Venerdì, 22 Novembre 2019  
                                                   

Cerca:  

 

Giovanna Castellano in breve

Pubblicazioni Concorsi e Collaborazioni


1984 Ma veramente un fiore t´ispira tenerezza… racconto intervallato da alcune poesie e da riflessioni "fuori campo".

1996 e nel 1999 ha pubblicato due raccolte di poesie 50 momenti e Pensieri in volo.

Luglio 1999 Caro Dio che ha avuto una seconda edizione nel settembre dello stesso anno e una terza edizione nel dicembre 2005.

2001 è stata finalista al concorso di poesia Lo stormo bianco, vi ha partecipato anche nel 2002 classificandosi al secondo posto.

2003 finalista al premio dell´Ente Teatro Miseno col testo Questa storia non mi è nuova…; vi ha partecipato anche nel 2004 con due testi, Caro Dio (monologo teatrale tratto dal libro omonimo, successivamente messo in scena in varie località italiane) e Giulia, classificandosi al 1° e al 2° posto; vi ha partecipato anche nel 2005 con la commedia Benvenuta in famiglia! ricevendo la menzione di merito come autrice del testo più innovativo.

2008 ha scritto il racconto Un soffio tra i capelli da cui la giornalista Angela Matassa ha tratto l´omonimo testo teatrale vincendo il Premio Miseno.

2009 con Angela Matassa ha scritto il testo teatrale Festa di compleanno che è andato in scena a gennaio e febbraio 2010 nei teatri IL PRIMO e il SANCARLUCCIO.

Collabora con i giornali L´Espresso Napoletano, Notizie Teatrali, Sussurri e grida, La voce del quartiere.

 



29, 30 novembre alle ore 21 e domenica 1° dicembre alle 16 torna sul palco del Teatro Cardinal Massaia di Torino Antonello Costa, questa volta impegnato in una spassosa commedia che lo vede autore, regista e interprete. Gli amici non hanno segreti è la prima commedia scritta da Antonello Costa con il fido Gianluca Irti.

DUUM L´EVENTO dei SONICS in scena al TEATRO NUOVO di MILANO Dal 3 all´ 8 dicembre

Nuovo spettacolo diretto da Claudio Morganti e scritto da Rita Frongia, La vita ha un dente d´oro, in scena al CineTeatroAgorà di Robecco sul Naviglio il 6 dicembre. Uno spettacolo di "archeologia teatrale", che partendo da un´antica espressione bulgara indaga il rapporto tra verità e menzogna, vita e morte