Domenica, 19 Gennaio 2020  

Sfoglia

 

Cerca:  

 

Prima nazionale dal 7 marzo al 1 aprile al Teatro Gobetti di Torino in anteprima ad Asti, Pinerolo e Rivoli
LA BOTTEGA DEL CAFFE´ una storia di intrighi e veleni

Torino - La compagnia ACTI Teatri Indipendenti diretta da Beppe Rosso ha sviluppato il nuovo spettacolo, in coproduzione con il Teatro Stabile di Torino, partendo da La Bottega del caffè di Carlo Goldoni, opera destinata a diventare un titolo celebre e che nel tempo ha suscitato riletture complesse, come quella di Rainer Werner Fassbinder. L´idea del progetto è quella di una scrittura nuova ad opera di Luca Scarlini, che, senza tradire la scansione, i temi e le battute micidiali del testo originale, parli ad un oggi segnato dalla crisi economica e dal dominio dell´informazione. (nella foto: Elia Schilton)

Gli intrighi e le vicende del testo sono, senza forzature, quelle del gossip che oggi impera tutto schiacciando e distruggendo.

Don Marzio è l´antesignano dei mille cronisti di gossip che oggi stabiliscono un proprio potere con rivelazioni più o meno scottanti, in un gioco perverso. Eppure allo stesso tempo, egli è anche capro espiatorio di un mondo regolato da un duro meccanismo di sfruttamento economico di cui non capisce il senso e in cui crede di poter avere un posto per tramite del suo controllo sull´informazione. Straniero, (napoletano a Venezia), vive infatti in un mondo di cui cerca disperatamente di comprendere le regole fino a diventare ostaggio delle sue stesse parole. Nel testo il denaro ha un peso schiacciante e Ridolfo, "onesto caffettiere", portavoce di una morale ricattatoria, malgrado tutti i suoi moralismi, è in sostanza alla ricerca del potere. Egli gioca una partita senza esclusione di colpi con il biscazziere Pandolfo per la supremazia sul territorio. I personaggi femminili, apparentemente deboli, rivelano invece una concretezza estrema e un dolore che riesce a smuovere i personaggi maschili dediti unicamente all´economia o alla cieca pulsione dei sensi.

 

 Il gioco d´azzardo è infine la metafora principale, intorno a un tavolo, della bisca o del caffè, si definisce il destino di una serie di personaggi che disperatamente cercano una propria autenticità, non riuscendo a togliersi di dosso le incrostazioni di un vivere sociale basato sul controllo di tutti contro tutti; dove Don Marzio, vittima e carnefice, si assume il compito di velenoso cantastorie di un ambiente che è in bilico tra farsa e tragedia.

 

La regia dello spettacolo è di Beppe Rosso e il cast comprende Elia Schilton, Beppe Rosso, Riccardo Lombardo, Cinzia Spanò, Paolo Giangrasso, Ornella Balestra; le scene sono di Paolo Baroni, le luci di Cristian Zucaro e i costumi di Laura Dondoli e Sofia Vannini.

 

Lo spettacolo è presentato in anteprima ad Asti (28 febbraio), Pinerolo (1 marzo), Rivoli (3 marzo) per poi debuttare al Teatro Gobetti nella stagione del Teatro Stabile di Torino il 7 marzo (in scena fino al 1 aprile). 

Prima nazionale dal 7 marzo al 1 aprile al Teatro Gobetti di Torino in anteprima ad Asti, Pinerolo e Rivoli

LA BOTTEGA DEL CAFFE´ una storia di intrighi e veleni

 

dal testo di Goldoni una riscrittura di Luca Scarlini per raccontare di un oggi intriso dalla crisi economica, dal dominio dell´informazione e dal gossip

 

con

Elia Schilton, Beppe Rosso, Riccardo Lombardo, Cinzia Spanò, Paolo Giangrasso, Ornella Balestra

 

regia Beppe Rosso

 

aiuto regia Irene Zagrebelsky

coreografie Ornella Balestra

scene Paolo Baroni

luci Cristian Zucaro

costumi Laura Dondoli e Sofia Vannini

direttore di scena Francesco Mina

fonico Paolo Calzavara

assistente Alberto Barbi

 

una produzione ACTI Teatri Indipendenti_Fondazione del Teatro Stabile di Torino

Residenza Multidisciplinare di Rivoli

con il sostegno del Sistema Teatro Torino e Provincia

  

INFORMAZIONI

 

CALENDARIO ANTEPRIME

28 febbraio ore 21: ASTI|Teatro Alfieri (via Leongrandi 16)

1 marzo ore 21 e 2 marzo ore 10 (recita scolastica): PINEROLO |Teatro Sociale (piazza Vittorio Veneto 24)

3 marzo ore 21: RIVOLI |Teatro Don Bosco (via Stupinigi 1)

 

CALENDARIO TEATRO GOBETTI (via Rossini 8, Torino)

dal 7 marzo al 1 aprile – prima nazionale

Recite

martedì e giovedì: ore 19:30 | mercoledì, venerdì e sabato ore 20:45 | domenica ore 15:30

 

Biglietteria del Teatro Stabile di Torino|Teatro Gobetti - via Rossini 8, Torino - dal martedì al sabato, dalle ore 13.00 alle ore 19.00. Domenica e lunedì riposo. Tel. 011/5176246 - Numero Verde 800.235.333

 

 

Nei giorni di recita è possibile acquistare i biglietti alla cassa del teatro un´ora prima dell´inizio dello spettacolo.

Vendita on-line: www.teatrostabiletorino.it 

 

 

www.teatriindipendenti.org

Facebook: ACTI Teatri Indipendenti e fanpage "Il Teatro di Rivoli"


(28 febbraio 2012)



Seguici su




Consiglia questo indirizzo su Google








TUFANO ELETTRODOMESTICI





Ridotto del Teatro Mercadante di Napoli
dal 13 al 16 dicembre
"Mortal Kabaret"
testo di Roberto Russo e regia di Fabrizio Brancale 


Venerdì 7 dicembre
al Cardinal Massaia di Torino
"Le Intellettuali" di Molière viste dalla compagnia Divago


Teatro Stabile di Catania
Standing ovation per Leo Gullotta, protagonista in "Sogno di una notte di mezza estate"
Nella visione del regista Fabio Grossi la "casta" beffeggia il proletariato e l´umanità si confronta con il proprio lato oscuro

 
Teatro Spazio Libero
dal 29 novembre al 2 dicembre 2012
M (Morte) di Woody Allen con la regia di Vittorio Adinolfi
leggi


1 e 2 dicembre
LETTERE D´AMORE A STALIN
Officinateatro di San Leucio
leggi


LIRICA: DAL 29 NOVEMBRE
"LA TRAVIATA" DI VERDI

CHIUDE LA STAGIONE 2012 DEL "BELLINI" DI CATANIA
leggi


PASSIONI IN DANZA
TEATRO DELLE PASSIONI
martedì 11, giovedì 13, sabato 15 dicembre alle 21
Rassegna di coreografi italiani contemporanei
Teatro Comunale di Modena


Sudatestorie teatro ricerca Auditorium Giovanni Arpino
VENERDI´ 30 NOVEMBRE 2012 ORE 21
CHIAMANO BINGO! o Della Democrazia della Speranza
leggi


Teatro Orazio di Napoli
Martedì 27 novembre 2012 – ore 17,30
Arnolfo Petri
in
Lo Specchio di Adriano
tratto dalle “Memorie di Adriano” di Marguerite Yourcenar


Mercoledì 28 novembre al Teatro Ca´ Foscari di Venezia
LA FABBRICA DEI PRETI
di e con Giuliana Musso, con la collaborazione di Massimo Somaglino


Ridotto del Teatro Mercadante
dal 29 novembre al 2 dicembre 2012
Laura per tutti
L´inizio di un percorso lungo e affascinante che si propone di sensibilizzare e informare il pubblico circa una parte della nostra società che troppo spesso viene lasciata al buio dalla nostra inconsapevole disattenzione.
Lo spettacolo nasce dall’esperienza di vita di Laura Raffaeli che, a causa di un incidente di moto, perde vista e udito.


Dal 27 novembre al 2 dicembre 2012
al Piccolo Bellini via Conte di Ruvo 14, Napoli
La insolita lezione del professore O.T.
Di Massimo Maraviglia
con Bruno Tramice


Teatro Funaro Pistoia
23 e 24 novembre
Amedeo Fago e Fabrizio Beggiato in
Risotto
Un´amicizia di cinquant´anni raccontata nel tempo di cottura di un risotto, dove i protagonisti ripercorrono con ironia la storia di una società italiana profondamente trasformata


NUOVI COGITANTI

Pratiche di pensiero nella scena contemporanea

Il progetto, a cura di Fabio Acca, si inserisce nella rassegna CIMES progetti di cultura attiva
organizzata dal DIPARTIMENTO DELLE ARTI – Università di Bologna

giovedì 29 novembre 2012, ore 15.30-22.30

ai LABORATORI DELLE ARTI, via Azzo Gardino 65/a – Bologna

Info: www.dar.unibo.it

 


Dal 30 novembre al 2 dicembre al Cardinal Massaia di Torino
Alessandro Fullin, Anna Meacci e Stefano Brusa in
CHI HA UCCISO OSCAR WILDE?
UN DELITTO SENZA IMPORTANZA



Ferzan Ozpetek a Napoli tra la Traviata e il Cinema
Giovedì 22 novembre, ore 21.00 – Cinema Pierrot (Napoli)

TEATRO VALLE OCCUPATO
Roma, attivisti del Teatro Valle Occupato aggrediti nel quartiere ebraico

GUARDA IL VIDEO SHOCK
CHIEDIAMO CHIAREZZA E SPIEGAZIONI PUBBLICHE



 

 

 

 

 

 

 

 

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Homo Page