Lunedì, 03 Agosto 2020  

Sfoglia

 

Cerca:  

 

Orsini nelle vesti del Grande Inquisitore di Dostoevskij  incanta il Troisi di Napoli

In scena dal 13 al 15 dicembre

Servizio di Federica De Cesare

Napoli - Una presenza scenica importante quella di Orsini al Teatro Troisi. L´artista esibitosi ne La leggenda del grande inquisitore realizza una performance coinvolgente ed emozionante. Uno spettacolo sicuramente non semplice che porta a galla numerosi spunti di riflessione. Un teatro che stimola quesiti fino a richiedere una presenza attiva da parte del pubblico. Una scenografia minimale per uno spettacolo moderno messo in scena da un´artista come quelli di una volta. Ecco il connubio perfetto che dà vita ad un´opera dalle mille sfaccettature.

Temi complessi quelli affrontati, eppure l´attenzione del pubblico è completamente catturata dall´ineccepibile interpretazione dei due attori che, soli, riempiono la scena.

Con la regia di Pietro Babina e al fianco di Umberto Orsini vi è, infatti, un ottimo Leonardo Capuano, che riesce a tener testa alla fama dell´artista piemontese.

Nel coinvolgente monologo finale, illuminato dal cerchio di luce dell´occhio di bue sulla scena semivuota, Orsini conquista una commossa platea, coronando degnamente un´esibizione ricca di pathos.


Il motivo centrale è quello della libertà, una libertà mai priva di condizionamento, una libertà legata agli altri e spesso delegata a causa del suo enorme peso. In una comunità, l´uomo non è mai libero, ma eterodiretto, questo il pensiero di Dostoevskij che costituisce la tesi di fondo dallo spettacolo. Come evidenziato dallo stesso Orsini, l´unico essere realmente libero è l´eremita, proprio perché al di fuori delle dinamiche del vivere sociale.

 

Altro tema cruciale quello della fede: cosa accadrebbe se Cristo scendesse in terra? 

Il nostro mondo ne sarebbe sconvolto e il caos prenderebbe il sopravvento sull´armonia. L´uomo a contatto con i miracoli non avrebbe più necessità di pregare e di riporre la propria libertà nelle mani della Chiesa. Questa la riflessione proposta nelle pagine di questo testo contenuto nel famoso romanzo I Fratelli Karamazov.


In sala, un pubblico partecipe e in trepidante attesa di rivedere Orsini nell´opera tratta dal grande Dostoevskij, e ancora vivo sembrava il ricordo di un´eccezionale performance del 1969.

Spiace, invece, constatare la scarsa presenza di un pubblico giovane. Orsini è certamente meno conosciuto dalle nuove generazioni che, purtroppo, al giorno d´oggi, prediligono un teatro leggero vicino al mondo televisivo che svuota le menti piuttosto che rinvigorirle.
La presenza di Orsini al Troisi è, invece, una di quelle occasioni da non perdere per chiunque desideri assistere ad uno spettacolo diverso e alla maestria di un’artista di alto calibro.

 

Lo spettacolo, in giro per l’Italia dallo scorso Ottobre, è atteso a Sondrio, Bergamo e Milano nei mesi di Aprile e Maggio.

Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito www.compagniaorsini.it. 

 21 dicembre 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google

















Ridotto del Teatro Mercadante di Napoli
dal 13 al 16 dicembre
"Mortal Kabaret"
testo di Roberto Russo e regia di Fabrizio Brancale 


Venerdì 7 dicembre
al Cardinal Massaia di Torino
"Le Intellettuali" di Molière viste dalla compagnia Divago


Teatro Stabile di Catania
Standing ovation per Leo Gullotta, protagonista in "Sogno di una notte di mezza estate"
Nella visione del regista Fabio Grossi la "casta" beffeggia il proletariato e l´umanità si confronta con il proprio lato oscuro

 
Teatro Spazio Libero
dal 29 novembre al 2 dicembre 2012
M (Morte) di Woody Allen con la regia di Vittorio Adinolfi
leggi


1 e 2 dicembre
LETTERE D´AMORE A STALIN
Officinateatro di San Leucio
leggi


LIRICA: DAL 29 NOVEMBRE
"LA TRAVIATA" DI VERDI

CHIUDE LA STAGIONE 2012 DEL "BELLINI" DI CATANIA
leggi


PASSIONI IN DANZA
TEATRO DELLE PASSIONI
martedì 11, giovedì 13, sabato 15 dicembre alle 21
Rassegna di coreografi italiani contemporanei
Teatro Comunale di Modena


Sudatestorie teatro ricerca Auditorium Giovanni Arpino
VENERDI´ 30 NOVEMBRE 2012 ORE 21
CHIAMANO BINGO! o Della Democrazia della Speranza
leggi


Teatro Orazio di Napoli
Martedì 27 novembre 2012 – ore 17,30
Arnolfo Petri
in
Lo Specchio di Adriano
tratto dalle “Memorie di Adriano” di Marguerite Yourcenar


Mercoledì 28 novembre al Teatro Ca´ Foscari di Venezia
LA FABBRICA DEI PRETI
di e con Giuliana Musso, con la collaborazione di Massimo Somaglino


Ridotto del Teatro Mercadante
dal 29 novembre al 2 dicembre 2012
Laura per tutti
L´inizio di un percorso lungo e affascinante che si propone di sensibilizzare e informare il pubblico circa una parte della nostra società che troppo spesso viene lasciata al buio dalla nostra inconsapevole disattenzione.
Lo spettacolo nasce dall’esperienza di vita di Laura Raffaeli che, a causa di un incidente di moto, perde vista e udito.


Dal 27 novembre al 2 dicembre 2012
al Piccolo Bellini via Conte di Ruvo 14, Napoli
La insolita lezione del professore O.T.
Di Massimo Maraviglia
con Bruno Tramice


Teatro Funaro Pistoia
23 e 24 novembre
Amedeo Fago e Fabrizio Beggiato in
Risotto
Un´amicizia di cinquant´anni raccontata nel tempo di cottura di un risotto, dove i protagonisti ripercorrono con ironia la storia di una società italiana profondamente trasformata


NUOVI COGITANTI

Pratiche di pensiero nella scena contemporanea

Il progetto, a cura di Fabio Acca, si inserisce nella rassegna CIMES progetti di cultura attiva
organizzata dal DIPARTIMENTO DELLE ARTI – Università di Bologna

giovedì 29 novembre 2012, ore 15.30-22.30

ai LABORATORI DELLE ARTI, via Azzo Gardino 65/a – Bologna

Info: www.dar.unibo.it

 


Dal 30 novembre al 2 dicembre al Cardinal Massaia di Torino
Alessandro Fullin, Anna Meacci e Stefano Brusa in
CHI HA UCCISO OSCAR WILDE?
UN DELITTO SENZA IMPORTANZA



Ferzan Ozpetek a Napoli tra la Traviata e il Cinema
Giovedì 22 novembre, ore 21.00 – Cinema Pierrot (Napoli)

TEATRO VALLE OCCUPATO
Roma, attivisti del Teatro Valle Occupato aggrediti nel quartiere ebraico

GUARDA IL VIDEO SHOCK
CHIEDIAMO CHIAREZZA E SPIEGAZIONI PUBBLICHE



 

 

 

 

 

 

 

 

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Homo Page