Domenica, 27 Settembre 2020  

Sfoglia

 

Cerca:  

 

Allo Spazio Nea un nuovo format drammaturgico del critico Gianmarco Cesario

Autori a confronto e il pubblico che vota: ecco "Teatro match"

Servizio di Pino Cotarelli



Napoli - Completamente ideato, realizzato e diretto da Gianmarco Cesario, Teatro Match rappresenta il luogo ideale per il confronto illimitato fra modalità teatrali, fra assonanze e dissonanze di autori diversi, fra passato riproposto e presente contemporaneo, un esame critico della retorica teatrale organizzato in un gioco in cui le parti in causa: critici, attori ed autori teatrali si contendono il favore del pubblico, a sua volta coinvolto nello spettacolo, che dovrà individuare il vincitore fra due autori messi a confronto, in questa interazione che permette la prossimità con pilastri della storia del teatro, la partecipazione ad uno spettacolo nuovo e stimolante e una lezione di critica teatrale che senza dubbio arricchisce.

Gianmarco Cesario, critico teatrale,  direttore già di Teatro.org, ed ora di CorriereSpettacolo, docente di Drammaturgia e Drammatizzazione e delle discipline di Storia del Teatro (presso l´Accademia Vesuviana di Teatro e l´Università Popolare di Arte e Musical), non è nuovo a scommesse del genere (vedi Festival del corto La Corte della Formica), ha ideato questo format (partito il 21 ottobre scorso), che ha luogo il lunedì sera (alle 19,30) presso lo Spazio Nea di Napoli (piazza Bellini 59). Otto coppie di grandi drammaturghi come: Euripide e John Ford, Molière e Goldoni, Sir Oscar Wilde e Federico Garcìa Lorca, Cechov e Pirandello, August Strindberg e Tennessee Williams, Harold Pinter e Giuseppe Patroni Griffi, Pasolini e Brecht, Eduardo e Viviani, di volta in volta rappresentati dalla lettura di passi delle loro opere fatte da attori del calibro di Patrizio Rispo, Imma Villa, Gea Martire, Cristina Donadio, Francesco Paolantoni, Lucio Allocca, Riccardo Polizzy Carbonelli, e difesi da critici teatrali come Giulio Baffi (La Repubblica), Stefano De Stefano (Corriere del Mezzogiorno), Giuseppe Giorgio e Angela Di Maso (Roma), o docenti universitari quali Ettore Massarese, Roberto D´Avascio, Paolo Sommaiuolo, o Francesco De Cristofaro. Sul palcoscenico quindi per una sfida senza esclusione di colpi per i sedici autori selezionati.

 

Gianmarco Cesario, come mai una proposta di teatro così diversa?

L´idea nasce dall´esigenza di avvicinare il pubblico, soprattutto quello dei più giovani, al teatro, oggi ingiustamente ritenuta un´arte noiosa o comunque poco avvincente.

Teatro Match consiste semplicemente in una gara nella quale tutto il pubblico che assiste al Match è chiamato a votare per l´autore che più lo appassiona, grazie agli interventi esplicativi degli esperti e alle interpretazioni degli attori che leggono, di volta in volta, brani da un´opera di ognuno dei due autori in gara, e, subito dopo la serata allo Spazio Nea, la votazione prosegue su Facebook, riservata a tutti coloro che si iscrivono al gruppo Teatro Match.

 

Si aspettava di incontrare il favore del pubblico, degli attori e dei critici?

Sinceramente ci speravo ma non credevo che, nel suo piccolo, Teatro Match riscuotesse tanto successo, da essere considerato un piccolo cult. È un punto di vero orgoglio vedere tanti giovani, soprattutto, affollare lo Spazio Nea per assistere a questa "tetragonia" contemporanea.

 

Può affermarsi come un nuovo genere di teatro?

No, io credo che il teatro si debba esprimere con la sacralità che merita. Teatro Match è, e deve rimanere, un modo divertente per far venire la curiosità di andare a vedere in teatro quegli autori che noi presentiamo nel corso delle nostre serata.

 

Questa formula non esclude confronti su altri generi?

In effetti sto pensando ad altri tipi di Match che vedano a confronto altre forme d´arte, magari con formule leggermente modificate.

 

Del tipo?

Musica, Letteratura, Cinema sono quelle che mi vengono in mente più facilmente.

 

L´approccio alla Tv richiederebbe correzioni?

Alla Tv ci stiamo effettivamente pensando, delle video riprese da trasmettere attraverso una web tv, così da consentire agli utenti della rete di assistere ai match e poter votare su Facebook con maggior consapevolezza.

 

Un´occasione per i critici teatrali di esibirsi?

Non la vedo come un´occasione di esibizione, ma come un´ occasione che si dà, con la collaborazione, per l´appunto, di critici ed esperti di teatro, di mettere a disposizione del pubblico le proprie competenze. Certo è divertente vedere lo spirito con cui si abbandonano spinti dalla passione per i loro autori di riferimento a coinvolgere gli astanti.

Ha sempre affiancato iniziative che aiutassero i   giovani,   quali   opportunità   con   questo format?

In questo caso i giovani sono soprattutto i nostri spettatori,  ma  anche  molti  giovani  attori  che affiancano quelli più esperti, ed è bello per loro, credo, potersi misurare coi grandi della letteratura teatrale.

 

Crede che possa essere utile anche ad autori non conosciuti questo confronto?

Se per autori non conosciuti s´intende quelli viventi, allora dico subito che non è, almeno per ora, nostro interesse far gareggiare autori che si troverebbero coinvolti in una tenzone così in prima persona. Se invece è riferito a quegli autori classici che non trovano grandi spazi nella programmazione dei teatri, a volte solo per una questione di moda, allora credo che sia proprio questo il senso della nostra operazione, che troverà, nella prossima edizione, in autori meno celebrati gran parte dei nomi che metteremo in gara.

 

Cosa vorrebbe che rimanesse di Teatro Match al pubblico?

L´interesse, e, perché no, l´amore per il teatro e la sua letteratura, e, come già ho detto, aiutare a capire i grandi autori, ad amarli e andarli a ritrovare in teatro con maggiore consapevolezza.

 

 

9 gennaio 2014





© RIPRODUZIONE RISERVATA


Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google




























Ridotto del Teatro Mercadante di Napoli
dal 13 al 16 dicembre
"Mortal Kabaret"
testo di Roberto Russo e regia di Fabrizio Brancale 


Venerdì 7 dicembre
al Cardinal Massaia di Torino
"Le Intellettuali" di Molière viste dalla compagnia Divago


Teatro Stabile di Catania
Standing ovation per Leo Gullotta, protagonista in "Sogno di una notte di mezza estate"
Nella visione del regista Fabio Grossi la "casta" beffeggia il proletariato e l´umanità si confronta con il proprio lato oscuro

 
Teatro Spazio Libero
dal 29 novembre al 2 dicembre 2012
M (Morte) di Woody Allen con la regia di Vittorio Adinolfi
leggi


1 e 2 dicembre
LETTERE D´AMORE A STALIN
Officinateatro di San Leucio
leggi


LIRICA: DAL 29 NOVEMBRE
"LA TRAVIATA" DI VERDI

CHIUDE LA STAGIONE 2012 DEL "BELLINI" DI CATANIA
leggi


PASSIONI IN DANZA
TEATRO DELLE PASSIONI
martedì 11, giovedì 13, sabato 15 dicembre alle 21
Rassegna di coreografi italiani contemporanei
Teatro Comunale di Modena


Sudatestorie teatro ricerca Auditorium Giovanni Arpino
VENERDI´ 30 NOVEMBRE 2012 ORE 21
CHIAMANO BINGO! o Della Democrazia della Speranza
leggi


Teatro Orazio di Napoli
Martedì 27 novembre 2012 – ore 17,30
Arnolfo Petri
in
Lo Specchio di Adriano
tratto dalle “Memorie di Adriano” di Marguerite Yourcenar


Mercoledì 28 novembre al Teatro Ca´ Foscari di Venezia
LA FABBRICA DEI PRETI
di e con Giuliana Musso, con la collaborazione di Massimo Somaglino


Ridotto del Teatro Mercadante
dal 29 novembre al 2 dicembre 2012
Laura per tutti
L´inizio di un percorso lungo e affascinante che si propone di sensibilizzare e informare il pubblico circa una parte della nostra società che troppo spesso viene lasciata al buio dalla nostra inconsapevole disattenzione.
Lo spettacolo nasce dall’esperienza di vita di Laura Raffaeli che, a causa di un incidente di moto, perde vista e udito.


Dal 27 novembre al 2 dicembre 2012
al Piccolo Bellini via Conte di Ruvo 14, Napoli
La insolita lezione del professore O.T.
Di Massimo Maraviglia
con Bruno Tramice


Teatro Funaro Pistoia
23 e 24 novembre
Amedeo Fago e Fabrizio Beggiato in
Risotto
Un´amicizia di cinquant´anni raccontata nel tempo di cottura di un risotto, dove i protagonisti ripercorrono con ironia la storia di una società italiana profondamente trasformata


NUOVI COGITANTI

Pratiche di pensiero nella scena contemporanea

Il progetto, a cura di Fabio Acca, si inserisce nella rassegna CIMES progetti di cultura attiva
organizzata dal DIPARTIMENTO DELLE ARTI – Università di Bologna

giovedì 29 novembre 2012, ore 15.30-22.30

ai LABORATORI DELLE ARTI, via Azzo Gardino 65/a – Bologna

Info: www.dar.unibo.it

 


Dal 30 novembre al 2 dicembre al Cardinal Massaia di Torino
Alessandro Fullin, Anna Meacci e Stefano Brusa in
CHI HA UCCISO OSCAR WILDE?
UN DELITTO SENZA IMPORTANZA



Ferzan Ozpetek a Napoli tra la Traviata e il Cinema
Giovedì 22 novembre, ore 21.00 – Cinema Pierrot (Napoli)

TEATRO VALLE OCCUPATO
Roma, attivisti del Teatro Valle Occupato aggrediti nel quartiere ebraico

GUARDA IL VIDEO SHOCK
CHIEDIAMO CHIAREZZA E SPIEGAZIONI PUBBLICHE



 

 

 

 

 

 

 

 

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Homo Page