Domenica, 27 Settembre 2020  

Sfoglia

 

Cerca:  

 

Allo Spazio Nea un nuovo format drammaturgico del critico Gianmarco Cesario

Autori a confronto e il pubblico che vota: ecco "Teatro match"

Servizio di Pino Cotarelli



Napoli - Completamente ideato, realizzato e diretto da Gianmarco Cesario, Teatro Match rappresenta il luogo ideale per il confronto illimitato fra modalità teatrali, fra assonanze e dissonanze di autori diversi, fra passato riproposto e presente contemporaneo, un esame critico della retorica teatrale organizzato in un gioco in cui le parti in causa: critici, attori ed autori teatrali si contendono il favore del pubblico, a sua volta coinvolto nello spettacolo, che dovrà individuare il vincitore fra due autori messi a confronto, in questa interazione che permette la prossimità con pilastri della storia del teatro, la partecipazione ad uno spettacolo nuovo e stimolante e una lezione di critica teatrale che senza dubbio arricchisce.

Gianmarco Cesario, critico teatrale,  direttore già di Teatro.org, ed ora di CorriereSpettacolo, docente di Drammaturgia e Drammatizzazione e delle discipline di Storia del Teatro (presso l´Accademia Vesuviana di Teatro e l´Università Popolare di Arte e Musical), non è nuovo a scommesse del genere (vedi Festival del corto La Corte della Formica), ha ideato questo format (partito il 21 ottobre scorso), che ha luogo il lunedì sera (alle 19,30) presso lo Spazio Nea di Napoli (piazza Bellini 59). Otto coppie di grandi drammaturghi come: Euripide e John Ford, Molière e Goldoni, Sir Oscar Wilde e Federico Garcìa Lorca, Cechov e Pirandello, August Strindberg e Tennessee Williams, Harold Pinter e Giuseppe Patroni Griffi, Pasolini e Brecht, Eduardo e Viviani, di volta in volta rappresentati dalla lettura di passi delle loro opere fatte da attori del calibro di Patrizio Rispo, Imma Villa, Gea Martire, Cristina Donadio, Francesco Paolantoni, Lucio Allocca, Riccardo Polizzy Carbonelli, e difesi da critici teatrali come Giulio Baffi (La Repubblica), Stefano De Stefano (Corriere del Mezzogiorno), Giuseppe Giorgio e Angela Di Maso (Roma), o docenti universitari quali Ettore Massarese, Roberto D´Avascio, Paolo Sommaiuolo, o Francesco De Cristofaro. Sul palcoscenico quindi per una sfida senza esclusione di colpi per i sedici autori selezionati.

 

Gianmarco Cesario, come mai una proposta di teatro così diversa?

L´idea nasce dall´esigenza di avvicinare il pubblico, soprattutto quello dei più giovani, al teatro, oggi ingiustamente ritenuta un´arte noiosa o comunque poco avvincente.

Teatro Match consiste semplicemente in una gara nella quale tutto il pubblico che assiste al Match è chiamato a votare per l´autore che più lo appassiona, grazie agli interventi esplicativi degli esperti e alle interpretazioni degli attori che leggono, di volta in volta, brani da un´opera di ognuno dei due autori in gara, e, subito dopo la serata allo Spazio Nea, la votazione prosegue su Facebook, riservata a tutti coloro che si iscrivono al gruppo Teatro Match.

 

Si aspettava di incontrare il favore del pubblico, degli attori e dei critici?

Sinceramente ci speravo ma non credevo che, nel suo piccolo, Teatro Match riscuotesse tanto successo, da essere considerato un piccolo cult. Č un punto di vero orgoglio vedere tanti giovani, soprattutto, affollare lo Spazio Nea per assistere a questa "tetragonia" contemporanea.

 

Può affermarsi come un nuovo genere di teatro?

No, io credo che il teatro si debba esprimere con la sacralità che merita. Teatro Match è, e deve rimanere, un modo divertente per far venire la curiosità di andare a vedere in teatro quegli autori che noi presentiamo nel corso delle nostre serata.

 

Questa formula non esclude confronti su altri generi?

In effetti sto pensando ad altri tipi di Match che vedano a confronto altre forme d´arte, magari con formule leggermente modificate.

 

Del tipo?

Musica, Letteratura, Cinema sono quelle che mi vengono in mente più facilmente.

 

L´approccio alla Tv richiederebbe correzioni?

Alla Tv ci stiamo effettivamente pensando, delle video riprese da trasmettere attraverso una web tv, così da consentire agli utenti della rete di assistere ai match e poter votare su Facebook con maggior consapevolezza.

 

Un´occasione per i critici teatrali di esibirsi?

Non la vedo come un´occasione di esibizione, ma come un´ occasione che si dà, con la collaborazione, per l´appunto, di critici ed esperti di teatro, di mettere a disposizione del pubblico le proprie competenze. Certo è divertente vedere lo spirito con cui si abbandonano spinti dalla passione per i loro autori di riferimento a coinvolgere gli astanti.

Ha sempre affiancato iniziative che aiutassero i   giovani,   quali   opportunità   con   questo format?

In questo caso i giovani sono soprattutto i nostri spettatori,  ma  anche  molti  giovani  attori  che affiancano quelli più esperti, ed è bello per loro, credo, potersi misurare coi grandi della letteratura teatrale.

 

Crede che possa essere utile anche ad autori non conosciuti questo confronto?

Se per autori non conosciuti s´intende quelli viventi, allora dico subito che non è, almeno per ora, nostro interesse far gareggiare autori che si troverebbero coinvolti in una tenzone così in prima persona. Se invece è riferito a quegli autori classici che non trovano grandi spazi nella programmazione dei teatri, a volte solo per una questione di moda, allora credo che sia proprio questo il senso della nostra operazione, che troverà, nella prossima edizione, in autori meno celebrati gran parte dei nomi che metteremo in gara.

 

Cosa vorrebbe che rimanesse di Teatro Match al pubblico?

L´interesse, e, perché no, l´amore per il teatro e la sua letteratura, e, come già ho detto, aiutare a capire i grandi autori, ad amarli e andarli a ritrovare in teatro con maggiore consapevolezza.

 

 

9 gennaio 2014





© RIPRODUZIONE RISERVATA


Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google



























Dal 27 nov. al 2 dic. 2012

Al Piccolo Bellini

La insolita lezione del professore O.T.

Di Massimo Maraviglia, con Bruno Tramice

Napoli - O.T è forse il professore che, almeno una volta nella vita, si vorrebbe incontrare. Arriva in classe inaspettatamente e, senza presentazioni, dice di dover sostituire qualcuno. Così inizia la sua estemporanea lezione di Storia, che associazioni di pensiero, derive e digressioni conducono poi in un´altra storia, questa volta di uomini comuni accidentalmente coinvolti in un tragico fatto di cronaca. «O.T. presta voce e corpo ai personaggi di un racconto in cui vicende personali e memoria collettiva di un´intera città si intersecano attraverso fili invisibili e formano uno spazio quantico tra il vero e l´immaginato. (Massimo Maraviglia)».
Guarda il video


 






Teatro Comunale di Modena. Saranno disponibili da lunedì primo ottobre i nuovi abbonamenti alla Stagione d’opera, nonché i biglietti per le recite fuori abbonamento di Don Carlo, Otello e del musical Grease (dal 9 ottobre anche per tutte le altre rappresentazioni). Il primo appuntamento, in scena il 17 ottobre, sarà con un nuovo allestimento del Don Carlodi Verdi curato dal Teatro Comunale e ispirato alla regia di Luchino Visconti. Grazie a una speciale collaborazione fra il Teatro e l’Università di Modena e Reggio Emilia, agli studenti viene offerta la possibilità di un’agevolazione di oltre il settanta per cento sul prezzo dell’abbonamento.

 

 

Prima nazionale dal 7 marzo al 1 aprile al Teatro Gobetti di Torino in anteprima ad Asti, Pinerolo e Rivoli

LA BOTTEGA DEL CAFFE´ una storia di intrighi e veleni

Torino - La compagnia ACTI Teatri Indipendenti diretta da Beppe Rosso ha sviluppato il nuovo spettacolo, in coproduzione con il Teatro Stabile di Torino, partendo da La Bottega del caffè di Carlo Goldoni, opera destinata a diventare un titolo celebre e che nel tempo ha suscitato riletture complesse, come quella di Rainer Werner Fassbinder. L´idea del progetto è quella di una scrittura nuova ad opera di Luca Scarlini, che, senza tradire la scansione, i temi e le battute micidiali del testo originale, parli ad un oggi segnato dalla crisi economica e dal dominio dell´informazione. (nella foto: Elia Schilton)leggi

Carlo Cecchi all´Elfo Puccini dal 28 febbraio all´11 marzo con Abbastanza sbronzo da dire ti amo?

Milano - Abbastanza sbronzo da dire ti amo? tratta del rapporto fra "a country" e "a man", secondo l´indicazione dell´autrice. "The country" è gli Stati Uniti; "the man" è, a mio parere, un uomo europeo. O, più precisamente – essendo lo spettacolo recitato in italiano – un italiano. "The country" ha il suo vicario teatrale che si chiama, non per nulla, Sam; l´altro si chiama Guy, ma penso che non abbia molta importanza. Fra i due nasce e si sviluppa un rapporto d´amore omosessuale: l´amato è, ovviamente, Sam (The country); l´amante è Guy. leggi

Teatro Bellini 28 febbraio 4 marzo
"La resistibile ascesa di Arturo UI" con Umberto Orsini

Napoli - Uno dei lasciti più decisivi della stagione teatrale novecentesca rappresentato senza ombra di dubbio dal teatro di Bertolt Brecht: pietra di paragone per ogni sperimentazione successiva e, oggi, classico indiscusso e riconosciuto a livello internazionale. La resistibile ascesa di Arturo Ui leggi

Chiara Guidi e la Socìetas Raffaello Sanzio al Funaro di Pistoia‏ fino al 10 marzo
Pistoia - Due appuntamenti imperdibili a marzo, al Funaro di Pistoia con Chiara Guidi e la Socìetas Raffaello Sanzio: per il pubblico quello di assistere ad un nuova, affascinante esplorazione del confine fra musica e parola con MADRIGALE APPENA NARRABILE, per gli allievi attori del laboratorio che precederà le repliche la possibilità di prendere parte allo spettacolo e di girare in una mini tournée con una delle più rivoluzionarie compagnie teatrali italiane. leggi

Al Teatro Ghione di Roma dall´1 al 4 marzo Peppe Barra in concerto
Guarda il video
Roma - Peppe Barra Racconta è uno spettacolo che sintetizza le qualità di attore e cantante dell´artista partenopeo: il linguaggio fiabesco si combina con la gestualità dell´artista simbolo della napoletanità. Peppe Barra, cantante, attore teatrale, attore cinematografico e autore, consacra la sua popolarità negli anni ´80 con "Peppe e Barra", scherzo in musica in due tempi scritto con Lamberto Lambertini e le musiche di Eugenio Bennato. Nello spettacolo, per la prima volta, si esibisce anche la madre Concetta Barra con la quale, da quel momento, genererà un fruttuoso sodalizio che porterà la compagnia "Peppe & Barra" a esibirsi perfino a Parigi e a Bombay.

PROGETTO TAT – TALENTI A TEATRO

DIRETTORE ARTISTICO E PRODUTTORE TEATRALE PER TRE GIORNI AL TEATRO OLIMPICO

Roma – Scommettiamo oggi sulle capacità e la creatività dei direttori artistici di domani, per costruire il futuro dello spettacolo dal vivo. Nasce così il progetto TAT – Talenti a Teatro, promosso dal Dipartimento della Gioventù – Presidenza del Consiglio dei Ministri e dal Teatro Olimpico, un´occasione per mettersi alla prova sullo storico palcoscenico di Roma. leggi

Obi Hall - Teatro di Firenze
Programmazione
Obihall è il nuovo teatro di Firenze. Inaugurato nel febbraio del 2002 sulle ceneri del vecchio e glorioso Teatro Tenda, è divenuto in poco tempo un punto di riferimento importantissimo per la città e per l´intera regione. Ospita ogni genere di spettacolo e di manifestazione, musicale, teatrale... In programmazione: Giovedì 8 marzo 2012 ALESSANDRO SIANI (nella foto) in "Sono in zona" leggi

IL TEATRO STABILE DELLE MARCHE LANCIA PROVINI PER LA SELEZIONE DI INTERPRETI DELLA NUOVA PRODUZIONE LA DODICESIMA NOTTE DI WILLIAM SHAKESPARE REGIA DI VALENTINA ROSATI
Ancona - La Fondazione Le Città del Teatro – Teatro Stabile delle Marche è partner nell´attuazione del progetto Archeo.S System of the Archeological Sites of the Adriatic Sea Project cofinanziato dal Programma di Cooperazione Transfrontaliera Cross-Border Cooperation IPA-Adriatico. Nell´ambito del progetto Archeo.S, il Teatro Stabile delle Marche produrrà lo spettacolo La dodicesima notte di William Shakespeare con la regia di Valentina Rosati - Associazione Culturale Belteatro. Il bando per partecipare su www.stabilemarche.it la scadenza per iscriversi è il 12 marzo 2012.leggi

Bellini Music Hall

Slivovitz in concerto e Danilo Rea in "Lirico - Piano Solo"

Napoli - Lirico, un progetto che fonde brani tradizionali classici con quelli della tradizione jazz, miscelandoli assieme con acuta sensibilità in quello che sembra quasi uno sfogo conclusivo, riassuntivo e sincero di tutti gli aspetti della musica da lui toccati in questi anni. Si tratta di esplorazioni armoniche all´interno di temi famosi di opere liriche. Al Piccolo Bellini 29 febbraio SLIVOVITZ (nella foto) in Concerto, giovedì 1 marzo LIRICO Danilo Rea. leggi

 

TEATRO DELLA PERGOLA 21- 26 FEBBRAIO "La Commedia di Orlando" liberamente tratto da Orlando di Virginia Woolf Compagnia Enfi Teatro regia e drammaturgia di Emanuela Giordano con ISABELLA RAGONESE

Giovedì 23 febbraio 2012, Teatro Elicantropo di Napoli

SentierImperfetti - Studio Ultimo

In scena l´ultima tappa preliminare di un progetto triennale di ricerca

e creazione teatrale, ideato dall´attrice e regista Paola Tortora leggi

Teatro Sangiorgi, Catania
CINEOPERA: LA "TOSCA" DI MUTI E LICITRA ALLA SCALA
16 FEBBRAIO 17,30 ingresso libero


CATANIA - TEATRO SANGIORGI, RIPARTE LA STAGIONE DI CONCERTI NATA DALLA COLLABORAZIONE TEATRO MASSIMO BELLINI-ISTITUTO MUSICALE BELLINI. Venerdì 17 alle 18 "Percussio Mundi". Ingresso libero


Napulitanart Festival

Conferenza stampa mercoledì 15 febbraio 2012 alle ore 11,30 – Sala della Loggia – Castel Nuovo, Napoli. Leggi

Stabile di Torino, Cavallerizza Reale - Maneggio 14 - 19 febbraio 2012 DIARIO DI UN PAZZO di Nikolaj Gogol tratto da I racconti di Pietroburgo - Le memorie di un pazzo con Roberto De Francesco regia Andrea Renzi - Teatri Uniti

Sabato 11, domenica 12, lunedì 13 febbraio 2012 – al Teatro alla Scala
Filarmonica della Scala – direttore Marko  Letonja, musiche di Béla Bartók, Luca Lombardi (prima assoluta), Claude Debussy, Maurice Ravel



 

 

 

 

 

 

 

 

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Homo Page