Lunedì, 03 Agosto 2020  

Sfoglia

 

Cerca:  

 

Ottimo esordio al teatro Cilea di SE PERMETTETE VORREI ANDARE OLTRE di Simone Schettino

Servizio di Pino Cotarelli

Napoli - Il nuovo spettacolo di Simone Schettino, che rimarrà in programmazione al teatro Cilea fino al 17 marzo, impegna il comico e gli attori Roberto Capasso e Giuseppe Mosca, in una nuova esperienza con il pubblico che si ritroverà ad assistere a quello che capita nel camerino di Schettino dietro le quinte, mentre si prepara per andare in scena su di un palco immaginario. Nelle intenzioni del comico, una voglia di un franco colloquio col pubblico in cui poter andare anche oltre almeno per una serata. Una chiacchierata fra amici prima di andare ad esibirsi sui soliti argomenti che il pubblico vuole sentirsi dire; una chiacchierata in confidenza a tutto tondo in cui, per carità, è sempre presente il lato comico, anche se nella serietà degli argomenti e negli scambi di pensiero attuale.

E così nell’ottica anche che il pubblico vuole distrarsi non vuole pensare, Schettino gli propina in un colloquio confidenziale, innumerevoli battute comiche, nella supposizione che finalmente si parla di cose serie e non delle solite battute.

Ed ecco affrontare le problematiche del traffico, con le sue “buche” in strada paragonabili a parcheggi per auto per la dimensione sproporzionata; oppure il tema del tempo, che ci riporta in una sola giornata, il cambio delle quattro stagioni e ti viene da dubitare se sia trascorso un giorno o un anno; o ancora sul tema degli animali e la cura spasmodica che alcuni mettono nel trasformarli quasi in esseri umani, etc. etc…

Non manca la parte politica, con i soliti noti e lo spettacolo va avanti tra applausi e molte risate del folto pubblico che lo ha seguito.

Le due parti di circa un’ora ciascuna, denotano la grande voglia di darsi di Simone Schettino che non si risparmia mai; anche a fine spettacolo ancora regala battute sul calcio Napoli, mentre il pubblico applaude e non vuole lasciarlo andare.

Ma il dubbio che viene a Schettino fa riflettere, seppur vero che il pubblico va al teatro per non pensare, per distrarsi, è vero anche che lui con la sua bravura comica riesce in questa opera; che non sia voluta questa situazione per tenere le persone nella condizione di non pensare?  Comunque poter rimanere senza pensare ai problemi della quotidianità seppure per qualche ora, aiuta a rilassarsi e in questo Simone Schettino ci riesce molto bene.

 

 8 marzo 2013

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Seguici su




Consiglia questo indirizzo su Google


















Ridotto del Teatro Mercadante di Napoli
dal 13 al 16 dicembre
"Mortal Kabaret"
testo di Roberto Russo e regia di Fabrizio Brancale 


Venerdì 7 dicembre
al Cardinal Massaia di Torino
"Le Intellettuali" di Molière viste dalla compagnia Divago


Teatro Stabile di Catania
Standing ovation per Leo Gullotta, protagonista in "Sogno di una notte di mezza estate"
Nella visione del regista Fabio Grossi la "casta" beffeggia il proletariato e l´umanità si confronta con il proprio lato oscuro

 
Teatro Spazio Libero
dal 29 novembre al 2 dicembre 2012
M (Morte) di Woody Allen con la regia di Vittorio Adinolfi
leggi


1 e 2 dicembre
LETTERE D´AMORE A STALIN
Officinateatro di San Leucio
leggi


LIRICA: DAL 29 NOVEMBRE
"LA TRAVIATA" DI VERDI

CHIUDE LA STAGIONE 2012 DEL "BELLINI" DI CATANIA
leggi


PASSIONI IN DANZA
TEATRO DELLE PASSIONI
martedì 11, giovedì 13, sabato 15 dicembre alle 21
Rassegna di coreografi italiani contemporanei
Teatro Comunale di Modena


Sudatestorie teatro ricerca Auditorium Giovanni Arpino
VENERDI´ 30 NOVEMBRE 2012 ORE 21
CHIAMANO BINGO! o Della Democrazia della Speranza
leggi


Teatro Orazio di Napoli
Martedì 27 novembre 2012 – ore 17,30
Arnolfo Petri
in
Lo Specchio di Adriano
tratto dalle “Memorie di Adriano” di Marguerite Yourcenar


Mercoledì 28 novembre al Teatro Ca´ Foscari di Venezia
LA FABBRICA DEI PRETI
di e con Giuliana Musso, con la collaborazione di Massimo Somaglino


Ridotto del Teatro Mercadante
dal 29 novembre al 2 dicembre 2012
Laura per tutti
L´inizio di un percorso lungo e affascinante che si propone di sensibilizzare e informare il pubblico circa una parte della nostra società che troppo spesso viene lasciata al buio dalla nostra inconsapevole disattenzione.
Lo spettacolo nasce dall’esperienza di vita di Laura Raffaeli che, a causa di un incidente di moto, perde vista e udito.


Dal 27 novembre al 2 dicembre 2012
al Piccolo Bellini via Conte di Ruvo 14, Napoli
La insolita lezione del professore O.T.
Di Massimo Maraviglia
con Bruno Tramice


Teatro Funaro Pistoia
23 e 24 novembre
Amedeo Fago e Fabrizio Beggiato in
Risotto
Un´amicizia di cinquant´anni raccontata nel tempo di cottura di un risotto, dove i protagonisti ripercorrono con ironia la storia di una società italiana profondamente trasformata


NUOVI COGITANTI

Pratiche di pensiero nella scena contemporanea

Il progetto, a cura di Fabio Acca, si inserisce nella rassegna CIMES progetti di cultura attiva
organizzata dal DIPARTIMENTO DELLE ARTI – Università di Bologna

giovedì 29 novembre 2012, ore 15.30-22.30

ai LABORATORI DELLE ARTI, via Azzo Gardino 65/a – Bologna

Info: www.dar.unibo.it

 


Dal 30 novembre al 2 dicembre al Cardinal Massaia di Torino
Alessandro Fullin, Anna Meacci e Stefano Brusa in
CHI HA UCCISO OSCAR WILDE?
UN DELITTO SENZA IMPORTANZA



Ferzan Ozpetek a Napoli tra la Traviata e il Cinema
Giovedì 22 novembre, ore 21.00 – Cinema Pierrot (Napoli)

TEATRO VALLE OCCUPATO
Roma, attivisti del Teatro Valle Occupato aggrediti nel quartiere ebraico

GUARDA IL VIDEO SHOCK
CHIEDIAMO CHIAREZZA E SPIEGAZIONI PUBBLICHE



 

 

 

 

 

 

 

 

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Homo Page