Giovedì, 12 Dicembre 2019  
                                                   

Cerca:  

 
I CORSIVI DI ELDORADO
Parole nel wuoter
Atto primo

Grado zero. Il moderno del secolo XX si presentò alla fine dell’800 in maniera radicale, si sa, è notorius. Fine di Leon Battista Alberti, fine della sua prospettiva, di quel cono ottico. Nuovi punti di s-vista, nuove scene, nuovi orizzonti. Freudiani, checoviani, kafkiani, picassani … nuovi palcoscenici di Ibsen, di Musil, di cioccolate e madeleine. Con collegamenti a distanza di Marconi senza fili. Tutto è in movimento, con nuove parole d’ordine e inediti slogan. Tempo nuovo, all’istante, all’istantanea. Empi moderni. “Ornamento è delitto” è uno degli slogan più efficaci coniati in quel tempo speranzoso, del quale siamo figli e nipotastri. Lo inventò Adolf Loos (1870 – 1933), l’architetto viennese tutto d’un pezzo che mangiava solo lisci e salutari roast beef: niente leccornie alla maionese, niente cream caramel. E’ sempre quaresima moderna, soprattutto nel periodo 1908 – 1910, quando - appunto – Loos scrisse questo famoso articolo “proibizionista”. Assoluto ed efficace come l’altro slogan-comandamento della modernità primo ‘900: “la forma segue la funzione, niente più finzione, né frizione” (by arch. Sullivan).
“L’Ornamento segue la funzione” confluì poi, tra gli altri, nel fortunato libro: “Parole nel vuoto” (1921, traduzione italiana “gli Adelphi”, n. 40, 1992, ristampato recentemente, 16.00 euro, traduzione Sonia Gessner). Se si sfoglia e si saltella oggi, come è capita a me che qui scrivo, da un articolo all’altro di Loos, si ritrova lo slancio curioso e virtuoso verso una critica complessiva del gusto di quel tempo lontano. Anzi lontanissimo, anticonformista, speranzoso. In tempi di eurobond ed eurobande. Resisti Partenone!!!
Si incontra così: “Biancheria intima”, una goduria, p. 87; e poi quello sui plumbers, cioè sugli idraulici e servizi igienici, 1898, che “fanno la differenza tra l’Austria e l’Inghilterra”, pagina 57 (Duchamp – R. Mutt col suo orinatoio capovolto a fontana era già in agguato con Loos …). E poi “Vetro e argilla”, esemplare e netto: “quei vasi erano semplicemente pratici. E noi li abbiamo presi sempre per belli: come è potuto accadere?”, (p. 42) … fino a “le orecchie malate di Beethoven”, pag. 267.
Ogni riga evidenzia l’odio di Loos per una cultura decorativa e di superficie, per le arti stupidamente decorative e … per l’amico Ulk, gulp!!, al quale polemicamente scrive profetico: “… e io, in verità in verità ti dico che … verrà un giorno in cui l’arredamento di una cella carceraria ad opera del professor Van de Velde sarà considerato un inasprimento di pena del 41 bis”.
Ornamenti a tolleranza zero, non c’è che dire!
Loos scrive in modo naturalmente quotidiano, senza paludamenti accademici. Per un uomini frontali, senza inutili orpelli e orecchini (“ho visto Maradona … oh mammà, innamorato son … ho s-visto la Madonna …). Loos è l’antischettino per antonomasia. Per lui niente “va bbuò” e “mo’ vedimmo!!!”. Tutto va male, tutto è da vedere, … tutto è da semplificare e da ridurre a l’oos …., specie nella prima metà dei testi raccolti nel libro, quand’era giovanissimo e con una marcia in più. Con un ritmo di costruzione della frase sprint … e una felicità interna lorda-netta fatta a pil e contropil. Propellente che lo porta a scrivere avventure vissute. Come quella, esemplare, folle, del “critico d’arte musicale per una notte, a New York?”
Non lo conoscete, amici miei corsivi-bamboccioni? No? Rimanete con noi e lo saprete. Pausa di due minuti. Ci vediamo dopo la pubblicità.

(16 febbraio 2012)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Servizi precedenti


Appartenimmo ´a morte (dell´Arte)!
Amate Giesucristo, bestemmiatelo con devozione! (1)
Amate Giesucristo, bestemmiatelo con devozione! (2)


Seguici su




Consiglia questo indirizzo su Google








TUFANO ELETTRODOMESTICI



Teatro Sancarluccio 12 gennaio "Nel nome del padre" con Terry Paternoster

Napoli - FINALISTA PREMIO CALCANTE - SIAE PER LA DRAMMATURGIA 2011. "Una donna quando nasce è già una donna, anche se agli occhi di una mamma è sempre una bambina". Un monologo acuto e struggente che vede l´attrice-autrice incarnare tre generazioni di donne, vittime di una violenza efferata e crudele che si consuma fra le mura domestiche; una violenza taciuta, intorno a cui si costruiscono menzogne e tormenti. leggi  guarda il video

ANTIGONE OVVERO UNA STRATEGIA DEL RITO (CTB Teatro Stabile di Brescia in collaborazione con Le Belle Bandiere) in programmazione il 26 gennaio per RIVOLI TEATRO 11.12.
I CORSIVI DI ELDORADO
Appartenimmo ´a morte (dell´Arte)!
Niente, … non ci sta da far Niente. Sono impegnato tutto il giorno a non far Niente. E´ dura, ma cerco di non fare Niente. Non bisogna far assolutamente Nulla, dico nulla, una parola sola. E basta! Bisogna rispettare i tempi. Specie se si va a "che tempo che fa", da Fabio Fazio, il sabato sera. Lo consiglia, anche agli irriducibili architetti nostrani d´età accademica inoltrata, Ettore Scola, un grande vecchio del nostro cinema che fu. leggi