Sabato, 06 Marzo 2021  

Sfoglia

 

Cerca:  

 

Teatrino di Corte del Teatro di San Carlo dal 6 al 16 dicembre "Il Marito Disperato" dramma giocoso in due atti, regia di Paolo Rossi

Servizio di Daniela Morante

Napoli - Le opere di Domenico Cimarosa, si sa, incarnano a meraviglia lo spirito settecentesco fatto di leggiadria e futilità, in esse la musica è sempre fresca, lieve, a tratti giocosa e mai greve, cosi vicina all’atmosfera napoletana dove è nata, composte della stessa materia di sole, aria, luce, dove si stempera ogni possibile tragedia. Paolo Rossi si propone regista in questa messa in scena, e sceglie con intenti comici, di rendere attual-popolare, quest’opera proprio nella sua prerogativa di essere buffa.

Prova così ad ambientarla ai giorni nostri, seguendo quella sua sconclusione che vuole essere simpatica, surreale o dadaista e immagina il dramma giocoso, addirittura in un futuro prossimo dove sussistono come tra macerie di un day after, accantonate l’uno all’altre, testimonianze di epoche passate e nel far ciò non ci è difficile immaginare la sua creatività appunto “all’opera”.

Un presunto posto nelle vicinanze del mare dunque, ne è l’ambientazione, firmata dal mitico Rubertelli, con tanto di villino antico a stucco, immerso in una corte di lamiere dipinte a graffiti, qualche luce al neon, rampicanti ormai secchi, sedie a sdraio e un manichino.

In questo scenario il nostro, immette i personaggi che si dimostrano bravi ad eseguire con indubbia maestria il testo cantato, sono vestiti in abiti moderni disegnati sempre dal Rossi, per rendere attuale la storia, o meglio renderla popolare e quindi più vicina alla recezione del pubblico. Don Corbolone, il marito disperato, si presenta così, con la sua possente corporatura da baritono, in  lunga maglia del calcio Napoli e pantaloni corti, dopo ogni suo canto torna a sedersi su una sedia a rotelle, la serva  invece è di arancione succinta e si esibisce di tanto in tanto in dance ammiccanti, il suocero invece è ridicolmente abbigliato in costume lungo e a strisce, insomma ogni personaggio è reso volgare, volutamente trash, e ciò stride con la potenza e bellezza delle loro arie cantate. Lo stesso Rossi in veste di deux in machina clownesco col suo frac largo a dismisura, fa capolino tra gli attori come servo di scena.

La mente allora, nostalgicamente va ad esempi simili, ma di diverso spessore: a Federico Fellini che ritraeva sì personaggi popolari, cosi grotteschi ed al contempo infinitamente poetici, a Tazeus Kantor che sì presiedeva in scena, ma per guidare con pochi sentiti gesti i suoi attori, alla Commedia dell’Arte e alla caratterizzazione canonica dei suoi personaggi,  a Jonesco e al Teatro dell’Assurdo, insomma la mente va per compensazione al  teatro che nella molteplicità di stili e tecniche, gioca ad elevare e mai ridurre, ad accrescere e mai sminuire.

Si legge sul programma di sala che il Teatro San Carlo ha stabilito gemellanze con diversi Comuni del napoletano, con l’intento di avvicinare i giovani alla musica, intento lodevole, basta che non si dimentichi che il teatro è in primo luogo dimora  di quella cultura unica ed autentica, che nei secoli l’ha caratterizzata,che va anche dissacrata, ma in un confronto poetico e mai banale.

Un plauso speciale va al Direttore Christophe Rousset che ha diretto gli altrettanto bravi musicisti dell’ Orchestra del Teatro di San Carlo di Napoli.

 

(12 DICEMBRE 2011)

© RIPRODUZIONE RISERVATA






Exit Mundi
in prima mondiale a Bari l´opera commissionata dalla Fondazione Petruzzelli

Sabato 17 settembre alle 21.00 il Petruzzelli sarà palcoscenico ideale di un evento straordinario: la prima assoluta di Exit Mundi la "Cantata per soprano, tenore, baritono, voce bianca, pianoforti, percussioni, coro ed orchestra" su musica di Giovanni Tamborrino
Napoli Taranta Festival
13 e 14 settembre 2011, ore 21.00 Cortile Maschio Angioino
La manifestazione, destinata a diventare un appuntamento fisso nei prossimi anni, è stata fortemente voluta dal Sindaco del Comune di Napoli Luigi De Magistris e dall´Assessore alla Cultura Antonella Di Nocera.
La direzione artistica è affidata ad Eugenio Bennato.

BENEVENTO CITTA´ SPETTACOLO
XXXII EDIZIONE

Benevento Città Spettacolo nacque nel 1980 come Rassegna di teatro a tema da un’idea di Ugo Gregoretti, suo primo Direttore Artistico, elaborata in collaborazione con il Comune di Benevento. La sua prima edizione, della durata di una settimana, vedeva l’allestimento di quattro eventi teatrali.

Domenica 11 settembre 2011, Cortile Maschio Angioino di Napoli

11 settembre: strage o complotto? YouDecide

YouDecide, in assoluto il primo reality teatrale, scritto, diretto ed interpretato da Ferdinando Maddaloni. Presentato da Associazione Angus 89 nell´ambito della manifestazione Napoli Città Viva, promossa dall´Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli
leggi

PREMIO NIKE NOMINATIONS

15 ottobre 2011 appuntamento con la Nike per il Teatro, che premia le produzioni interne ai Teatri Napoletani, portate in scena la scorsa stagione.
Ecco le Nominations

STORIA DEL TEATRO
Dalle prime manifestazioni primitive a quelle contemporanee

leggi 

TEATRO TOTO’: FESTIVAL TEATRO AMATORIALE GIÀ APERTE LE ISCRIZIONI PER L’EDIZIONE 2011/2012
leggi










"RIDERE" 2011
Rassegna Teatrale al
Maschio Angioino
leggi

<< Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Next >>



 

 

 

 

 

 

 

 

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Homo Page