Mercoledì, 21 Ottobre 2020  
                                                   

Cerca:  

 

LIRICA: DAL 29 NOVEMBRE “LA TRAVIATA” DI VERDI CHIUDE LA STAGIONE 2012 DEL “BELLINI” DI CATANIA NUOVO ALLESTIMENTO DIRETTO DA DIPASQUALE, BISANTI SUL PODIO
PRELUDI ALL’OPERA LUNEDI 26; QUATTRO GIOVEDI CON CINEOPERA

Catania - Mentre è già in corso la campagna abbonamenti per la Stagione Lirica 2013 che partirà il prossimo 19 gennaio con Un ballo in maschera di Giuseppe Verdi, la Stagione 2012 del Teatro Massimo Bellini volge al termine con un altro titolo verdiano popolare e amato qual è La traviata. Un passaggio di testimone tra due opere del Genio di Busseto, a sottolineare l’imminente ingresso nell’Anno Verdiano, quel 2013 che celebra i duecento anni dalla nascita del grande musicista e che il “Bellini” onorerà anche con un altro titolo della Stagione Lirica 2013, Stiffelio, per la prima volta in assoluto sulla scena catanese. La traviata, che mancava dal Teatro Massimo Bellini da quasi nove anni (l’ultima edizione è del gennaio 2004), sarà proposta dal 29 novembre al 9 dicembre in un nuovo allestimento con la regia di Giuseppe Dipasquale, le scene di Antonio Fiorentino e i costumi di Dora Argento. Sul podio salirà il maestro Giampaolo Bisanti.

Catania - Mentre è già in corso la campagna abbonamenti per la Stagione Lirica 2013 che partirà il prossimo 19 gennaio con Un ballo in maschera di Giuseppe Verdi, la Stagione 2012 del Teatro Massimo Bellini volge al termine con un altro titolo verdiano popolare e amato qual è La traviata. Un passaggio di testimone tra due opere del Genio di Busseto, a sottolineare l’imminente ingresso nell’Anno Verdiano, quel 2013 che celebra i duecento anni dalla nascita del grande musicista e che il “Bellini” onorerà anche con un altro titolo della Stagione Lirica 2013, Stiffelio, per la prima volta in assoluto sulla scena catanese.

La traviata, che mancava dal Teatro Massimo Bellini da quasi nove anni (l’ultima edizione è del gennaio 2004), sarà proposta dal 29 novembre al 9 dicembre in un nuovo allestimento con la regia di Giuseppe Dipasquale, le scene di Antonio Fiorentino e i costumi di Dora Argento. Sul podio salirà il maestro Giampaolo Bisanti. Tra gli interpreti, il soprano Yolanda Auyanet (Violetta), il tenore Shalva Mukeria (Alfredo), il baritono Silvio Zanon (Giorgio Germont). Orchestra, coro e tecnici dell’E.A.R. Teatro Massimo Bellini.

LA LOCANDINA. La traviata. Melodramma in tre atti di Francesco Maria Piave tratto dal dramma La dame aux camélias di Alexandre Dumas figlio. Musica di Giuseppe Verdi. DirettoreGiampaolo Bisanti, regista Giuseppe Dipasquale. Scene Antonio Fiorentino, costumi Dora Argento, maestro del coro Tiziana Carlini, datore luci Salvatore Da Campo, movimenti coreografici Giusy Vittorino.

Personaggi e interpreti: Violetta Valéry, Yolanda Auyanet (Daniela Schillaci nelle recite del 30 novembre, 4 e 7 dicembre); Flora Bervoix,Monica Minarelli; Annina, Piera Bivona; Alfredo Germont, Shalva Mukeria (Deniz Leone il 30, 4, 7); Giorgio Germont, Silvio Zanon (Piero Terranova il 30, 4, 7); Gastone, Alfio Marletta; Il barone Douphol, Salvo Todaro; Il dottor Grenvil,Maurizio Muscolino; Il marchese d´Obigny, Paolo La Delfa; Giuseppe, Mariano Brischetto; Un domestico - Un commissionario, Daniele Bartolini. Nuovo allestimento scenico dell´E.A.R. Teatro MassimoBellini. Orchestra, coro e tecnici dell’E.A.R. Teatro Massimo Bellini di Catania.

L’OPERA E L’ALLESTIMENTO. La traviata, assieme a Rigoletto e Il trovatore, fa parte della cosiddetta “trilogia popolare” di Giuseppe Verdi. La prima rappresentazione, il 6 marzo 1853, avvenne nel Teatro La Fenice di Venezia. Da allora, un successo travolgente ha accompagnato la storia di questa opera, tra le più rappresentate al mondo e tra le più amate dal pubblico. L’ennesima riprova si è avuta anche per questo nuovo allestimento del “Bellini”, i cui biglietti per le sette recite sono andati tutti esauriti nella prima giornata di vendita.

Il regista Dipasquale vede così questa Traviata e il ruolo centrale della protagonista: “Morte senza riscatto vitale, morte senza riscatto sociale, poiché lo sguardo della società costringe Violetta a morire di pregiudizio, ponendo la sua malattia come metafora della consunzione dell’anima all’interno di un mondo ormai ingovernabile dell’effimero”.

LE DATE. Debutto giovedi 29 novembre 2012, ore 20,30 (turno "A"). Seguiranno sei repliche: venerdi 30 novembre 2012, ore 17,30 (turno "S1"), domenica 2 dicembre 2012, ore 17,30 (turno "D"), martedi 4 dicembre 2012, ore 17,30 (turno "S2"), mercoledi 5 dicembre 2012, ore 20,30 (turno "B"), venerdi 7 dicembre 2012, ore 17,30 (turno "R"), domenica 9 dicembre 2012, ore 17,30 (turno "C").

PRELUDI ALL’OPERA. L’opera verrà presentata al pubblico e alla stampa lunedi 26 novembre 2012 alle ore 17 nel foyer del teatro, nell’ambito di Preludi all’Opera, il ciclo di conferenze sulle opere e i balletti della Stagione Lirica del “Bellini” realizzato in collaborazione con la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Catania. Relatore sarà il musicologo Fabrizio Della Seta, docente all’Università di Pavia-Cremona. All’incontro prenderanno parte anche alcuni degli artisti impegnati nella produzione, a partire dal direttore d’orchestra Giampaolo Bisanti, dal regista Giuseppe Dipasquale, il soprano Yolanda Ayuvanet e il teneore Shalva Mukeria. L’ingresso è libero.

CINEOPERA. Per Cineopera, la rassegna di video e film sul mondo dell’opera che si svolge al Teatro Sangiorgi in contemporanea con la Stagione Lirica del “Bellini”, sono ben quattro i giovedi pomeriggio dedicati a La traviata: dopo quello dello scorso 15 novembre, con la proiezione dell’opera andata in scena a Busseto nel 2002 con la regia di Franco Zeffirelli, giovedi 22 novembre sarà proposto il film di Mauro Bolognini, La signora delle camelie. Il 29 novembre ci sarà il film Marguerite Gautier, con Greta Garbo; infine, il 6 dicembre, la registrazione audio di un’edizione dell’opera del 1953 con la voce della grande Maria Callas. L’inizio è alle 17,30, l’ingresso è libero.


Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google




DUE TEATRI UN REGISTA

NAPOLI TEATRO 1963 – 1985

Mostra documentaria a cura di Giovanni Girosi e Paola Visone

Accademia di belle Arti di Napoli dal 24 gennaio all´8 marzo 2012


Napoli - Accademia di Belle Arti di Napoli – Ass, Scena Sperimentale Gennaro Vitiello presentano martedì 24 gennaio 2012 – ore 17.30 DUE TEATRI UN REGISTA. NAPOLI TEATRO 1963-1985 Una mostra documentaria su Gennaro Vitiello dal Teatro Esse a Libera Scena Ensemble a cura di Giovanni Girosi e Paola Visone. Sarà inaugurata martedì 24 gennaio p.v., per il ciclo di mostre "I Maestri dell´Accademia" all´Accademia di Belle Arti di Napoli (Via Bellini 36/via Costantinopoli 107) – diretta da Giovanna Cassese e presieduta da Sergio Sciarelli – "Due Teatri Un Regista. Napoli Teatro 1963-1985", l´esposizione dedicata al regista d´avanguardia Gennaro Vitiello. leggi

Teatro di San Carlo
Il coinvolgente Prof. Flavio Caroli e un esclusivo spettacolo di Danza con
coreografie di Nacho Duato e Alessandra Panzavolta per avvicinarsi alle infinite forme dell´amore

Napoli - In occasione della messa in scena dello spettacolo di Danza "L´Amore e il Disamore" presso lo splendido Teatrino di Corte di Palazzo Reale recentemente restaurato, il Teatro di San Carlo dedica una serata al più nobile dei sentimenti. Martedì 24 gennaio (ore 18.00) presso il Teatrino di Corte di Palazzo Reale, il Prof. Flavio Caroli, ordinario di Storia dell´Arte Moderna presso il Politecnico di Milano e noto al grande pubblico come ospite fisso del programma "Che tempo che fa" condotto su Rai Tre da Fabio Fazio, terrà una lezione sulla rappresentazione dell´amore nell´arte occidentale. leggi


Arnolfo Petri
IL TEATRO DELL´ANIMA
Mondadori di Napoli il 10 gen ore 18
Con Pasquale Sabbatino
Sarà presente l´autore
leggi