Lunedì, 09 Dicembre 2019  
                                                   

Cerca:  

 

Gli inediti

PENSIERI IN LIBERA USCITA

di Manlio Santanelli
Seconda uscita
 

Napoli - In questa rubrica proporremo periodicamente riflessioni, pensieri, raggi di luce di un drammaturgo italiano dal notevole spessore artistico e culturale, Manlio Santanelli. I PENSIERI IN LIBERA USCITA sono del tutto inediti e, per tale ragione, in caso di utilizzo a scopo citazione sarà opportuno richierdere consenso alla nostra redazione. a.c.

PENSIERI IN LIBERA USCITA
di Manlio Santanelli

 

  • Estate. La città è deserta. Una monaca  raggiunge il centro di una piazza assolata e si denuda.
     
  • L´anima non suda sotto le ascelle. 
     
  • Il cieco, in quel giardino, toccava una dopo l´altra le foglie, accompagnando l´azione con un impercettibile movimento delle labbra. Compresi allora che egli le leggeva, e che gli alberi erano per lui tanti libri che gli raccontavano  storie diverse. 

  • Un uomo muore definitivamente nel momento in cui muore l´ultima delle donne che lo hanno amato.
     
  • Nei paesi a regime dittatoriale coloro che pronunciano alla stessa maniera la "s" e la "f" corrono seri rischi in quanto possono essere scambiati per dissidenti, quando sono soltanto diffidenti.

 

 I precedenti



  • Paranoico non è soltanto chi crede di avere molti nemici, ma anche chi crede di avere molti amici.

  • "Lei non sa chi è lei".

  • Lui: io con te perdo la cognizione del tempo.
    Lei: io con te perdo il tempo.

  • Ho conosciuto una persona che dell´infanzia aveva rimosso tutte le belle esperienze e ricordava soltanto i traumi.

  • Il mondo si è fatto decisamente permissivo. Se oggi Iddio dovesse incontrare Mosè, in luogo dei "Dieci Comandamenti" si limiterebbe a consegnargli "Dieci Suggerimenti".




Manlio Santanelli biografia

1938: nasco a Napoli, di circa cinque chili (ai quali in seguito non aggiungerò molto di più).

Ho quattro anni, quando nel porto della mia città salta in aria una nave carica d´esplosivo, disintegrando tutti i vetri delle case. Mio padre, medico, ma soprattutto stratega di vaglio, ricorre ad un collega radiologo che gli fornisce un gran numero di radiografie. Usate, purtroppo: quelle nuove servono a lui. Le radiografie, applicate alle finestre, si rivelano sufficientemente protettive contro pioggia e gelo. Ma allo spuntar del sole pareti e pavimenti si popolano di teschi e casse toraciche, di tibie ed ossa pelviche d´ogni foggia e patologia. Si parla dell´infanzia come di un periodo di formazione. E di deformazione no?, dico io.

Di lì a poco mio padre, sempre lui!, terrorizzato dai bombardamenti, elegge Venafro, paese a nord di Napoli, come rifugio tranquillo nel quale trasferire la famiglia nella attesa della fine del conflitto.

Gli eventi che seguono a stretto giro, per quanto li si voglia interpretare in senso positivo, non confermano in pieno la profezia paterna: è appunto a Venafro che si attesta la resistenza tedesca, la tristemente nota "linea gotica"; e lì resta per circa due anni.

1944: come Dio vuole ritorniamo a casa, nella Napoli dei soldati americani e delle "segnorine". Ma, appena seienne, devo ammettere che faccio la conoscenza di quella realtà soltanto per sentito dire, e a bassa voce per giunta.

Lo stesso anno imbocco il nero tunnel degli studi regolari, cunicolo di poche certezze e molte incertezze che sbocca direttamente nella maturità classica, l´unica forma di maturità di cui io sia in grado di esibire regolare certificazione.

Quel tunnel, tuttavia, non m´impedisce di guardarmi attorno e di contrarre una violenta passione per il basket, disciplina in cui "secondeggio" (non me la sento di dire "primeggio"), arrivando sovente a cogliere gli onori delle cronachette sportive, nell´ultima pagina, in fondo a destra, del quotidiano cittadino con la minore tiratura. E´ qui che mio fratello, più grande di me di qualche anno, comincia a collezionare i ritagli di stampa che mi riguardano.

Ma gli amori di gioventù, si sa, sono fascine che bruciano in fretta. Quando, pressappoco in quel tempo, m´imbatto nella chitarra classica. Non ho un attimo d´esitazione e mi regolo secondo l´aureo principio del chiodo che scaccia il suo omologo.

Nel frattempo m´iscrivo alla facoltà di Giurisprudenza. Non nutro nessun interesse particolare per Digesti o Pandette: quella è l´unica facoltà rimasta libera dopo le scelte operate dai familiari e dai parenti che mi precedono. E io non sopporto di fare il fanalino di coda a nessuno.

La chitarra, per suo conto, comincia a darmi qualche soddisfazioncella. Il mio nome fa capolino dalle cronache musical-mondane, ma rigorosamente all´ultima pagina del minor quotidiano della città, in fondo a sinistra questa volta. E mio fratello, paziente, inaugura un altro album di ritagli.

Si giunge così all´epoca del boom economico italiano. Nei primi anni Sessanta non esiste cittadino medio che non possegga, o aspiri a possedere, la sua brava macchinetta con il nome della fidanzata, o della moglie, o della figlia, o - in mancanza di meglio - della nonna, stampigliato sul radiatore. Decido di entrare nella RAI TV, Ente Radiotelevisivo Italiano, per potermene comprare una anch´io (di macchinette, si intende, non di fidanzate). Avrei fatto meglio ad entrare in un salone automobilistico, l´avrei pagata meno cara.

Tra una cosa e l´altra vola via un ventennio. Ma in quel tempio dello spreco economico e della dissipazione del genere umano, e più ancora di quello umanistico, apprendo comunque tutto quanto è bene non fare in tema di spettacolo. E´ un breviario alla rovescia, ma è pur sempre un breviario.

1981: esco dalla RAI a fronte media, né alta né bassa, forte del fatto che ho appena scritto, e visto andare in scena, il primo testo "Uscita di emergenza", che fa risalire il mio nome dall´ultima pagina di quel quotidiano dalla tiratura minima verso pagine meno marginali di una stampa un po´ meglio distribuita.

Ma nel frattempo mio fratello se n´è andato, smentendo penosamente la mia solida convinzione che fosse immortale. E dunque i ritagli di giornale che accennano alla mia persona, se voglio ancora esercitare questo veniale peccato di narcisismo, ormai li devo raccogliere da me.

Dal sito ufficiale:
http://www.manliosantanelli.it/



© RIPRODUZIONE RISERVATA


(26 gennaio 2012)


Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google








TUFANO ELETTRODOMESTICI



“DON GIOVANNI” di W.A. Mozart
opera inaugurale della Stagione 2011/12 del Teatro alla Scala

direttore DANIEL BARENBOIM

regia ROBERT CARSEN
LEGGI

Gli speciali di Elio Barletta
"Misura per misura" di William Shakespeare al Teatro Mercadante

Napoli - Secondo una tournée che ha previsto per il 2011 anche i teatri Nuovo Giovanni da Udine di Udine (19–23 ottobre), Strehler di Milano (25 ottobre–6 novembre), Verdi di Padova (8–13 novembre), Politeama Rossetti, Stabile del Friuli di Trieste (30 novembre–4 dicembre), Carignano di Torino (6–18 dicembre), è andato in scena come secondo spettacolo stagionale, nella Sala dello Stabile di Napoli Mercadante – da mercoledì 16 a domenica 27 novembre – Misura per misura (Measure for Measure), l´opera teatrale che William Shakespeare scrisse nel 1604... Leggi

Menoventi vince Rete Critica, il premio assegnato dai blog e dai siti di informazione e critica teatrale

Il voto su Facebook premia invece Ricci-Forte

La prima edizione premio Rete Critica, assegnato dai siti e dai blog di teatro italiani, è andato al gruppo Menoventi, che con 13 voti l´ha spuntata su un´altra giovane compagnia, Ricci-Forte (10 voti). Leggi