Sabato, 07 Dicembre 2019  
                                                   

Cerca:  

 

 

Anita Mosca in breve

La sua formazione si è delineata ed ha avuto modo di arricchirsi, grazie all´incontro con maestri come Michele Monetta, Paola Carbone, Marcello Bartoli, con i quali ha lavorato sull´espressione corporea, con i registi e attori come Gigi Gherzi, Massimo Lanzetta, Enzo Moscato, Julia Varley, Eugenio Barba, che hanno forgiato il suo modo di essere attrice e regista. Dopo aver collaborato con diverse realta´ teatrali, nel 2004 fonda a Napoli la compagnia Alqantara,  di cui e´ attrice, regista e drammaturga, che coniuga l´ approfondimento del proprio contesto socio – linguistico culturale con la ricerca di radici comuni tra i Paesi del Mediterraneo.

 

La madre monologo tratto da La svergognata,

libero adattamento di Anita Mosca

dell´omonimo romanzo di Sahar Khalifah


Un delirio di voci e di storie che si intrecciano, una memoria polifonica di donne, attraversate dal conflitto che infuria nelle loro vite, spese tra tentativi di adattamento ad una condizione di subalternità e scoppi di ribellione. Diverse lingue e dialetti, da quello napoletano, spigoloso e tagliente della provincia, a quelli di altri luoghi e di altri paesi,  si susseguono e si aggrovigliano per raccontare, non un caso estremo di violenza o di repressione nei confronti del sesso femminile, ma la fatica di farsi donna in certi contesti, la ferocia di pressioni sociali e sottili violenze psicologiche, la crudeltà di costrizioni e limitazioni di alcuni ambienti, per cercare quella maledetta ineluttabile relazione, che esiste in certe società, tra l´essere donna e la vergogna, la femminilità e lo scandalo.

 

 

La madre

Statte zitta ca si´ senza scuorno,

si´ ´na spina dint´ ´o core,

tutto m´aspettava d´ ´a vita

tranne e avè ´na figlia accussì…

Ma ce ´o vvulimmo nuie,

t´ hamma mannat´ â scola

invece e te mparà comme se mette ´o piatto ncopp´ ´a tavula,

è corpa nostra, vulevemo fa ´e moderne,

vulevemo crescere ´e figlie meglio d´ ´e genitore nuoste, d´ ´e nonne nuoste,

ca  ´a femmena ´a metteveno dint´ ´a casa e nun sapeva manco mettere ´a firma soia.

E chiste so´  ´e risultate.

Si´ sempe stata strana d´ ´a piccirità,

i´ e pateto hamma tenuto ´na pacienza cu tte,

ca sulo Dio ´o ssape!

D´ ´e riscienzielle ca pigliave p´ ´e ccose ´e niente,

sempe isterica, nervosa, stizzata,

manco chi ´o ssape c´  ´a facevemo…

piccerella piccerella ´a vuluto fa sempe ´e  capa  soia…

e  nun damme retta ccà e nun damme retta allà,

Po t´ he fatte signurina,

e hanno venuto ´e guaie cchiù gruosse.

Dico ´o ssaie comme è fatto pateto,´a mentalità ca tenimmo,

scapizza â casa quanta he fernuto ´a scola!

E invece no, a parlà cu ´e cumpagne suoie,

a gghì perdenne tiempo,

comme si non fosse niente,

comme si nuie fossemo gente ´e cheste!

 

pausa

 

Nu me ne mporta d´ ´e figlie ´e ll´ ate!

Ognuno se guarda ´e ffiglie soie,

si ê pate ´e ll´ aute nun c´ abbrucia,

´a tenè ´e ffiglie miez´ ´a via comme ´e mascule a nuie si!

Ma poi dico io manco nu poco ´e furbizia tiene?

Nun ´o ssaie ca ´a gente tene ´a vocca pe parlà?

´O vvuò penzà ca purtavano ´a spia ´a pateto?

No, essa bella tranquilla, rilassata,

cu  ´e libbre sott´ ´o vraccio!

A ´raggiunà a fa ´a dutturessa!

Ma quali ccose mpurtante!

Ma famme ´o piacere!

Hanno cagnà ´o munno, hanna fa ´a rivoluzione!

Tu si sulo strafuttenne e senza scuorno, t´ ´o ddico io…

Essa va perdenne tiempo,

E nuie cu´ ´o piatto â tavola a dd´ âspittà…

´E ´na vota apparall´ accussì e ´na vota n´ata stroppula,

"…chella mo vene, aggia mannata ´a fa ´nu servizio,

…aggia fatta passa d´ ´a  sorema a tenè´ ´o criaturo…!

cu patate ca nun rispunneva,

 

pausa

 

A te ´o disegno t´ ha  ruvinata!

T´ ´o ddico i´!

S´ he  misa appriesso ê cumpagne suoie artisti,

´a pittura, ´e mmostre,

e nun t´aggia capita cchiù.

´E t´ hamma fatto passà tutte ´e sfizie,

l´album, ´e pastelli ´e pennarelli, ´e pennielli,

´o tavulo pe disignà,

nun simme chille genitori ca t´hamma mai negato niente,

e accuntientete!

Si tiene ´sta passione fallo pe sfizio dint´ â casa,

comme passatempo dint´ â casa,

no commme vuo´ fa tu pe miezo â via tuorno tuorno!

 

Pausa

 

Che curaggio ch´ è tenuto,

a t´ arritirà notta notte,

a me fa murì cu ´e pparpitazione ´e core…

nun tiene ´nu poco ´e ammore ´e mamma…

Quanta notte passate a t´aspittà…

e si ´o patre ´a vere?

e si se sceta int´ ´a nuttata

pe se piglià ´nu bicchiere d´acqua?

e si s´ affaccia int´ ´a  stanzetta e nun ´a vede?

Che guaio ca nce faie passà int´ ´a ´sta casa!!

Ma che te crire ca pateto ´e scemo?

´A mò che ha capito comme si fatta,

´e bbuggie ca aggia ditto pe t´ annasconnere.

N´aggi´ avute mazzate pe corpa toia!

Me n´aggio sentuto parole amare…

 

gesto pianto soffocato

 

"E tu accussì he  crisciuta a figlieta!

Mo che vaie truvanno?!"

´A si´  ruvinate ´nu matrimonio,

a pateto nc´ he fatto veni´ ´o sschifo d´ ´e ffemmene,

songo misa ca nun se vene a cuccà cchiù int´ ´a stanza ´e lietto,

ca nun parla cchiù…

ca stà sempe stuorto…

e io nun ´o dongo retta apposta,

pe nun ce dà spunto ´e accumencia´,

e facimme tu zitte alloco e i´ zitta accà…

po…mentre ca ´o veco ´nu poco meglio,

ogni vota ´o faie ndisponnere n´ ata vota,

comme parle, comme te vieste, comme te cumpuorte,

 e stammo punto  e accapo.

Almeno tenesse ´o curaggio e t´affruntà

E invece ´e s´ ´a piglià cu mme,

almeno fosse chillo ommo ´e te piglià ´e pietto e te dicere

"Ue´, piccerre´ ma che hai capito?

´E rregule dint´ ´a´ ´sta casa so´…

Cheste, cheste e cheste…

O si no ´a porta stà llà!"

Allora si! allora fosse n´ommo ´e principio!

E invece ´o fatto ´o ssaie che r´ è?

´E ch´ ´o ttenimmo a scuorno arrivà a chesto!

´E te mettere fora ´a porta!

E ´o staie facenno schiattà ncuorpo!

´E gghiurnate sane nun se sose…

se stà nfracetenno dinto ´a ´nu lietto…

hamma perzo ´a  grazia ´e Dio dint´ ´a ´sta casa

e ce iammo pe sotto tutte quante…

 

silenzio

 

He visto ´o muro scurtecato for´ ´a porta?

So´ stata i´…

´O ssaie che steva scritto?

´O ssaie ´a nummenata ca t´ he fatta?

Secondo te ´a gente nun te vede e t´ azzittirà sempre tardi,

n´ ´a´ vota t´accumpagna uno… ´na vota t´accumpagna n´ ato…

quando m´aggio arritirata stammatina ´a fa ´a spesa

e aggio visto ´a scritta…vulevo murì…

aggio pigliata subbeto ´na pezza p´ ´o ccancellà,

manco cu ´a retina se ne veneva..

allora aggio scurtecato ´o muro pe n´ ´o ttirà…

si ´o lliggeva pateto ´o facive murì ´e collera…

 

Silenzio. Pianto soffocato.

 

Dio mio perdoname,

ma nun ce aviv´ ´a  mannà ´na femmena,

cu ´a mentalità ca tenimmo nuie,

´e principie ca tenimme nuie,

nun ce aviv´ ´a  mannà na figlia femmena,

no cu chesta capa e ´sta sete ´e libbertà,

peggio d´ ´e mascule!

I´ d´ ´e frate tuoie nun aggio idea,

stanne cchiù loro int´ ´a casa che tu,

cchiù ´a lloro ´o ll´aggio nu servizio ca ´a te.

 

Pausa

 

Ma mo è fernuto!

Nun simmo gente ´e stà mocca a tutte quante,

pe mezza toia.

Primma cosa aggio pigliate tutte ´e quadrette e quadrettielle,

e aggio appicciate tutte cose!

E´! He sentuto bbuono!

È inutile che faie ´sta faccia!

Po è arrivato ´o mumento ´e te sistemà

te n´ he ´a i´ ´a int´ ´a ´sta casa,

prime ca ce miette ´o scuorno nfaccia fino in fondo,

´a cape toia nun è bbona,

e io m´aspetto qualsiasi cosa ´a te!

Te n´ he ´a i´ ´a int´ ´a ´sta casa

comme dicimmo nuie,

comme a  ´na femmena sistemata!

 

 

 

 




Al Trianon, domenica 3 marzo  Miusicoll  di e con Gaetano Amato, e la voce di Marina Bruno, e di Giuseppe di Capua