI, CORO E ORCHESTRA

Firenze

Teatro della Pergola

28 dicembre / 5 gennaio

TI HO SPOSATO PER ALLEGRIA

Chiara Francini, Emanuele Salce

Milano Teatro Manzoni

Il Bell’Antonio di Vitaliano Brancati con Andrea Giordana e Giancarlo Zanetti per la regia di Giancarlo Sepe, in scena dal 9 al 26 gennaio 2014

<< Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Next >>



 

 

 

 

 

 

 

 

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Homo Page