Domenica, 27 Settembre 2020  
                                                   

Cerca:  

 

LIRICA: DAL 29 NOVEMBRE “LA TRAVIATA” DI VERDI CHIUDE LA STAGIONE 2012 DEL “BELLINI” DI CATANIA NUOVO ALLESTIMENTO DIRETTO DA DIPASQUALE, BISANTI SUL PODIO
PRELUDI ALL’OPERA LUNEDI 26; QUATTRO GIOVEDI CON CINEOPERA

Catania - Mentre è già in corso la campagna abbonamenti per la Stagione Lirica 2013 che partirà il prossimo 19 gennaio con Un ballo in maschera di Giuseppe Verdi, la Stagione 2012 del Teatro Massimo Bellini volge al termine con un altro titolo verdiano popolare e amato qual è La traviata. Un passaggio di testimone tra due opere del Genio di Busseto, a sottolineare l’imminente ingresso nell’Anno Verdiano, quel 2013 che celebra i duecento anni dalla nascita del grande musicista e che il “Bellini” onorerà anche con un altro titolo della Stagione Lirica 2013, Stiffelio, per la prima volta in assoluto sulla scena catanese. La traviata, che mancava dal Teatro Massimo Bellini da quasi nove anni (l’ultima edizione è del gennaio 2004), sarà proposta dal 29 novembre al 9 dicembre in un nuovo allestimento con la regia di Giuseppe Dipasquale, le scene di Antonio Fiorentino e i costumi di Dora Argento. Sul podio salirà il maestro Giampaolo Bisanti.

Catania - Mentre è già in corso la campagna abbonamenti per la Stagione Lirica 2013 che partirà il prossimo 19 gennaio con Un ballo in maschera di Giuseppe Verdi, la Stagione 2012 del Teatro Massimo Bellini volge al termine con un altro titolo verdiano popolare e amato qual è La traviata. Un passaggio di testimone tra due opere del Genio di Busseto, a sottolineare l’imminente ingresso nell’Anno Verdiano, quel 2013 che celebra i duecento anni dalla nascita del grande musicista e che il “Bellini” onorerà anche con un altro titolo della Stagione Lirica 2013, Stiffelio, per la prima volta in assoluto sulla scena catanese.

La traviata, che mancava dal Teatro Massimo Bellini da quasi nove anni (l’ultima edizione è del gennaio 2004), sarà proposta dal 29 novembre al 9 dicembre in un nuovo allestimento con la regia di Giuseppe Dipasquale, le scene di Antonio Fiorentino e i costumi di Dora Argento. Sul podio salirà il maestro Giampaolo Bisanti. Tra gli interpreti, il soprano Yolanda Auyanet (Violetta), il tenore Shalva Mukeria (Alfredo), il baritono Silvio Zanon (Giorgio Germont). Orchestra, coro e tecnici dell’E.A.R. Teatro Massimo Bellini.

LA LOCANDINA. La traviata. Melodramma in tre atti di Francesco Maria Piave tratto dal dramma La dame aux camélias di Alexandre Dumas figlio. Musica di Giuseppe Verdi. DirettoreGiampaolo Bisanti, regista Giuseppe Dipasquale. Scene Antonio Fiorentino, costumi Dora Argento, maestro del coro Tiziana Carlini, datore luci Salvatore Da Campo, movimenti coreografici Giusy Vittorino.

Personaggi e interpreti: Violetta Valéry, Yolanda Auyanet (Daniela Schillaci nelle recite del 30 novembre, 4 e 7 dicembre); Flora Bervoix,Monica Minarelli; Annina, Piera Bivona; Alfredo Germont, Shalva Mukeria (Deniz Leone il 30, 4, 7); Giorgio Germont, Silvio Zanon (Piero Terranova il 30, 4, 7); Gastone, Alfio Marletta; Il barone Douphol, Salvo Todaro; Il dottor Grenvil,Maurizio Muscolino; Il marchese d´Obigny, Paolo La Delfa; Giuseppe, Mariano Brischetto; Un domestico - Un commissionario, Daniele Bartolini. Nuovo allestimento scenico dell´E.A.R. Teatro MassimoBellini. Orchestra, coro e tecnici dell’E.A.R. Teatro Massimo Bellini di Catania.

L’OPERA E L’ALLESTIMENTO. La traviata, assieme a Rigoletto e Il trovatore, fa parte della cosiddetta “trilogia popolare” di Giuseppe Verdi. La prima rappresentazione, il 6 marzo 1853, avvenne nel Teatro La Fenice di Venezia. Da allora, un successo travolgente ha accompagnato la storia di questa opera, tra le più rappresentate al mondo e tra le più amate dal pubblico. L’ennesima riprova si è avuta anche per questo nuovo allestimento del “Bellini”, i cui biglietti per le sette recite sono andati tutti esauriti nella prima giornata di vendita.

Il regista Dipasquale vede così questa Traviata e il ruolo centrale della protagonista: “Morte senza riscatto vitale, morte senza riscatto sociale, poiché lo sguardo della società costringe Violetta a morire di pregiudizio, ponendo la sua malattia come metafora della consunzione dell’anima all’interno di un mondo ormai ingovernabile dell’effimero”.

LE DATE. Debutto giovedi 29 novembre 2012, ore 20,30 (turno "A"). Seguiranno sei repliche: venerdi 30 novembre 2012, ore 17,30 (turno "S1"), domenica 2 dicembre 2012, ore 17,30 (turno "D"), martedi 4 dicembre 2012, ore 17,30 (turno "S2"), mercoledi 5 dicembre 2012, ore 20,30 (turno "B"), venerdi 7 dicembre 2012, ore 17,30 (turno "R"), domenica 9 dicembre 2012, ore 17,30 (turno "C").

PRELUDI ALL’OPERA. L’opera verrà presentata al pubblico e alla stampa lunedi 26 novembre 2012 alle ore 17 nel foyer del teatro, nell’ambito di Preludi all’Opera, il ciclo di conferenze sulle opere e i balletti della Stagione Lirica del “Bellini” realizzato in collaborazione con la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Catania. Relatore sarà il musicologo Fabrizio Della Seta, docente all’Università di Pavia-Cremona. All’incontro prenderanno parte anche alcuni degli artisti impegnati nella produzione, a partire dal direttore d’orchestra Giampaolo Bisanti, dal regista Giuseppe Dipasquale, il soprano Yolanda Ayuvanet e il teneore Shalva Mukeria. L’ingresso è libero.

CINEOPERA. Per Cineopera, la rassegna di video e film sul mondo dell’opera che si svolge al Teatro Sangiorgi in contemporanea con la Stagione Lirica del “Bellini”, sono ben quattro i giovedi pomeriggio dedicati a La traviata: dopo quello dello scorso 15 novembre, con la proiezione dell’opera andata in scena a Busseto nel 2002 con la regia di Franco Zeffirelli, giovedi 22 novembre sarà proposto il film di Mauro Bolognini, La signora delle camelie. Il 29 novembre ci sarà il film Marguerite Gautier, con Greta Garbo; infine, il 6 dicembre, la registrazione audio di un’edizione dell’opera del 1953 con la voce della grande Maria Callas. L’inizio è alle 17,30, l’ingresso è libero.


Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google




TEATRO STABILE DI TORINO

Debutta in prima nazionale MALAPOLVERE veleni e antidoti per l´invisibile

Teatro Gobetti 31 gennaio - 12 febbraio

Torino - Martedì 31 gennaio 2012, alle ore 19.30, al Teatro Gobetti (Via Rossini, 12) il Teatro Stabile di Torino e l´Associazione culturale Muse presentano in prima nazionale MALAPOLVERE - veleni e antidoti per l´invisibile un progetto di Laura Curino, Lucio Diana, Alessandro Bigatti, Elisa Zanino scritto e interpretato da Laura Curino. Il titolo e lo spettacolo sono stati ispirati dalla lettura del libro Mala polvere di Silvana Mossano (Ed. Sonda, 2010). Malapolvere sarà replicato al Teatro Gobetti fino al 12 febbraio 2012. LEGGI

TRAVOLTO DA UNA MOTOCICLETTA MENTRE ATTRAVERSAVA LA STRADA

COSI´ MUORE A 76 ANNI THEO ANGELOPOULOS


Uno dei più grandi registi europei del Novecento, Theo Angelopoulos, è morto ad Atene dopo un incidente stradale. Orso d´oro a Berlino nel 1977 per «I cacciatori», Palma d´oro a Cannes per «L´eternità e un giorno» (1998) e Leone d´Argento al Festival del cinema di Venezia per «Paesaggio nella nebbia» (1988), nel 2009 aveva firmato il lavoro "La Polvere del tempo" e aveva in mente un nuovo lavoro basato sulla crisi greca, questione che aveva carpito la sua sensibilità. Il film si doveva chiamare "L´alto mare", e come attore protagonista maschile Angelopoulos aveva scelto Toni Servillo. a.c.

 

Luigi De Filippo assume la direzione artistica del Teatro Parioli di Roma

"Perché a Roma e non a Napoli? Non per fare un "dispetto" a Napoli, ma perché qui mi è stata offerta questa opportunità"

Roma, 16 settembre 2011 - Cari Amici, da qualche giorno ho assunto la Direzione Artistica del Teatro Parioli di Roma che dedico a mio padre Peppino De Filippo, grande attore e commediografo. Perché a Roma e non a Napoli? Non per fare un "dispetto" a Napoli, ma perché qui mi è stata offerta questa opportunità ed allora ho voluto rendere omaggio alla fantasia ed alla creatività artistica della mia città, unica e non omologabile, e che qui a Roma ha sempre ricevuto simpatia e consensi A noi De Filippo la nostra cara Napoli ci ha dato i natali e l´ispirazione, Roma ha consacrato i nostri successi. leggi