Sabato, 06 Marzo 2021  

Sfoglia

 

Cerca:  

 

NINO VELOTTI, LA ROMANTICA VOCE DEGLI HUECO

A giorni il cd in un´edizione d´arte con Il Laboratorio di Vittorio Avella online su tutti gli store digitali
Servizio di
Anita Curci

"Undici canzoni e tre brani strumentali basati sui ritornelli di altrettante canzoni con armonie e arrangiamenti diversi. Questo è un fatto tipico dei dischi degli Hueco, cioè io insieme a Vittorio Esposto, che in questo disco mi ha dato una mano nelle scelta delle vesti sonore dei brani ed è alle doppie voci, mentre nei dischi degli Hueco è la voce principale. L´album è frutto di un duro lavoro personale, lavoro iniziato qualche anno fa. Ho cantato, insieme alle tastiere ed al piano ho suonato vari strumentini soprattutto etnici che ho raccolto nel tempo, ho registrato vari musicisti, chitarristi, violinisti..."


Parlaci di Incanti e Disincanti, il tuo cd che esce a giorni in un´edizione d´arte con Il Laboratorio di Vittorio Avella, online su tutti gli store digitali distribuito da Videoradio partner di Rai Trade.

 

Si tratta di una sorta di concept album composto da quattordici tracce in tutto tra pezzi più melodici e romantici ed altri più caustici, tra "incanti", come Rumore di fondo, che si alternano a "disincanti", come Sesso. Undici canzoni e tre brani strumentali basati sui ritornelli di altrettante canzoni con armonie e arrangiamenti diversi. Questo è un fatto tipico dei dischi degli Hueco, cioè io insieme a Vittorio Esposto, che in questo disco mi ha dato una mano nelle scelta delle vesti sonore dei brani ed è alle doppie voci, mentre nei dischi degli Hueco è la voce principale. L´album è frutto di un duro lavoro personale, lavoro iniziato qualche anno fa. Ho cantato, insieme alle tastiere ed al piano ho suonato vari strumentini soprattutto etnici che ho raccolto nel tempo, ho registrato vari musicisti, chitarristi, violinisti, eccetera. Vengo dalla poesia e anche la musica, come spero anche la mia voce non particolarmente enfatica e da concorso canoro, per me è un fatto da ´poeta´, nel senso etimologico del termine di "colui che fa, che è creativo". Quindi anche con un pizzico di dilettantismo, di senso di scoperta del principiante. Penso che uno dei mali fondamentali di oggi sia proprio l´estremo tecnicismo e la professionalità specialistica che porta a ragionare per compartimenti stagni in termini di generi e sottogeneri da catalogare ed esibire negli scaffali del mercato del nostro civilissimo mondo, dove tutto è finalizzato al profitto ed al Dio Danaro... Sono molto soddisfatto di Incanti e Disincanti sia per quanto riguarda i testi che le musiche, penso sia un ottimo lavoro di sintesi. Gli argomenti trattati sono quelli tipici del mio mondo poetico, la Weltanshauung è la stessa magari evolutasi, chi conosce le mie poesie, Giardino di Pésah soprattutto, la raccolta di versi scelti da Dario Bellezza nell´Edizione del Giano con cui ho esordito giovanissimo, sa che Contro Natura e Tempo pazzo trattano, magari in termini più accessibili e ´popolari´, temi ecologici ed esistenziali caratteristici della mia vecchia poesia, vecchia perché penso di aver concepito le mie cose migliori a diciotto anni, probabilmente si campa un po´ di rendita... Autenticità, libertà e coerenza, sono il mio motto.

 

Cosa significa oggi comporre musica e diffonderla?

 

Significa fare tutto da solo se non vuoi piegarti alle regole del mercato, mercato discografico che del resto non sussiste più. Quasi tutto Il denaro adesso circola grazie alle esibizioni dal vivo e ciò è valido non solo per gli indipendenti, i dischi anche quelli mainstream si scaricano liberamente sul cellulare insieme ai videoclip tramite applicazioni gratuite. Se qualche decennio fa, dato che i dischi si vendevano, per l´industria discografica era possibile investire anche in nuove cose intermedie tra l´intrattenimento e la ricerca, quale penso che sia anche il mio caso, adesso si investe solo in cose consolidate o di consumo veloce e immediato. La rete ha creato varie opportunità per tutti, anche per me e per gli Hueco, ma ha originato anche tanta confusione, per dirla in termini platonici un eccesso di democrazia genera demagogia, per cui emerge chi è più chiassoso e volgare, chi sa più farsi notare magari originando proselitismi sui social network e squadre in tutti i campi. Purtroppo gli esseri umani hanno bisogno di leader, di capibranco, discendiamo dalle scimmie non dai gatti... Attualmente più che nei tempi passati contano soprattutto le pubbliche relazioni, il saperci fare, il talento o un prodotto autentico è l´ultimo requisito richiesto ad un artista. Penso a tutti gli amici, non solo musicisti ma anche pittori, scultori, fotografi e ultimamente anche poeti, che ti invitano a farsi votare per qualche concorso in rete, teoricamente quindi più si conosce gente più si vale. Personalmente penso che anche una persona timida e introspettiva possa avere il suo carisma, mentre realisticamente parlando oggi un genio solipsistico e tendenzialmente autistico sarebbe una nullità assoluta. Magari va bene un talento virtuosistico che desti meraviglia negli spettatori come nei talent show, che diverta soltanto, sia competitivo come in una partita di calcio, palleggi e tiri in porta e non faccia riflettere.

 

Cosa ti ispira generalmente?

 

La giornata che trascorro, la poesia che amo, gli animali che adoro. Ogni notte, la canzone che chiude il disco, è dedicata proprio a questi, ad un cane o ad un gatto che di notte ti è accanto e risulta essere "la ragione del mondo e compagno di un sogno". Dicevo, ´autenticità´ prima di tutto, ´autenticità´ che per Heidegger è data dalla consapevolezza di essere limitati, dalla nostra condizione vitale di "essere per la morte", dal fatto di essere "umili": ritorneremo tutti alla terra, sia noi che gli animali, magari nell´humus di un giardino-paradiso... Musicalmente sono numerose e variegate le influenze, progressive, dark new-wave, musica barocca, canzone d´autore, musica pop italiana soprattutto degli anni ´70, musica etnica, musica bandistica, musica elettronica sia colta che concepita in ambienti non accademici, magari anche quella destinata alla semplice danza. Non mi fa storcere il naso la disco-music, un po´ colonna sonora della mia infanzia, anche nelle sue ramificazioni più recenti da dj. A questo proposito io e Vittorio Esposto, l´altra metà degli Hueco, ci siamo divertiti a produrre un giovane ballerino napoletano, Blelè, in un pezzo molto queer e scintillante new italo-disco intitolato The Lovegame. In poche parole, penso di non avere preconcetti e detesto le etichette, la musica leggera da contrapporre alla musica classica, l´"aulico" da separare dal basso, non intendo dire che tutto faccia brodo, è solo una questione di stile da dare al caos. In genere non prediligo le cose troppo estreme e fine a se stesse.

 

Il pubblico, condizionato dalle produzioni straniere attraverso le odierne sollecitazioni multimediali, come accoglie le proposte musicali nate nel proprio territorio?

 

Mentre nel contesto specifico napoletano, soprattutto in ambienti più periferici, imperversa sempre la musica neomelodica, in Italia c´è Sanremo, una gran bella kermesse che dura una settimana e poco oltre, c´è il rap che va tanto soprattutto tra i giovanissimi, fenomeno di importazione d´oltreoceano come del resto lo sono stati il rock´n roll e il jazz, c´è la scena alternativa anche questa con i suoi codici di linguaggio e di riconoscimento socio-culturale ben precisi. A livello globale e planetario imperversa un totale riciclaggio di cose che sono state non soltanto nella musica, cose magari riproposte con una definizione sempre maggiore. Anche gli Hueco si occupano di riciclaggio, ma lo fanno in maniera ´poetica´, almeno lo si spera... Se rientri in una categoria di mercato precisa, in target specifici, le fasce di pubblico ti riconoscono e riescono a fruire facilmente del tuo prodotto, se poi sei più particolare, trasversale, di confine, e magari potresti innescare qualche cortocircuito del sistema favorendo magari sistemi di pensiero individuali, hai difficoltà a farti scoprire ed apprezzare, ma una volta compreso penso che il tuo lavoro resti qualcosa di prezioso da custodire per ciascuna persona.

 

Quanta fatica serve per poter mantenere saldo un personale stile e una propria dialettica in questo campo?

 

Bisogna soprattutto essere testardi e coraggiosi e amare molto il proprio concetto e modo di fare arte, per non omologarsi. Non penso affatto che ci si possa arricchire materialmente. Se non vuole o non si può fare i musicanti girovaghi per tirare a campare, consiglio vivamente di fare altro come fonte di guadagno economico.

 

Progetti futuri?

 

Penso di ideare e di far girare qualche altro videoclip come Contro Natura, Ombra di donna e Tempo pazzo, che ho diretto artisticamente e di cui vado fiero. Sono tutti visibili sul canale huecomusic su youtube ed hanno raggiunto finora un buon numero di visualizzazioni, di nicchia sì ma fa sempre piacere essere scoperti e apprezzati. Inoltre penso di fare un altro disco come Hueco insieme a Vittorio, questa volta più vicino al suo immaginario anziché al mio come questo Incanti e Disincanti.





20 maggio 2013


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google



















Ridotto del Teatro Mercadante di Napoli
dal 13 al 16 dicembre
"Mortal Kabaret"
testo di Roberto Russo e regia di Fabrizio Brancale 


Venerdì 7 dicembre
al Cardinal Massaia di Torino
"Le Intellettuali" di Molière viste dalla compagnia Divago


Teatro Stabile di Catania
Standing ovation per Leo Gullotta, protagonista in "Sogno di una notte di mezza estate"
Nella visione del regista Fabio Grossi la "casta" beffeggia il proletariato e l´umanità si confronta con il proprio lato oscuro

 
Teatro Spazio Libero
dal 29 novembre al 2 dicembre 2012
M (Morte) di Woody Allen con la regia di Vittorio Adinolfi
leggi


1 e 2 dicembre
LETTERE D´AMORE A STALIN
Officinateatro di San Leucio
leggi


LIRICA: DAL 29 NOVEMBRE
"LA TRAVIATA" DI VERDI

CHIUDE LA STAGIONE 2012 DEL "BELLINI" DI CATANIA
leggi


PASSIONI IN DANZA
TEATRO DELLE PASSIONI
martedì 11, giovedì 13, sabato 15 dicembre alle 21
Rassegna di coreografi italiani contemporanei
Teatro Comunale di Modena


Sudatestorie teatro ricerca Auditorium Giovanni Arpino
VENERDI´ 30 NOVEMBRE 2012 ORE 21
CHIAMANO BINGO! o Della Democrazia della Speranza
leggi


Teatro Orazio di Napoli
Martedì 27 novembre 2012 – ore 17,30
Arnolfo Petri
in
Lo Specchio di Adriano
tratto dalle “Memorie di Adriano” di Marguerite Yourcenar


Mercoledì 28 novembre al Teatro Ca´ Foscari di Venezia
LA FABBRICA DEI PRETI
di e con Giuliana Musso, con la collaborazione di Massimo Somaglino


Ridotto del Teatro Mercadante
dal 29 novembre al 2 dicembre 2012
Laura per tutti
L´inizio di un percorso lungo e affascinante che si propone di sensibilizzare e informare il pubblico circa una parte della nostra società che troppo spesso viene lasciata al buio dalla nostra inconsapevole disattenzione.
Lo spettacolo nasce dall’esperienza di vita di Laura Raffaeli che, a causa di un incidente di moto, perde vista e udito.


Dal 27 novembre al 2 dicembre 2012
al Piccolo Bellini via Conte di Ruvo 14, Napoli
La insolita lezione del professore O.T.
Di Massimo Maraviglia
con Bruno Tramice


Teatro Funaro Pistoia
23 e 24 novembre
Amedeo Fago e Fabrizio Beggiato in
Risotto
Un´amicizia di cinquant´anni raccontata nel tempo di cottura di un risotto, dove i protagonisti ripercorrono con ironia la storia di una società italiana profondamente trasformata


NUOVI COGITANTI

Pratiche di pensiero nella scena contemporanea

Il progetto, a cura di Fabio Acca, si inserisce nella rassegna CIMES progetti di cultura attiva
organizzata dal DIPARTIMENTO DELLE ARTI – Università di Bologna

giovedì 29 novembre 2012, ore 15.30-22.30

ai LABORATORI DELLE ARTI, via Azzo Gardino 65/a – Bologna

Info: www.dar.unibo.it

 


Dal 30 novembre al 2 dicembre al Cardinal Massaia di Torino
Alessandro Fullin, Anna Meacci e Stefano Brusa in
CHI HA UCCISO OSCAR WILDE?
UN DELITTO SENZA IMPORTANZA



Ferzan Ozpetek a Napoli tra la Traviata e il Cinema
Giovedì 22 novembre, ore 21.00 – Cinema Pierrot (Napoli)

TEATRO VALLE OCCUPATO
Roma, attivisti del Teatro Valle Occupato aggrediti nel quartiere ebraico

GUARDA IL VIDEO SHOCK
CHIEDIAMO CHIAREZZA E SPIEGAZIONI PUBBLICHE



 

 

 

 

 

 

 

 

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Homo Page