Giovedì, 03 Dicembre 2020  

Sfoglia

 

Cerca:  

 

DARIO FO, MAESTRO E INVENTORE DEL TEATRO MODERNO

"Il teatro è sempre denuncia, In qualunque forma si faccia"

Milano - Il teatro è denuncia secondo Dario Fo, uno dei maggiori autori che ha rivoluzionato il modo di farlo non solo nella cultura italiana, ma a livello internazionale, volgarizzando quest´arte nobile sia per i contenuti che per le forma. Non a caso il suo modello è stato ripreso da autori rappresentativi del teatro contemporaneo di denuncia come ad esempio Marco Paolini. Perché, come afferma il Premio Nobel, "il teatro muta e si ricostruisce ogni secolo."

Tra qualche tempo lo rivedremo insieme a Giorgio Albertazzi in tv per concludere il ciclo sulla storia del teatro.

Polemico contro ogni forma di potere, quello più e quello meno censoreo, il messaggio che esprime e che vorrebbe far arrivare è di protesta, una protesta fatta di "onestà, partecipazione, informazione, per non andare con i paraocchi come questa società vorrebbe spingerci a fare."

 

 

Il suo teatro prima molto contestato oggi lodato. Che effetto fa?

 

Ma vede, una volta il potere contestava mettendo veti, imponendo censura. Adesso non può più farlo così apertamente. Anche se, lo vediamo oggi, questo governo tenta di farlo appena può.

 

A proposito di cambiamenti come trova sia mutato il teatro da quando ha iniziato a farlo?

 

Il teatro muta e si ricostruisce ogni secolo. Si pensi alla Commedia dell´Arte, il Seicento, gli Spagnoli e la censura, che da una parte è stata una fortuna per noi. Perché siamo stati costretti ad emigrare e questo ci ha costretti al confronto e da lì sono nati molti dei nostri prestigiosi talenti.

 

Qualche anno fa Lei aveva fatto con Giorgio Albertazzi una trasmissione sulla Storia del Teatro, andata in onda ad orari impossibili. Come mai, a parte qualche eccezione e seppure seguito, il teatro non viene messo in prima serata?

 

Dipende dai tempi; ad esempio, quando ho iniziato a farlo io c´era un governo socialista, che voleva far vedere che era aperto e così si faceva il teatro. Mistero Buffo l´hanno trasmesso per la prima volta in quegli anni.

In quanto alla trasmissione dovremmo proseguirla, proponendo l´Ottocento e il Novecento l´anno prossimo.  

 

Lei è stato un pioniere del teatro contemporaneo a usare nella commedia un nuovo linguaggio che fosse un atto di denuncia nei confronti dei potenti. Pensa sia ancora attuale un teatro di questo tipo?

 

 

Certo. Il teatro è sempre denuncia. In qualunque forma si faccia. Anche nelle commedie si mostrano valori di onestà, lealtà, rispetto.

 

L´epoca della globalizzazione ha cambiato molto il linguaggio. Che teatro vede per il domani? Quali saranno nuove tematiche protagoniste?

 

 

Il linguaggio della globalizzazione è molto generico, si va da quello delle banche usato negli affari a quello dei giovani a quello dello scrivere. In quanto alle tematiche, esse mutano, l´importante è che siano giuste.

 

Qual è il messaggio che vorrebbe far arrivare al pubblico con i suoi spettacoli?

 

 

Quello di sempre. Che si basi sull´onestà, sulla partecipazione. Per fare ciò bisogna essere informati e non andare avanti col paraocchi come questa società vorrebbe spingerci a fare.

 
Intervista di Laura Canevali




© RIPRODUZIONE RISERVATA 
 




Teatro Comunale "Luciano Pavarotti" Modena
22 - 23 gennaio GREASE il musical


19 gennaio Teatro di San Carlo 
nuovo allestimento in chiave "green" di Rusalka. L´evento sarà accompagnato da un´iniziativa speciale: il pubblico è invitato a sfilare con capi ed accessori ecologici


FRAGILE SHOW
dalla lettura appassionata
di Thomas Bernhard
DRAMMATURGIA E REGIA
Francesca Macrì Andrea Trapani
Dal 17 al 20 gennaio
SALA ICHOS
via Principe di San Nicandro 32/A
NAPOLI (San Giovanni a Teduccio)


Sabato 19 gennaio ore 21 alla Città del Teatro di Cascina (Pi)
LA RICOTTA di Pier Paolo Pasolini con Antonello Fassari regista e interprete dello spettacolo


Parte il tuor invernale di
Da grande voglio fare il sindaco
con Lino D´Angiò‏
.
Comizio spettacolo scritto da D´Angiò e Maurizio De Angelis
che l´artista napoletano sabato 19 gennaio porterà al Teatro delle Arti di Salerno.


Al teatro Le Nuvole di Napoli la storia del PICCOLO ASMODEO
al Galilei 104 dal 20 al 22 gennaio


Al Civico 14 di Caserta Godot una libera interpretazione dell´opera di Beckett per la regia di Fabio Cocifoglia
dal19 al 20 gennaio

Con Mariangela Melato scompare una protagonista del teatro italiano

                             

Nata a Milano nel settembre del 1941 e scomparsa oggi a Roma, Mariangela Melato nella sua lunga carriera ha lavorato con alcuni tra i più importanti registi e artisti di teatro tra cui Dario Fo, Luca Ronconi, Giorgio Strehler e Giorgio Gaber. (11/01/2013)















Officinateatro di San Leucio

3-6 gennaio 2013

Hansel e Gretel – primo, secondo e contorno

Dalla fiaba dei fratelli Grimm

Adattamento, ideazione e regia di Michele Pagano














Teatro Verdi di Salerno

10-13 gennaio 2013

Toni Servillo legge Napoli

Testi di Di Giacomo, De Filippo, Russo, Viviani, Borrelli, Moscato

Con Toni Servillo











Teatro Giuseppe Verdi di Pordenone

10-11 gennaio 2013

Amleto a pranzo e a cena

Di Oscar De Summa















Teatro Metastasio di Prato

4-6 gennaio 2013

La paura e la musa

Un ritratto di Sem Benelli

Di Luca Scarlini

Con Sandro Querci


 


Teatro Carlo Gesualdo di Avellino
5-6 gennaio 2013
Re Lear
Con Michele Placido











Teatro Goldoni di Livorno

5-6 gennaio 2013

Il Discorso del Re

Con Luca Barbareschi


Teatro Puccini di Firenze
Dal 4 al 6 gennaio 2013
Il Mago di Oz
Adattamento di Italo Dall’Orto











Teatro Luigi Pirandello di Agrigento
11-12-13 gennaio 2013
Sogno di una notte di mezza estate
con Leo Gullotta














Teatro Carlo Felice di Genova
5 gennaio 2013
Cinderella
Balletto in due atti su musiche di Gioacchino Rossini ispirato alla celebre fiaba di Perrault
Coreografia di Giorgio Madia


Teatro Comunale di Vicenza
1 Gennaio 2013
Romeo e Giulietta
New Classical Ballet of Moscow
balletto in tre atti basato sulla tragedia di W. Shakespeare



 

 

 

 

 

 

 

 

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Homo Page