Sabato, 24 Ottobre 2020  
                                                   

Cerca:  

 

Deportados
Studio su Elettra e Ecuba

Napoli Teatro Il Primo, novembre 2011 - aprile 2012
Laboratorio di Arnolfo Petri

Napoli - Arnolfo Petri dirige un progetto drammaturgico che fa riferimento solo di sfondo alla grande tragedia classica, e sceglie come filo conduttore il tema "della deportazione culturale", ossia degli sconfitti di ogni tempo e ogni regione, attraverso la contemporanea rappresentazione della Elettra di Sofocle e della Ecuba di Euripide, opere montate a intreccio, che convivono contestualmente portando sulla scena in un´unica storia le due vicende.


Napoli - Arnolfo Petri dirige un progetto drammaturgico che fa riferimento solo di sfondo alla grande tragedia classica, e sceglie come filo conduttore il tema "della deportazione culturale", ossia degli sconfitti di ogni tempo e ogni regione, attraverso la contemporanea rappresentazione della Elettra di Sofocle e della Ecuba di Euripide, opere montate a intreccio, che convivono contestualmente portando sulla scena in un´unica storia le due vicende.

Attraverso l´uso di uno spazio teatrale composto da pochi elementi, Arnolfo Petri, spogliando le due tragedie di ogni classicità e temporaneità, asseconda con essenzialità i percorsi narrativi, il cui peso è affidato a dieci attori che danno voce ad una varietà di figure.
Schiave di ogni tempo e di ogni luogo, schiave per idee, per diversità politiche o religiose. Ecuba trascinata da Troia in fiamme è l´emblema della deportazione culturale dei popoli di ogni sud calpestati dai vincitori, mentre Elettra, la cui madre le ha ucciso il padre, è vittima mai vinta del potere.

«Sono donne mai sconfitte che si appropriano del loro "essere donne" − spiega il regista- attore − Lo sfondo sono gli angiporti caldi di scirocco del mediterraneo, dove si mescolano voci e lingue sconosciute provenienti dal sud di ogni sud. Deportados senza voce e senza tempo che acquistano voce e tempo grazie al coraggio delle loro protagoniste. Emblema di una deportazione culturale che stiamo subendo tesa ad una pulizia etnica subdola e crudele: il genocidio delle idee da parte del potere."

 

 

 

Costo  : Euro 50 mensili

Frequenza obbligatoria:  martedì e giovedì ore 17.30/ 19.30

Numero chiuso 10( 5 attori e 5 attrici)

Info 338 7358710

Scadenza iscrizione 30 settembre 2011





            TUFANO ELETTRODOMESTICI




Teatro Funaro Pistoia
23 e 24 novembre
Amedeo Fago e Fabrizio Beggiato in
Risotto
Un´amicizia di cinquant´anni raccontata nel tempo di cottura di un risotto, dove i protagonisti ripercorrono con ironia la storia di una società italiana profondamente trasformata


NUOVI COGITANTI

Pratiche di pensiero nella scena contemporanea

Il progetto, a cura di Fabio Acca, si inserisce nella rassegna CIMES progetti di cultura attiva
organizzata dal DIPARTIMENTO DELLE ARTI Università di Bologna

giovedì 29 novembre 2012, ore 15.30-22.30

ai LABORATORI DELLE ARTI, via Azzo Gardino 65/a Bologna

Info: www.dar.unibo.it

 


Dal 30 novembre al 2 dicembre al Cardinal Massaia di Torino
Alessandro Fullin, Anna Meacci e Stefano Brusa in
CHI HA UCCISO OSCAR WILDE?
UN DELITTO SENZA IMPORTANZA