Lunedì, 09 Dicembre 2019  

Sfoglia

 

Cerca:  

 

Applausi per l’inesausto Giorgio Albertazzi e il bravissimo corpo di ballo Martha Graham Dance Company con “Cercando Picasso” al Teatro Bellini, sino al 18 marzo

Servizio di Maurizio Vitiello

Napoli – Giorgio Albertazzi resiste sulla scena, da solo con i suoi 88 anni; è l’Angelillo del Teatro. Come il calciatore Angelillo, fermo in campo, che dettava legge con la sua classe e i suoi rilanci, così Giorgio Albertazzi riesce a reggere all’urto degli anni e alla sua passione estrema: la vita. Vita che contrappone alla morte. Lui è il Teatro che vuole sconfiggere il tempo; lui intende rivitalizzarsi con la memoria e proseguire nell’infinito del pensiero e delle idee. Il Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia – Martha Graham Dance Company in coproduzione con Ente Autonomo Teatro di Messina e Orkestra Entertainment Srl hanno presentano Giorgio Albertazzi in Cercando Picasso con la Martha Graham Dance Company; coreografie storiche di Martha Graham e originali di Janet Eilber; scene e costumi Pier Paolo Bisleri; video Antonio Giacomin; luci Nino Napoletano; musiche di Manuel de Falla, Igor Stravinsky, Perez Prado, Francis Lemarque, Camille Saint-Saens, Wallingford Riegger, Henry Cowell, Zoltàn Kodàly; regia accorta di Antonio Calenda

«Un genio che solo la morte ha saputo dominare» così lo scrittore e politico francese André Malraux definì l’amico Pablo Picasso, cogliendone appieno in queste poche parole la personalità irregolare, il furore creativo, l’eclettismo, la natura nettamente esplosiva e veramente rivoluzionaria.

Antonio Calenda prima dell’avvio degli spettacoli segnalò quanto segue: «Affrontare Picasso significa rispondere alla sua fantasmagoria, dare voce alla sua irruente visionarietà. Perciò sarà necessario discostarsi dagli stilemi del naturalismo per ricreare invece le tensioni dell’irripetibile atmosfera culturale che circondava Picasso, per ricercare nel mondo delle sue motivazioni interiori attraverso la figurazione evocativa e coreografica, attraverso le sue stesse parole ed i pensieri che riverberano potenti da passi tratti dai suoi scritti, dai suoi poemi, dai testi teatrali. Vivremo ´Le désir attrapé par la queue´ come un excursus nel suo immaginario. Questa necessità di evitare causalità e concretezza, di muoverci nell’impalpabile della fantasia, dell’immaginazione di questo grande artista ci ha spinto verso una scelta espressiva inusuale: quella di intrecciare nello spettacolo all’evocazione della pittura di Picasso, il linguaggio coreografico di Martha Graham. Sono segni potenti, dell’arte e dell’espressività del Novecento, codici inestimabili la cui pregnanza riecheggia costantemente nell’immaginario contemporaneo. A essi si fonde la recitazione di un maestro della statura, della sapienza scenica e del vigore di Giorgio Albertazzi, un attore che sa fare della parola un esercizio stilistico supremo, sa rendere ogni battuta finissima, poliformica, astratta … Poter contare in scena su un dialogo intenso fra questo e la danza della Martha Graham Dance Company significa assicurare semanticità ulteriore allo spettacolo, liberarlo dagli impacci naturalistici, librarlo in un’atmosfera di allusione astratta che ci appare in qualche modo omologa all’animo del grande pittore, all’eredità che ha lasciato, a ciò che di lui desideriamo raccontare».

Le désir attrapé par la queue (Il desiderio preso per la coda) rappresenta il cuore dello spettacolo, proprio per quel suo meraviglioso respiro onirico e surreale, per quel suo essere “irregolare” privo di chiare evoluzioni logiche, singolare nella punteggiatura, eppure vitalissimo, animato da personaggi come il Piedone, l’Angoscia grassa, la Cipolla, il Silenzio, la Torta …

Se Quenaeau vide in Le désir una fantasiosa rappresentazione del caos e dei mali che l’uomo soffriva a causa della guerra e che assediavano il gruppo di intellettuali parigini che lui stesso assieme a Picasso frequentava, è anche vero che nel testo il grande pittore spagnolo manteneva viva tutta la visionarietà tipica della sua pittura, la sua inventiva inarrestabile, la sua espressività.

Un frenetico “tourbillon” che è, al contempo, testimonianza poetica e delle lacerazioni della guerra, dei bombardamenti, e, soprattutto, della fame.

In conclusione, Giorgio Albertazzi è sulla scena per raccontarci del secolo scorso citando grandi nomi, facendo leva anche su Garcia Lorca e sull’immenso Picasso; penetra temi sciorinati dalla memoria e recita sé stesso, risveglia la semantica del dubbio e la meraviglia dell’intelligenza.

Il favoloso corpo di ballo Martha Graham Dance Company motiva segmenti alti, tracciati da grandi coreografie, tutte di atmosfera, rese con lucide sintesi.

Da vedere il resistente Giorgio Albertazzi e il Martha Graham Dance Company, affascinante  e trascinante, per conoscenza teatrale.


(16 marzo 2012)


© RIPRODUZIONE RISERVATA




Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google




Gli speciali di Elio Barletta
"Misura per misura" di William Shakespeare al Teatro Mercadante

Napoli - Secondo una tournée che ha previsto per il 2011 anche i teatri Nuovo Giovanni da Udine di Udine (19–23 ottobre), Strehler di Milano (25 ottobre–6 novembre), Verdi di Padova (8–13 novembre), Politeama Rossetti, Stabile del Friuli di Trieste (30 novembre–4 dicembre), Carignano di Torino (6–18 dicembre), è andato in scena come secondo spettacolo stagionale, nella Sala dello Stabile di Napoli Mercadante – da mercoledì 16 a domenica 27 novembre – Misura per misura (Measure for Measure), l´opera teatrale che William Shakespeare scrisse nel 1604... Leggi

Menoventi vince Rete Critica, il premio assegnato dai blog e dai siti di informazione e critica teatrale

Il voto su Facebook premia invece Ricci-Forte

La prima edizione premio Rete Critica, assegnato dai siti e dai blog di teatro italiani, è andato al gruppo Menoventi, che con 13 voti l´ha spuntata su un´altra giovane compagnia, Ricci-Forte (10 voti). Leggi

Radio3 Rai alla trasmissione Chiodo fisso, per il ciclo di racconti dedicato questo mese ai mestieri del teatro, andrà in onda "a teatro – L´ufficio stampa" con Sergio Marra (nella foto)

"Chiodo fisso è uno spazio, in onda dal lunedì al venerdì alle 10.50 su Radio3, che offre nella sua brevità la tensione narrativa di un racconto. Ogni mese "chiodo fisso" batte su un tema. Ogni giorno torna sullo stesso tema, ma nella chiave sempre diversa del protagonista di quella singola puntata."

tutto su www.radio3.rai.it/ 

TEATRO CILEA
dal 18 novembre 2011

Gianfranco Gallo Massimiliano Gallo Patrizio Rispo
FELICI IN CIRCOSTANZE MISTERIOSE

Napoli – Teatro Cilea. "Felici in circostanze misteriose" è una commedia che  tratta il tema del rifiuto radicato in ognuno di noi verso tutto ciò che è diverso. Quel che la rende particolare, a mio avviso, è che usa i mezzi di un finto universo minimalista,riconoscibili nell´apparente ordinarietà dei personaggi, allo scopo di spiazzare lo spettatore e lasciargli spazio. LEGGI

IN MEMORIA - 63 ANNI DOPO

Irena Sendler  

Poco tempo fa è venuta a mancare  una signora di 98 anni di nome Irena. Durante la seconda guerra mondiale,  Irena portò in salvo migliaia di neonati nascondendoli nel fondo della sua cassetta degli attrezzi. Riuscì a salvare 2500 tra bambini. Leggi 

Teatro Totò
Fino a domenica 20 novembre 2011
LA PAURA CHE TI FAI
SVEGLIA E VINCI
di Eduardo Tartaglia
leggi

Teatro Galleria Toledo

8 – 13 novembre 2011

RICCARDO III, invito a corte

Napoli - Una scalata ripida. Continuamente in bilico, Riccardo tenta l´ascesa "La storia feudale è una grande scala sulla quale sfila ininterrottamente il corteo regale. Ogni scalino, ogni passo verso l´alto è contrassegnato dal delitto, dall´inganno, dal tradimento. Ogni gradino, ogni passo verso l´alto avvicina al trono o lo consolida…" (Jan Kott). Leggi

Festival Laboratorio Interculturale di Pratiche Teatrali dal 29 ottobre al 5 novembre, Teatro Potlach
leggi

Venerdì 4 novembre 2011, Teatro Nuovo di Napoli Maria Paiato in Anna Cappelli, uno studio di Annibale Ruccello La storia di una passione senza ritorno, con la regia di Pierpaolo Sepe, e l´opera dell´artista Gloria Pastore, per il secondo appuntamento del progetto EraEva
leggi

Giovedì 20 e 27 ore 17.30 | domenica 23 e 30 ore 18.00
LA CASA DI BERNARDA ALBA 
liberamente ispirato a "la casa dsi bernarda alba" di Federico Garcìa Lorca
Teatro Mercadante | stanza blu
Le Nuvole e Teatro Stabile Napoli, dagli 8 anni

Riparte la nuova stagione teatrale rivolese realizzata da ACTI Teatri Indipendenti

La stagione rivolese, con la direzione artistica di Beppe Rosso, propone spettacoli di rilievo nazionale tra tradizione e nuova drammaturgia. Ad aprire il 9 novembre BERGONZONI con il suo "Urge".
Leggi

Sala Teatro Ichos

"Denuncia alla vita" scritto, diretto, interpretato da Alessandro Mele

 Un concentrato di tematiche a sfondo sociale in cui si narra la storia di un ragazzo di 25 anni che la notte della vigilia di Natale sporge la denuncia più importante della sua vita. Dal 28 al 30 ottobre

OFFICINATEATRO 30 OTTOBRE: IAIA FORTE in INTERNO FAMILIARE

Stefan Anton Reck dirige l´Orchestra della Fondazione Petruzzelli


Bari - Domenica 30 ottobre alle 21.00 il maestro Stefan Anton Reck condurrà l´Orchestra della Fondazione Petruzzelli in un concerto tutto dedicato al grande Ludwig van Beethoven (1770-1827). Leggi

Omaggio ad un intellettuale illustre

© Da "Poesie Italiane"
Avemmo il dono delle mani e della parola dopodiché ci illudemmo di poterci distinguere dal regno degli animali e di pareggiare nel diventare umani con la potenza degli dei ma siamo rimasti schiavi di un istinto primordiale su cui prese corpo la famigerata legge della giungla le cui vestigia invano furono mutate poichè la bestia sotto altre forme si rigenerava schiacciando con i suoi artigli quanto di umano rimaneva in vita.
Raimondo Curci

Teatro Massimo Bellini Catania

GRANDI NOMI DEL CONCERTISMO INTERNAZIONALE
NELLA STAGIONE SINFONICA 2011-2012
Vedi

         RIDOTTO
Quinta di copertina
Lettura di testi letterari con Livia e Manlio Santanelli

Il prossimo incontro è previsto per il giorno 31 ottobre 2011, sempre alle ore 18. Nel solito luogo di culto narrativo; e, come molti di voi già sapranno, prevede le vostre riflessioni sull’epistola di “Tarchetti a Fosca” (vulgo “Fosca” di Igino Ugo Tarchetti).

DEPORTADOS
Studio su Elettra e Ecuba
Napoli Teatro Il Primo, novembre 2011 - aprile 2012
Laboratorio di Arnolfo Petri

Napoli - Arnolfo Petri dirige un progetto drammaturgico che fa riferimento solo di sfondo alla grande tragedia classica, e sceglie come filo conduttore il tema “della deportazione culturale”
leggi


 

 

 

 

 

 

 

 

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Homo Page