Lunedì, 10 Dicembre 2018  

Sfoglia

 

Cerca:  

 

IL PROMESSO SPOSO di Franco Pinelli

Al Teatro Scarpetta fino al 17 marzo

Servizio di Antonio Tedesco

Casoria, Napoli - Prosegue con lusinghiero successo di pubblico la stagione del Teatro Scarpetta di Casoria, organizzata dall´Associazione Culturale Res Novae Teatro, diretta da Luciano Medusa. Spettacolo in cartellone in questi giorni è Il promeso sposo, scritto e diretto da Franco Pinelli che ne è anche interprete principale. L´intreccio, come nella migliore tradizione della farsa napoletana, è basato su un equivoco, o meglio uno scambio di persona. Una fatale omonimia che fa credere un giovane (Errico) che sta per sposare la figlia (Nannina) di un benestante signore (Nicola Paletta), un pericoloso uxoricida.

LEGGI    

Arturo Cirillo e il gioco delle passioni nel Ferdinando di Ruccello

"Ho reinserito battute che 25 anni fa erano considerate troppo audaci"

Intervista di Maurizio Vitiello

Dal 20 al 24 marzo al San Ferdinando di Napoli in scena la sua rivisitazione al Ferdinando. Su che profilo si attesta e quali difficoltà pensa di avere superato?

"Non so se sia corretto parlare di rivisitazione, siamo semplicemente tornati sul testo e abbiamo fatto delle scelte diverse riguardo ai tagli e alle battute da evidenziare rispetto all´edizione firmata nel 1986 dallo stesso Ruccello, e molte volte ripresa da Isa Danieli. Abbiamo reinserito battute che forse venticinque anni fa rischiavano di essere troppo audaci, battute che rendono più esplicito il piano dell´attrazione fisica tra i personaggi, come anche certe loro perversioni."  

LEGGI    

MERCADANTE IN CRISI

Senza finanziamenti si rischia la chiusura

Servizio di Teofilo Matteis

Napoli - I soldi bastano fino ad aprile. "A maggio non potremo pagare gli stipendi", dichiara il direttore De Fusco. "Se entro quella data Comune e Provincia non verseranno almeno due annualità, saremo costretti a rivedere attività e programmi", si legge nel comunicato emesso al termine dell´ultimo Cda. Questa la situazione del teatro stabile di Napoli, con i suoi tre palcoscenici del Mercadante, del Ridotto e del San Ferdinando. Tra i tre soci fondatori, che per legge sono Regione, Provincia e Comune, l´unico che continua a pagare è la Regione anche se per ora i finanziamenti – circa un milione e 200 mila euro - sono bloccati dal patto  di  stabilità.

LEGGI    

CAMURRIA Homo Scrivens Edizioni
Arnolfo Petri dalle scene al romanzo
Recensione di Sergio Saggese

Il titolo di un romanzo, se azzeccato, assume il ruolo di una guida che attende sulla soglia di un viaggio letterario. Una volta appreso che Camurrìa non significava camorra, bensì disagio, ho compreso d´aver trovato la mia. Nel dizionario siciliano-italiano la parola Camurrìa è stretta tra le parole Camùrra e Camurrìsta, e ho pensato ai tanti dissidenti incompresi fatti passare per disadattati. Condizione simile a quella dei due protagonisti del libro di Petri, Totore e Marcello – imprigionati nella cella del carcere di Secondigliano – incolpati di reati che persino la mala società carceraria taccia d´infamia. Salvatore De Crescenzo, detto Totore, è accusato d´aver ammazzato un prete, mentre Marcello di adescamento minorile.

LEGGI    

In chiave moderna Il fu Mattia Pascal con Tato Russo

"Se vivo, Pirandello l´avrebbe portato in scena così"    

 Intervista  di Anita Curci

Tato Russo, talento multiforme della scena, torna a Napoli, nel "suo" Bellini, di cui è stato direttore artistico per  21 anni, dal 15 al 17 marzo con Il fu Mattia Pascal.

"Mi diverto a far mie le opere degli altri, e questa in particolare, non scritta per il palcoscenico,  sentivo che andava restituita a Pirandello in forma teatrale. Diventerà un caposaldo della produzione pirandelliana".

LEGGI    

Al Piccolo Bellini  MALACRESCITA  di Mimmo Borrelli

Servizio di Antonio Tedesco


Napoli - Malacrescita nasce come un´appendice, ma visto l´argomento, si potrebbe dire una escrescenza, del precedente spettacolo di Mimmo Borrelli intitolato La Madre, ´i figli so´ piezze ´i sfaccimma, presentato un paio di stagioni fa con molto successo e considerevole esito critico, anche a carattere nazionale. Di quello spettacolo racconta la stessa storia, ma attraverso una prospettiva differente. La vicenda è quella di Maria, anzi, Maria Sibilla Ascione, figlia di un ricco malavitoso della zona Flegrea, che cerca di elevarsi e distaccarsi dal suo ambiente familiare di origine, ma finisce con lo sposare un violento e arrogante capoclan chiamato Sandokan. Da questi ingravidata partorisce due gemelli. Desiderosa di spezzare la catena criminale ereditaria, e non avendo avuto il coraggio di eliminarle direttamente, né attraverso l´aborto, né ammazzandole in seguito, finisce con il tenere le due creature.

LEGGI    

Il Sole di Notte di Ramona Tripodi, liberamente ispirato a La fine del Titanic di H.M.Enzensberger

Al teatro Elicantropo fino al 17 marzo

Servizio di Maddalena Porcelli

Napoli - Doppia settimana di programmazione, da giovedì 7 marzo, fino a domenica 17, al teatro Elicantropo, per lo spettacolo Il Sole di Notte di Ramona Tripodi, liberamente ispirato a La fine del Titanic di H.M.Enzensberger, con Raffaele Ausiello, Giulio Barbato, Rosalba Di Girolamo, Ramona Tripodi. Presentato da Inbilicoteatro, in co-produzione con Il Pozzo e il Pendolo, l´allestimento si avvale del disegno luci a cura di Cesare Accetta, il disegno audio-video di Andrea Canova, per la regia di Ramona Tripodi. Lo spettacolo, purtroppo, non raggiunge alcun esito, sia da un punto di vista emotivo che mentale.

LEGGI    

Teatro Bellini di Napoli

A QUALCUNO PIACE CARTA di Ennio  Marchetto e Sosthen Hennekam

Servizio di Pino Cotarelli

Napoli - Ennio Marchetto con il suo spettacolo innovativo, moderno, veloce e tecnicamente impeccabile,  ha riscosso un successo meritatissimo nella prima di venerdì 8 marzo al teatro Bellini, dove rimarrà in programmazione fino al 10 marzo 2013.  In questo spettacolo, che piace a grandi e piccoli, Marchetto cambia manovrandoli, abiti di carta che raffigurano personaggi italiani e stranieri amati dal pubblico, che fanno parte del mondo del pop, della lirica, del rock, della televisione, etc. L´intenso repertorio è composto da 350 personaggi che anima ballando al suono del relativo successo di turno, imitandone smorfie, tic, e movenze peculiari.

LEGGI    

Ottimo esordio al teatro Cilea di SE PERMETTETE VORREI ANDARE OLTRE di Simone Schettino

Servizio di Pino Cotarelli

Napoli - Il nuovo spettacolo di Simone Schettino, che rimarrà in programmazione al teatro Cilea fino al 17 marzo, impegna il comico e gli attori Roberto Capasso e Giuseppe Mosca, in una nuova esperienza con il pubblico che si ritroverà ad assistere a quello che capita nel camerino di Schettino dietro le quinte, mentre si prepara per andare in scena su di un palco immaginario. Nelle intenzioni del comico, una voglia di un franco colloquio col pubblico in cui poter andare anche oltre almeno per una serata. Una chiacchierata fra amici prima di andare ad esibirsi sui soliti argomenti che il pubblico vuole sentirsi dire; una chiacchierata in confidenza a tutto tondo in cui, per carità, è sempre presente il lato comico, anche se nella serietà degli argomenti e negli scambi di pensiero attuale.

LEGGI    

L´anima del sapere non si deve interrompere
CON IL TEATRO E CON I BAMBINI RIPARTE CITTA´ DELLA SCIENZA

DALLE NUVOLE BRUNO ALLA SALA NEWTON IL 10 MARZO

Napoli - "Noi bambini degli anni ´60, del miracolo italiano, primi testimoni della realtà filtrata dalla TV, cosa vogliamo raccontare ai bambini di oggi?" con queste parole Silvano Fiordelmondo, della compagnia di Jesi Teatro Pirata, presenta lo spettacolo DALLE NUVOLE BRUNO, di cui è coautore insieme a Piero Guerriero e interprete, il primo che Le Nuvole ospita dopo l´incendio che ha distrutto lo spazio museale di Città della Scienza e ha rischiato di mandare in fumo anche il Teatro GALILEI 104, che oltre ogni speranza è ancora in piedi. Con il teatro e con i bambini, insieme alle loro famiglie, domenica mattina 10 marzo 2013 alle ore 12.00 nella sala Newton di Città della Scienza, tornano anche gli appuntamenti con gli spettacoli. "Proseguono, diremmo meglio - riferisce Luciana Florio, presidente Le Nuvole - perché nonostante quanto accaduto la programmazione non si interrompe.

LEGGI    

Incassi del Napoli Teatro Festival Italia 2013 alla Città della Scienza

La Fondazione Campania dei Festival ha deciso di devolvere l´incasso della sesta edizione del Napoli Teatro Festival Italia 2013, che si terrà dal 6 al 23 giugno, allo sfortunato museo della Citta della scienza. La professoressa Miraglia ha anche  annunciato di aver convocato un Consiglio d´Amministrazione straordinario della Fondazione Campania dei Festival con l´obiettivo di decidere di mettere in scena almeno uno spettacolo dell´edizione 2013 del Festival nel Teatro della Città della Scienza, rimasto miracolosamente salvo dall´incendio, compatibilmente con le indicazioni cher verranno date dall´autorita inquirente.

LEGGI    

Napoli: distrutta la Città della Scienza, si salva il Teatro Galileo 104

Napoli - Dopo una lunga notte di fiamme i luoghi del Museo di Città della Scienza non esistono più. Resta solo il Teatro Galilei 104: il padiglione industriale più antico dell´intera struttura, il primo che abbia ospitato uno spettacolo di teatro scienza, il luogo dal quale - insieme alle persone e alle idee – vogliamo far ripartire il polo dell´edutainment  culturale che Fondazione IDIS/Città della Scienza ha voluto nel 1996 e che Le Nuvole, fin da subito, sono state chiamate a rendere vivo ed emozionante per tanti giovani e anche giovanissimi. E´ stato un colpo durissimo, che non meritiamo. Non solo noi, nemmeno i nostri colleghi di Città della Scienza, tanto meno la città di Napoli.

LEGGI    

Madama Bovary dal testo di Gustave Flaubert

La disputa calcistica Napoli-Juve paralizza lo spettacolo della Senestro al Sancarluccio ma il giorno dopo è pienone
Servizio di Maddalena Porcelli

Napoli - Mi è capitata un´esperienza anomala, che  ritengo di dover comunicare poiché molto ha a che fare con ciò che intendo sottolineare rispetto ai temi analizzati in questo lavoro. Venerdì, 1 marzo, mi presento al teatro Sancarluccio, alle 21 in punto, in dolce compagnia, desiderosa di seguire lo spettacolo in programma ma… incredibile a dirsi, lo spettacolo è sospeso: siamo gli unici due spettatori quella sera poiché si disputa la partita di calcio Napoli-Juve! Le persone alle quali ho raccontato l´episodio mi hanno derisa, trovando fantozziana la vicenda, che  dal mio punto di vista è abbastanza inquietante poiché descrive una situazione tipica del nostro tempo

LEGGI    

Sala Ichos 7-10 marzo

LE ORE DELLA MIA GIORNATA di Ciro Marino con Tina Femiano

 
San Giovanni a Teduccio, Napoli - La giornata di Maria Stornaiuolo inizia molto presto la mattina. La prima ora della sua giornata se ne va tra lavatrici,  panni da stirare, stendere, la cucina, i letti e tutto il resto appresso.Gran parte della giornata, Maria non la passa con la sua famiglia. Maria lavora in una fabbrica di maglieria dei Cinesi a San Giuseppe Vesuviano. A San Giuseppe Vesuviano, i bambini cinesi parlano solo il dialetto sangiuseppese, di Italiano non conoscono nemmeno una parola. Perché gli operai cinesi, lavorano, lavorano sempre e non hanno tempo di allevarli. A San Giuseppe Vesuviano, i bambini cinesi li allevano le donne del paese. I bambini tornano in fabbrica dai genitori, solo la sera per dormire e qualche volta giocano un po´ lì,  tra le macchine da cucire e i rocchetti di cotone.

LEGGI    

GLI IMPRENDITORI DI SOGNI ARRIVANO A ROMA CON

"IL VERO AUTENTICO BARONE DI MUNCHAUSEN"

Roma - Dal 7 al 10 marzo al Teatro Testaccio, a chiusura della rassegna: "Testaccio che non ti aspetti" promossa da Teo Bellia e maGma LAB, va in scena "Il Vero Autentico Barone di Munchausen" scritto dall´attore Yuri Napoli (il 15 Novembre scorso al cinema con il film "VITRIOL") e diretto dal regista Mario Santella. L´evento segna anche l´approdo dell´Associazione Imprenditori di Sogni nel territorio romano. L´associazione creata da Claudia Natale rappresenta una rivoluzione nel mondo dello spettacolo dal vivo, creando per i giovani artisti una vetrina del tutto nuova e originale per promuovere la propria creatività.

LEGGI    

Successo al Diana per "Il diavolo custode" di Vincenzo Salemme

Servizio di Pino Cotarelli

Napoli - Questa nuova commedia di Vincenzo Salemme, in programma al teatro Diana fino al 7 aprile, nella prima di mercoledì 27 febbraio, ha registrato una notevole affluenza di pubblico; giocata sulla dicotomia comicità/drammaturgia, già applicata con successo dai grandi Totò, De Filippo, Troisi, etc., conferma Vincenzo Salemme come uno degli autori teatrali più brillanti del panorama nazionale. Salemme che non si risparmia mai dando il massimo sulla scena, oltre a curarne la regia, si è riservato il ruolo del "diavolo" che richiede notevoli capacità istrioniche e una fatica sostenuta che ha condiviso con Nicola Acunzo, Domenico Aria (Gustavo), Floriana De Martino, Andrea Di Maria, Antonio Guerriero, Raffaella Nocerino, Giovanni Ribò.

LEGGI    

TEATRO BELLINI

"La passione primordiale per la battaglia" di Pippo Delbono

 Servizio di Daniela Morante

Napoli - Già un secolo fa Erich Fromm andò oltre il maestro Sigmund, definendo l´istinto autodistruttivo insito nella natura umana col termine più forte di passione. Capì infatti che le due pulsioni primarie, antagoniste in noi, non erano quelle mosse dai bisogni primari, cibo e sesso, ma quelle più profonde legate al principio di vita creativo e a quello complementare di morte e distruzione. Il passaggio concettuale dalla definizione freudiana di istinto a passione venne del resto confermato da diverse tendenze in arte e letteratura, (futuristi in primis).

LEGGI    

L´AGIS CAMPANIA PROCLAMA LO STATO DI CRISI

Gravissima emergenza per il settore dello spettacolo

L´Agis Campania proclama lo stato di crisi. Una decisione unanime dell´Associazione, che rappresenta le imprese di cinema, teatro, danza, musica e spettacolo viaggiante della Regione, resa necessaria dalla crisi finanziaria ed economica senza precedenti in cui versa tutto il settore che rischia di provocare la completa paralisi delle attività e la perdita del lavoro per numerose migliaia di artisti, operatori e maestranze specializzate. Uno straordinario patrimonio di strutture, competenze, iniziative, valori artistici e sociali in forte difficoltà a causa di un calo consistente dei consumi, di un depauperamento continuo delle risorse pubbliche ad esso destinate.

LEGGI    

THE SUIT  nella messa in scena di Peter Brook

Al Mercadante fino al  10 marzo

Servizio di Antonio Tedesco


Napoli - Una storia in apparenza semplice, ma proprio per questo più inquietante nel suo svolgersi con toni così svagati e surreali. Tratta da un romanzo dello scrittore sudafricano Can Themba, la cui opera fu oscurata dall´ Apartheid, ambientata nella cittadina di Sophiatown, non lontano da Jhoannesburg è la storia di una coppia, Philomen (l´attore William Nadylam) e Matilda (Nonhlanahla Kheswa), che sembrano vivere felici e in buon accordo. Finché lui, messo sull´avviso da un amico (Jared McNeill, che è anche una sorta di gran cerimoniere dello spettacolo), non sorprende la moglie a letto con l´amante. Il quale nella fretta di scappare lascia lì il suo abito.

LEGGI    

Alberti, Boni e Haber prototipi universali di una generazione senza risposte

ART  di Yasmina Reza al teatro Mercadante

Servizio di Antonio Tedesco

Napoli - Un quadro bianco. Tre amici non più giovanissimi che, intorno a quel quadro, ripensano e ridefiniscono il loro ventennale rapporto. Tre diverse personalità che, intorno al vuoto (in molti sensi) rappresentato da quell´opera d´arte (un´opera, a modo suo, assoluta quanto spiazzante) scoprono i "vuoti" che affliggono le loro esistenze. E che ognuno riempie come può, in accordo con il proprio carattere e in funzione del proprio modo di essere. Marc, Serge e Yvan, sono i tre protagonisti di Art,  il testo dell´autrice francese Yasmina Reza (tradotto per questa edizione da Alessandra Serra), andato in scena per la prima volta a Parigi nel 1994. Ognuno dei tre personaggi definisce un tipo umano che, in quanto tale, determina in sé una particolare visione del mondo.

LEGGI    

<< Previous 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Next >>



Gli speciali di Elio Barletta
"Misura per misura" di William Shakespeare al Teatro Mercadante

Napoli - Secondo una tournée che ha previsto per il 2011 anche i teatri Nuovo Giovanni da Udine di Udine (19–23 ottobre), Strehler di Milano (25 ottobre–6 novembre), Verdi di Padova (8–13 novembre), Politeama Rossetti, Stabile del Friuli di Trieste (30 novembre–4 dicembre), Carignano di Torino (6–18 dicembre), è andato in scena come secondo spettacolo stagionale, nella Sala dello Stabile di Napoli Mercadante – da mercoledì 16 a domenica 27 novembre – Misura per misura (Measure for Measure), l´opera teatrale che William Shakespeare scrisse nel 1604... Leggi

Menoventi vince Rete Critica, il premio assegnato dai blog e dai siti di informazione e critica teatrale

Il voto su Facebook premia invece Ricci-Forte

La prima edizione premio Rete Critica, assegnato dai siti e dai blog di teatro italiani, è andato al gruppo Menoventi, che con 13 voti l´ha spuntata su un´altra giovane compagnia, Ricci-Forte (10 voti). Leggi

Radio3 Rai alla trasmissione Chiodo fisso, per il ciclo di racconti dedicato questo mese ai mestieri del teatro, andrà in onda "a teatro – L´ufficio stampa" con Sergio Marra (nella foto)

"Chiodo fisso è uno spazio, in onda dal lunedì al venerdì alle 10.50 su Radio3, che offre nella sua brevità la tensione narrativa di un racconto. Ogni mese "chiodo fisso" batte su un tema. Ogni giorno torna sullo stesso tema, ma nella chiave sempre diversa del protagonista di quella singola puntata."

tutto su www.radio3.rai.it/ 

TEATRO CILEA
dal 18 novembre 2011

Gianfranco Gallo Massimiliano Gallo Patrizio Rispo
FELICI IN CIRCOSTANZE MISTERIOSE

Napoli – Teatro Cilea. "Felici in circostanze misteriose" è una commedia che  tratta il tema del rifiuto radicato in ognuno di noi verso tutto ciò che è diverso. Quel che la rende particolare, a mio avviso, è che usa i mezzi di un finto universo minimalista,riconoscibili nell´apparente ordinarietà dei personaggi, allo scopo di spiazzare lo spettatore e lasciargli spazio. LEGGI

IN MEMORIA - 63 ANNI DOPO

Irena Sendler  

Poco tempo fa è venuta a mancare  una signora di 98 anni di nome Irena. Durante la seconda guerra mondiale,  Irena portò in salvo migliaia di neonati nascondendoli nel fondo della sua cassetta degli attrezzi. Riuscì a salvare 2500 tra bambini. Leggi 

Teatro Totò
Fino a domenica 20 novembre 2011
LA PAURA CHE TI FAI
SVEGLIA E VINCI
di Eduardo Tartaglia
leggi

Teatro Galleria Toledo

8 – 13 novembre 2011

RICCARDO III, invito a corte

Napoli - Una scalata ripida. Continuamente in bilico, Riccardo tenta l´ascesa "La storia feudale è una grande scala sulla quale sfila ininterrottamente il corteo regale. Ogni scalino, ogni passo verso l´alto è contrassegnato dal delitto, dall´inganno, dal tradimento. Ogni gradino, ogni passo verso l´alto avvicina al trono o lo consolida…" (Jan Kott). Leggi

Festival Laboratorio Interculturale di Pratiche Teatrali dal 29 ottobre al 5 novembre, Teatro Potlach
leggi

Venerdì 4 novembre 2011, Teatro Nuovo di Napoli Maria Paiato in Anna Cappelli, uno studio di Annibale Ruccello La storia di una passione senza ritorno, con la regia di Pierpaolo Sepe, e l´opera dell´artista Gloria Pastore, per il secondo appuntamento del progetto EraEva
leggi

Giovedì 20 e 27 ore 17.30 | domenica 23 e 30 ore 18.00
LA CASA DI BERNARDA ALBA 
liberamente ispirato a "la casa dsi bernarda alba" di Federico Garcìa Lorca
Teatro Mercadante | stanza blu
Le Nuvole e Teatro Stabile Napoli, dagli 8 anni

Riparte la nuova stagione teatrale rivolese realizzata da ACTI Teatri Indipendenti

La stagione rivolese, con la direzione artistica di Beppe Rosso, propone spettacoli di rilievo nazionale tra tradizione e nuova drammaturgia. Ad aprire il 9 novembre BERGONZONI con il suo "Urge".
Leggi

Sala Teatro Ichos

"Denuncia alla vita" scritto, diretto, interpretato da Alessandro Mele

 Un concentrato di tematiche a sfondo sociale in cui si narra la storia di un ragazzo di 25 anni che la notte della vigilia di Natale sporge la denuncia più importante della sua vita. Dal 28 al 30 ottobre

OFFICINATEATRO 30 OTTOBRE: IAIA FORTE in INTERNO FAMILIARE

Stefan Anton Reck dirige l´Orchestra della Fondazione Petruzzelli


Bari - Domenica 30 ottobre alle 21.00 il maestro Stefan Anton Reck condurrà l´Orchestra della Fondazione Petruzzelli in un concerto tutto dedicato al grande Ludwig van Beethoven (1770-1827). Leggi

Omaggio ad un intellettuale illustre

© Da "Poesie Italiane"
Avemmo il dono delle mani e della parola dopodiché ci illudemmo di poterci distinguere dal regno degli animali e di pareggiare nel diventare umani con la potenza degli dei ma siamo rimasti schiavi di un istinto primordiale su cui prese corpo la famigerata legge della giungla le cui vestigia invano furono mutate poichè la bestia sotto altre forme si rigenerava schiacciando con i suoi artigli quanto di umano rimaneva in vita.
Raimondo Curci

Teatro Massimo Bellini Catania

GRANDI NOMI DEL CONCERTISMO INTERNAZIONALE
NELLA STAGIONE SINFONICA 2011-2012
Vedi

         RIDOTTO
Quinta di copertina
Lettura di testi letterari con Livia e Manlio Santanelli

Il prossimo incontro è previsto per il giorno 31 ottobre 2011, sempre alle ore 18. Nel solito luogo di culto narrativo; e, come molti di voi già sapranno, prevede le vostre riflessioni sull’epistola di “Tarchetti a Fosca” (vulgo “Fosca” di Igino Ugo Tarchetti).

DEPORTADOS
Studio su Elettra e Ecuba
Napoli Teatro Il Primo, novembre 2011 - aprile 2012
Laboratorio di Arnolfo Petri

Napoli - Arnolfo Petri dirige un progetto drammaturgico che fa riferimento solo di sfondo alla grande tragedia classica, e sceglie come filo conduttore il tema “della deportazione culturale”
leggi


 

 

 

 

 

 

 

 

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Homo Page