Domenica, 17 Novembre 2019  
                                                   

Cerca:  

 
I CORSIVI DI ELDORADO

Amate Giesucristo, bestemmiatelo con devozione!
atto primo

Atto I - Non l’ho visto, spero di vederlo. A Milano, a Roma o nell’Altrove prossimo venturo. E d’avven-tour. Non so se sia un capo-lavoro. O un lavoro di capa, pedante. Pieno di buone intenzioni ma noioso, cervellotico, non lo so. Non so se sia una trovata, un traviato o un trovatello nostro, quel volto del Cristo di Antonello sul palcoscenico del teatro “Franco Parenti” di Milano. Chi l’ha visto oggi il Cristo? No logo, non luogo, no copyright. Certo sta fuori dalle chiese certe, il nostro Cristo senza fissa dimora d’architettura on line. Certo o in-certo che sia (chi lo sa?), lo spettacolo della Societas Raffaello Sanzio Sul concetto di volto nel Figlio di Dio, nel lancio mediatico, ha avuto un insperato aiuto. Quello dovuto proprio alle prese di posizione degli integralisti cattolici a Parigi. Dei duri e puri delle gerarchie vaticane a Roma. Più cani che Vati, però. In questo caso italiano, a Milano.

Loro e l’oro malgrado, la vecchia arma dello scandalo ha funzionato. Ancora una volta, urge una s-volta. In un mondo globalizzato che non si scandalizza più di nulla; dove il silenzio sacrale del Nulla non c’è più; dove l’indifferenza regna sovrana; il volto di Cristo, e quella merda del vecchio padre scagliatagli contro, con una maledizione appresso, ha scandalizzato: che fortuna per il bravo Castellucci!

Eppure come si fa a non vedere che lì, in quel gesto teatrale, in quella bestemmia d’autore, c’è tanto amore, tanta umanità, tanta fede, se così sono andate le cose, su quel palcoscenico, a Parigi. Io non lo so, io non c’ero. Ho solo letto e sentito qualcosa, di sfuggita youtube. E poi sua stampa.

So anche che qui in Italia vogliono annacquare la cosa: lanciare contro quel volto buste d’acqua benedetta dal Cardinale di turno. Bisogna mediare e non meditare, forse media-tare …. ora pro nobis!

Ma io so che su quelle tavole del palcoscenico hanno centrato il tema, la scena giusta: il volto del Cristo, con il vecchio uomo che va verso la morte e il figlio che lo sostiene, … la bestemmia, le feci, il lancio, la lancia …

Io non ho titoli e meriti: sono solo una pecorella qualsiasi smarrita nella metropoli. Ai margini delle finanze dell’Impero. Perciò scrivo corsivi di corsa, per cercarmi. Chi mi ha visto? Finché saremo spersi e sparpagliati nella rete, equequà!, c’è speranza d’incontrarci vis-a-vis.

Chiudo intermezzi d’aiuto in bottiglia (marchio registrato, ndr) che poi lancio nel mare del web. Qualcuno li leggerà e forse mi salverà. Aiutoooo Anitaaaa: sono su una zattera della Concordia affondata, mannaggia ‘o capitano!

(4 febbraio 2012)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Servizi precedenti


Appartenimmo ´a morte (dell´Arte)!




Seguici su




Consiglia questo indirizzo su Google








TUFANO ELETTRODOMESTICI



TEATRO STABILE DI TORINO

Debutta in prima nazionale MALAPOLVERE veleni e antidoti per l´invisibile

Teatro Gobetti 31 gennaio - 12 febbraio

Torino - Martedì 31 gennaio 2012, alle ore 19.30, al Teatro Gobetti (Via Rossini, 12) il Teatro Stabile di Torino e l´Associazione culturale Muse presentano in prima nazionale MALAPOLVERE - veleni e antidoti per l´invisibile un progetto di Laura Curino, Lucio Diana, Alessandro Bigatti, Elisa Zanino scritto e interpretato da Laura Curino. Il titolo e lo spettacolo sono stati ispirati dalla lettura del libro Mala polvere di Silvana Mossano (Ed. Sonda, 2010). Malapolvere sarà replicato al Teatro Gobetti fino al 12 febbraio 2012. LEGGI

TRAVOLTO DA UNA MOTOCICLETTA MENTRE ATTRAVERSAVA LA STRADA

COSI´ MUORE A 76 ANNI THEO ANGELOPOULOS


Uno dei più grandi registi europei del Novecento, Theo Angelopoulos, è morto ad Atene dopo un incidente stradale. Orso d´oro a Berlino nel 1977 per «I cacciatori», Palma d´oro a Cannes per «L´eternità e un giorno» (1998) e Leone d´Argento al Festival del cinema di Venezia per «Paesaggio nella nebbia» (1988), nel 2009 aveva firmato il lavoro "La Polvere del tempo" e aveva in mente un nuovo lavoro basato sulla crisi greca, questione che aveva carpito la sua sensibilità. Il film si doveva chiamare "L´alto mare", e come attore protagonista maschile Angelopoulos aveva scelto Toni Servillo. a.c.

 

Luigi De Filippo assume la direzione artistica del Teatro Parioli di Roma

"Perché a Roma e non a Napoli? Non per fare un "dispetto" a Napoli, ma perché qui mi è stata offerta questa opportunità"

Roma, 16 settembre 2011 - Cari Amici, da qualche giorno ho assunto la Direzione Artistica del Teatro Parioli di Roma che dedico a mio padre Peppino De Filippo, grande attore e commediografo. Perché a Roma e non a Napoli? Non per fare un "dispetto" a Napoli, ma perché qui mi è stata offerta questa opportunità ed allora ho voluto rendere omaggio alla fantasia ed alla creatività artistica della mia città, unica e non omologabile, e che qui a Roma ha sempre ricevuto simpatia e consensi A noi De Filippo la nostra cara Napoli ci ha dato i natali e l´ispirazione, Roma ha consacrato i nostri successi. leggi