Giovedì, 22 Ottobre 2020  
                                                   

Cerca:  

 

Auditorium Parco della Musica di Roma
Scienza e musica si incontrano. Quattro duetti fra ricercatori e musicisti

Roma - La scienza incontra la musica in quattro serate a Roma, in programma da febbraio ad aprile nelle sale dell´Auditorium Parco della Musica di Roma. Grandi protagonisti del mondo scientifico e artistico metteranno in scena duetti creativi ispirati alle discipline del quadrivio medievale: aritmentica, geometria, astronomia e musica. «La sfida è dimostrare che esistono margini di coincidenze tra questi due mondi - ha spiegato Barbara Gallavotti, curatrice del progetto nel corso della presentazione degli incontri all´Auditorium - e cercare di mettere in luce come scienza e musica siano in realtà prodotti delle stesso tessuto culturale».

Le quattro serate si articolano a cadenza quasi mensile, a partire dal 1 febbraio, iniziando in un duetto al pianoforte con Danilo Rea e Piero Angela attraverso un racconto delle scoperte, le innovazioni e i cambiamenti del XX secolo; il 21 verrà invece affrontato il tema dell´apocalisse, ciclicamente presente nelle culture popolari, e non solo, attraverso un lavoro orchestrale di Giacinto Scelsi sulle immagini di Apocalisse nel deserto del regista Werner Herzog. Due grandissimi nomi saranno i protagonisti della serata del 6 marzo dove «si incontreranno due punti di vista molto diversi - ha spiegato Pino Donghi, altro curatore di Quadrivio - John D. Barrow, docente di matematica applicata a Cambridge, e il pianista Ludovico Einaudi: li lasceremo accostare per comprendere quali suggestioni possano ispirarsi a vicenda».

Il programma si conclude il 16 aprile in un appuntamento dedicato alla musica della natura tra il direttore della ricerca del Cern di Ginevra, Sergio Bertolucci, e il musicista Domenico Vicinanza. Dopo il successo del Festival delle Scienza che ha visto la partecipazione di 21.000 persone, l´amministratore delegato della Fondazione Musica per Roma Carlo Fuortes ha spiegato che «la scienza è una componente fondamentale della nostra programmazione non solo con il Festival; auspichiamo che questi incontri siano dei veri dialoghi in cui i nostri ospiti si esprimeranno con il proprio linguaggio non solo parlato, ma attraverso quello che gli è proprio».

FONTE: http://www.dazebaonews.it/



(27 gennaio 2012)


Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google








TUFANO ELETTRODOMESTICI




 






Teatro Comunale di Modena. Saranno disponibili da lunedì primo ottobre i nuovi abbonamenti alla Stagione d’opera, nonché i biglietti per le recite fuori abbonamento di Don Carlo, Otello e del musical Grease (dal 9 ottobre anche per tutte le altre rappresentazioni). Il primo appuntamento, in scena il 17 ottobre, sarà con un nuovo allestimento del Don Carlodi Verdi curato dal Teatro Comunale e ispirato alla regia di Luchino Visconti. Grazie a una speciale collaborazione fra il Teatro e l’Università di Modena e Reggio Emilia, agli studenti viene offerta la possibilità di un’agevolazione di oltre il settanta per cento sul prezzo dell’abbonamento.

 

 

Prima nazionale dal 7 marzo al 1 aprile al Teatro Gobetti di Torino in anteprima ad Asti, Pinerolo e Rivoli

LA BOTTEGA DEL CAFFE´ una storia di intrighi e veleni

Torino - La compagnia ACTI Teatri Indipendenti diretta da Beppe Rosso ha sviluppato il nuovo spettacolo, in coproduzione con il Teatro Stabile di Torino, partendo da La Bottega del caffè di Carlo Goldoni, opera destinata a diventare un titolo celebre e che nel tempo ha suscitato riletture complesse, come quella di Rainer Werner Fassbinder. L´idea del progetto è quella di una scrittura nuova ad opera di Luca Scarlini, che, senza tradire la scansione, i temi e le battute micidiali del testo originale, parli ad un oggi segnato dalla crisi economica e dal dominio dell´informazione. (nella foto: Elia Schilton)leggi