Martedì, 26 Marzo 2019  

Sfoglia

 

Cerca:  

 

LA GUERRA IN TESTA

Anita Curci intervista Giancarlo Cosentino regista e direttore artistico dello spettacolo


“La guerra in testa”, parliamo del tema della rappresentazione?

 

Mi viene facile parlare dello spettacolo che ha debuttato poche ore fa, non con una manifestazione d’intenti, ma attraverso quello che di un’idea si è riuscito a realizzare sulla scena. La militanza, intesa come impegno, impegno a combattere, per la patria come per i propri ideali, impegno ad opporsi al nemico, ad un esercito armato in casa nostra ma anche all’ondata dilagante della volgarità, della violenza, della mancanza di rispetto, educazione, solidarietà: questo è il tema dello spettacolo “La guerra in testa”.

 

Come nasce questo progetto?

 

Nasce da una richiesta semplice ma netta: “ascoltate quello che è successo alla nostra città, fermatevi per un attimo e ricordiamo insieme quello che è accaduto circa 70 anni fa”. Perché non accada più, lottiamo e sconfiggiamo un nemico meno visibile, più subdolo e pericoloso, la rassegnazione ad una vita senza slanci, senza la capacità di indignarci contro tutto quello che ci opprime e limita, anche senza catene materiali, la nostra libertà. Dei nostri ragazzi, dei nostri figli mi preoccupa l’apatia cui sembrano rassegnati, la mancanza di assunzione di responsabilità, il rinviare ad un futuro incerto il tempo delle scelte. Un uomo, eccezionale nella sua normalità, che si definisce “uno dei tanti”, che ha fatto le Quattro Giornate di Napoli, che ha combattuto nelle strade del Vomero e dell’Arenella, un uomo che ha appena compiuto 90 anni, ha confidato alla platea, dopo aver visto lo spettacolo, di aver  rivissuto in poco più di un’ora gli stati d’animo e le emozioni di quei giorni: confesso che era il giudizio che più di ogni altro temevo alla vigilia della rappresentazione. Poteva dirci tranquillamente “Ragazzi, voi avete giocato a fare la guerra, io l’ho fatta davvero, vi assicuro che è impossibile riproporre quella atmosfera allucinante”. Eppure, potenza del teatro, qualcosa in chi, in prima persona, ha vissuto quella condizione estrema, il nostro spettacolo l’ha suscitato: noi non volevamo riproporre scene di guerra, ricostruire la Napoli del ’43 come potrebbe fare una fiction televisiva o un documentario, ma abbiamo lavorato sulle emozioni, quelle sono universali, senza tempo, e i nostri quindici giovani attori le hanno vissute con la verità e quindi la credibilità che devono essere il principale ingrediente di una messinscena teatrale. Gli attori diventano testimoni attivi, e “vivono” la paura, la fame, la vendetta, la disperazione, ma anche innamoramenti, fremiti di gioia, tutti sentimenti che si sviluppano senza controllo in un contesto di guerra.

 

In tutto questo, qual è il ruolo dello spettatore?

 

Gli spettatori a loro volta sono invitati a ricordare, a onorare e preservare la memoria di un pezzo di storia della nostra città, e lo potranno fare solo facendone materia viva per una riflessione sul presente. Il nostro invito è rivolto anche agli alunni adolescenti delle Medie inferiori, anche per chi non ha ancora affrontato il periodo storico di riferimento. Avendo un impatto diretto attraverso lo spettacolo sulle 4 Giornate, prima ancora di consultare un manuale di Storia, sarà stimolante poi approfondire in classe con l’insegnante, anche sulla spinta delle domande, dei dubbi e delle riflessioni che lo spettacolo avrà  fatto nascere in ogni studente. Un proseguimento dello scambio di opinioni e pensieri che sarà svolto a caldo subito dopo la rappresentazione, in teatro, insieme agli attori e al regista.

Siamo lieti di condividerlo con il pubblico formato da docenti e alunni. La barricata, simbolo della resistenza e opposizione fatta dal popolo napoletano contro l’occupazione nazista, diventi idealmente una chiamata a stringerci tutti insieme nella difesa dei veri valori!

Vai alla recensione

                                                                                                         

(15 ottobre 2012)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google












Morto Arnoldo Foà, aveva 98 anni: protagonista del ´900 dal teatro alla tv

L´actualité du mois et le programme des Théâtres Parisiens Associés Venez découvrir les pièces des Theatresparisiensassocies.com !

Venezia - HEDDA GABLER di Henrik Ibsen AL TEATRO GOLDONI DI VENEZIA | 8-12 gennaio 2014þ con Manuela Mandracchia, Luciano Roman, Jacopo Venturiero, Simonetta Cartia,Federica Rosellini, Massimo Nicolini, Laura Piazza

LA SERA DI CAPODANNO VA IN SCENA AL CARIGNANO DI TORINO
“MISERIA E NOBILTÀ” DI EDUARDO SCARPETTA CON GEPPY GLEIJESES, LELLO ARENA, MARIANELLA BARGILLI, PER LA REGIA DI GEPPY GLEIJESES

Torino - Anche quest´anno il Teatro Cardinal Massaia propone al suo pubblico uno speciale Gran Galà di Capodanno.

Martedì 31 dicembre 2013 a partire dall ore 20:00

Apericena a buffet in collaborazione con SPES 

Spettacolo CAPODANNO A TEATRO con ANTONELLO COSTA
Come iniziare "bene" l´anno se non in compagnia del Re del Varietà? Antonello Costa promette due ore di risate, in uno show senza eguali, con tutti i suoi personaggi più celebri, impreziosito da momenti musicali e danzanti insieme al suo corpo di ballo. 

Brindisi di mezzanotte con panettone e spumante in compagnia di Antonello Costa! 

A seguire ...  ancora risate e intrattenimento! 

Napoli - Dal 4 al 12 gennaio al San Ferdinando | spazio La stanza blu

in scena La grande magia di Eduardo

adattamento e regia di Rosario Sparno

 

Martedì 31 dicembre: serata speciale al Teatro Sannazaro di Napoli con il Cafè Chantant, spettacolo che, anche quest’anno, sarà in scena la notte di Capodanno, preceduto dal Gran Cenone di San Silvestro

Roma - SAN SILVESTRO E LA BEFANA ALL´ ELISEO CON "LA VITA E´ UNA COSA MERAVIGLIOSA" E "E POI...PINOCCHIO"
Il 31 dicembre al Teatro Eliseo ci sarà la speciale replica dello spettacolo di e con Carlo Buccirosso.  LA VITA E´ UNA COSA MERAVIGLIOSA. Lo spettacolo andrà in scena alle ore 20,00. Durante l´intervallo ci sarà il brindisi e il panettone con tutta la compagnia degli attori che scenderà in platea con il pubblico a brindare all´anno nuovo. Carlo Buccirosso augurerà buon anno al pubblico dell´eliseo.
31 dicembre recita speciale ore 20.00
con brindisi assieme alla compagnia
Prezzi speciali 31 dicembre:
platea 60 € | balconata 50 €
prima galleria 33 € | seconda galleria 22 €

E per la Befana invece nuovo appuntamento sempre in compagnia di Carlo Buccirosso e della compagnia di LA VITA E´ UNA COSA MERAVIGLIOSA.
6 gennaio recita speciale ore 17.00

con tombolata finale e tanti premi.
Prezzi speciali 6 gennaio:
platea 38 € | balconata 31 €
prima galleria 26 € | seconda galleria 21 €

Roma - Teatro dei Conciatori - dal 3 al 12 Gennaio 2014 - lo spettacolo UN AMORE DA INCUBO, scritto e diretto da FRANCESCA DRAGHETTI. Lo spettacolo avrà un doppio cast: primo week-end con Roberto Stocchi, Ughetta D´Onorascenzo, Simone Crisari; seconda settimana con Antonella Alessandro, Roberto Draghetti, Roberto Stocchi.



Saronno (Va) – Teatro Giuditta Pasta

Martedì 31 dicembre - ore 21.00
LA PRINCIPESSA DELLA CZARDA
operetta in due atti di E. Kalman
regia di Alessandro Brachetti
orchestra “Cantieri d’Arte”
diretta da Stefano Giaroli
corpo di Ballo Accademia
coreografie di Costanza Chiapponi

TEATRO RAGAZZI

Lunedì 6 gennaio - ore 16.00
L’APPRENDISTA STREGONE scuola di magia
di Carlo Presotto con Carlo Presotto, Giorgia Antonelli e Matteo Balbo
dai 4 ai 10 anni

Napoli - Ramin Baharami in concerto al Teatro Mercadante
Il Piano acustico del più grande interprete
di Bach del nostro tempo
CONCERTO PER UN ALTRO CAPODANNO
1 gennaio 2014 ore 21,00

Napoli - TEATRO BOLIVAR

Sabato 28 dicembre ore 21.00

Domenica 29 dicembre ore 18.30 NANDO VARRIALE in 

…PER SE´ E PER I SUOI

con la partecipazione del gruppo musicale degli Allerija

Roma – Teatro Olimpico

Il Mistero dell´Assassino Misterioso di e con Lillo & Greg, in scena presso il nostro teatro dal 26 dicembre 2013 al 19 gennaio 2014

Verona 31 dicembre ore 22.00 / Teatro Nuovo

La pasion de Carmen

Bellini di Napoli

"Core pazzo", spettacolo di e con Nino D´Angelo che sarà in scena al Teatro Bellini dal 25 dicembre al 12 gennaio

L´actualité du mois et le programme des Théâtres Parisiens Associés

Venez découvrir les pièces des Theatresparisiensassocies.com !

dal 03/01/2014 al 04/01/2014 Teatro Paisiello - LECCE - (LE) Stelle e Storielle / Comune di Lecce

Il Concerto di Natale del 21 dic. sarà trasmesso integralmente in diretta da Rai Radio Tre.

In televisione Rai Uno effettuerà la differita della sola prima parte il 24 dicembre alle ore 11.05.
TEATRO ALLA SCALA 

CONCERTO DI NATALE

ORCHESTRA E CORO DEL TEATRO ALLA SCALA

CORO DI VOCI BIANCHE DELL’ACCADEMIA TEATRO ALLA SCALA

Direttore DANIEL HARDING

Maestro del Coro BRUNO CASONI

FELIX MENDELSSOHN-BARTHOLDY

“ELIAS” OP. 70

ORATORIO PER SOLI, CORO E ORCHESTRA

Firenze

Teatro della Pergola

28 dicembre / 5 gennaio

TI HO SPOSATO PER ALLEGRIA

Chiara Francini, Emanuele Salce

Milano Teatro Manzoni

Il Bell’Antonio di Vitaliano Brancati con Andrea Giordana e Giancarlo Zanetti per la regia di Giancarlo Sepe, in scena dal 9 al 26 gennaio 2014

<< Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Next >>



 

 

 

 

 

 

 

 

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Homo Page