Lunedì, 14 Ottobre 2019  
                                                   

Cerca:  

 

 

Anita Mosca in breve

La sua formazione si è delineata ed ha avuto modo di arricchirsi, grazie all´incontro con maestri come Michele Monetta, Paola Carbone, Marcello Bartoli, con i quali ha lavorato sull´espressione corporea, con i registi e attori come Gigi Gherzi, Massimo Lanzetta, Enzo Moscato, Julia Varley, Eugenio Barba, che hanno forgiato il suo modo di essere attrice e regista. Dopo aver collaborato con diverse realta´ teatrali, nel 2004 fonda a Napoli la compagnia Alqantara,  di cui e´ attrice, regista e drammaturga, che coniuga l´ approfondimento del proprio contesto socio – linguistico culturale con la ricerca di radici comuni tra i Paesi del Mediterraneo.

 

La madre monologo tratto da La svergognata,

libero adattamento di Anita Mosca

dell´omonimo romanzo di Sahar Khalifah


Un delirio di voci e di storie che si intrecciano, una memoria polifonica di donne, attraversate dal conflitto che infuria nelle loro vite, spese tra tentativi di adattamento ad una condizione di subalternità e scoppi di ribellione. Diverse lingue e dialetti, da quello napoletano, spigoloso e tagliente della provincia, a quelli di altri luoghi e di altri paesi,  si susseguono e si aggrovigliano per raccontare, non un caso estremo di violenza o di repressione nei confronti del sesso femminile, ma la fatica di farsi donna in certi contesti, la ferocia di pressioni sociali e sottili violenze psicologiche, la crudeltà di costrizioni e limitazioni di alcuni ambienti, per cercare quella maledetta ineluttabile relazione, che esiste in certe società, tra l´essere donna e la vergogna, la femminilità e lo scandalo.

 

 

La madre

Statte zitta ca si´ senza scuorno,

si´ ´na spina dint´ ´o core,

tutto m´aspettava d´ ´a vita

tranne e avè ´na figlia accussì…

Ma ce ´o vvulimmo nuie,

t´ hamma mannat´ â scola

invece e te mparà comme se mette ´o piatto ncopp´ ´a tavula,

è corpa nostra, vulevemo fa ´e moderne,

vulevemo crescere ´e figlie meglio d´ ´e genitore nuoste, d´ ´e nonne nuoste,

ca  ´a femmena ´a metteveno dint´ ´a casa e nun sapeva manco mettere ´a firma soia.

E chiste so´  ´e risultate.

Si´ sempe stata strana d´ ´a piccirità,

i´ e pateto hamma tenuto ´na pacienza cu tte,

ca sulo Dio ´o ssape!

D´ ´e riscienzielle ca pigliave p´ ´e ccose ´e niente,

sempe isterica, nervosa, stizzata,

manco chi ´o ssape c´  ´a facevemo…

piccerella piccerella ´a vuluto fa sempe ´e  capa  soia…

e  nun damme retta ccà e nun damme retta allà,

Po t´ he fatte signurina,

e hanno venuto ´e guaie cchiù gruosse.

Dico ´o ssaie comme è fatto pateto,´a mentalità ca tenimmo,

scapizza â casa quanta he fernuto ´a scola!

E invece no, a parlà cu ´e cumpagne suoie,

a gghì perdenne tiempo,

comme si non fosse niente,

comme si nuie fossemo gente ´e cheste!

 

pausa

 

Nu me ne mporta d´ ´e figlie ´e ll´ ate!

Ognuno se guarda ´e ffiglie soie,

si ê pate ´e ll´ aute nun c´ abbrucia,

´a tenè ´e ffiglie miez´ ´a via comme ´e mascule a nuie si!

Ma poi dico io manco nu poco ´e furbizia tiene?

Nun ´o ssaie ca ´a gente tene ´a vocca pe parlà?

´O vvuò penzà ca purtavano ´a spia ´a pateto?

No, essa bella tranquilla, rilassata,

cu  ´e libbre sott´ ´o vraccio!

A ´raggiunà a fa ´a dutturessa!

Ma quali ccose mpurtante!

Ma famme ´o piacere!

Hanno cagnà ´o munno, hanna fa ´a rivoluzione!

Tu si sulo strafuttenne e senza scuorno, t´ ´o ddico io…

Essa va perdenne tiempo,

E nuie cu´ ´o piatto â tavola a dd´ âspittà…

´E ´na vota apparall´ accussì e ´na vota n´ata stroppula,

"…chella mo vene, aggia mannata ´a fa ´nu servizio,

…aggia fatta passa d´ ´a  sorema a tenè´ ´o criaturo…!

cu patate ca nun rispunneva,

 

pausa

 

A te ´o disegno t´ ha  ruvinata!

T´ ´o ddico i´!

S´ he  misa appriesso ê cumpagne suoie artisti,

´a pittura, ´e mmostre,

e nun t´aggia capita cchiù.

´E t´ hamma fatto passà tutte ´e sfizie,

l´album, ´e pastelli ´e pennarelli, ´e pennielli,

´o tavulo pe disignà,

nun simme chille genitori ca t´hamma mai negato niente,

e accuntientete!

Si tiene ´sta passione fallo pe sfizio dint´ â casa,

comme passatempo dint´ â casa,

no commme vuo´ fa tu pe miezo â via tuorno tuorno!

 

Pausa

 

Che curaggio ch´ è tenuto,

a t´ arritirà notta notte,

a me fa murì cu ´e pparpitazione ´e core…

nun tiene ´nu poco ´e ammore ´e mamma…

Quanta notte passate a t´aspittà…

e si ´o patre ´a vere?

e si se sceta int´ ´a nuttata

pe se piglià ´nu bicchiere d´acqua?

e si s´ affaccia int´ ´a  stanzetta e nun ´a vede?

Che guaio ca nce faie passà int´ ´a ´sta casa!!

Ma che te crire ca pateto ´e scemo?

´A mò che ha capito comme si fatta,

´e bbuggie ca aggia ditto pe t´ annasconnere.

N´aggi´ avute mazzate pe corpa toia!

Me n´aggio sentuto parole amare…

 

gesto pianto soffocato

 

"E tu accussì he  crisciuta a figlieta!

Mo che vaie truvanno?!"

´A si´  ruvinate ´nu matrimonio,

a pateto nc´ he fatto veni´ ´o sschifo d´ ´e ffemmene,

songo misa ca nun se vene a cuccà cchiù int´ ´a stanza ´e lietto,

ca nun parla cchiù…

ca stà sempe stuorto…

e io nun ´o dongo retta apposta,

pe nun ce dà spunto ´e accumencia´,

e facimme tu zitte alloco e i´ zitta accà…

po…mentre ca ´o veco ´nu poco meglio,

ogni vota ´o faie ndisponnere n´ ata vota,

comme parle, comme te vieste, comme te cumpuorte,

 e stammo punto  e accapo.

Almeno tenesse ´o curaggio e t´affruntà

E invece ´e s´ ´a piglià cu mme,

almeno fosse chillo ommo ´e te piglià ´e pietto e te dicere

"Ue´, piccerre´ ma che hai capito?

´E rregule dint´ ´a´ ´sta casa so´…

Cheste, cheste e cheste…

O si no ´a porta stà llà!"

Allora si! allora fosse n´ommo ´e principio!

E invece ´o fatto ´o ssaie che r´ è?

´E ch´ ´o ttenimmo a scuorno arrivà a chesto!

´E te mettere fora ´a porta!

E ´o staie facenno schiattà ncuorpo!

´E gghiurnate sane nun se sose…

se stà nfracetenno dinto ´a ´nu lietto…

hamma perzo ´a  grazia ´e Dio dint´ ´a ´sta casa

e ce iammo pe sotto tutte quante…

 

silenzio

 

He visto ´o muro scurtecato for´ ´a porta?

So´ stata i´…

´O ssaie che steva scritto?

´O ssaie ´a nummenata ca t´ he fatta?

Secondo te ´a gente nun te vede e t´ azzittirà sempre tardi,

n´ ´a´ vota t´accumpagna uno… ´na vota t´accumpagna n´ ato…

quando m´aggio arritirata stammatina ´a fa ´a spesa

e aggio visto ´a scritta…vulevo murì…

aggio pigliata subbeto ´na pezza p´ ´o ccancellà,

manco cu ´a retina se ne veneva..

allora aggio scurtecato ´o muro pe n´ ´o ttirà…

si ´o lliggeva pateto ´o facive murì ´e collera…

 

Silenzio. Pianto soffocato.

 

Dio mio perdoname,

ma nun ce aviv´ ´a  mannà ´na femmena,

cu ´a mentalità ca tenimmo nuie,

´e principie ca tenimme nuie,

nun ce aviv´ ´a  mannà na figlia femmena,

no cu chesta capa e ´sta sete ´e libbertà,

peggio d´ ´e mascule!

I´ d´ ´e frate tuoie nun aggio idea,

stanne cchiù loro int´ ´a casa che tu,

cchiù ´a lloro ´o ll´aggio nu servizio ca ´a te.

 

Pausa

 

Ma mo è fernuto!

Nun simmo gente ´e stà mocca a tutte quante,

pe mezza toia.

Primma cosa aggio pigliate tutte ´e quadrette e quadrettielle,

e aggio appicciate tutte cose!

E´! He sentuto bbuono!

È inutile che faie ´sta faccia!

Po è arrivato ´o mumento ´e te sistemà

te n´ he ´a i´ ´a int´ ´a ´sta casa,

prime ca ce miette ´o scuorno nfaccia fino in fondo,

´a cape toia nun è bbona,

e io m´aspetto qualsiasi cosa ´a te!

Te n´ he ´a i´ ´a int´ ´a ´sta casa

comme dicimmo nuie,

comme a  ´na femmena sistemata!

 

 

 

 



TEATRO STABILE DI TORINO

Debutta in prima nazionale MALAPOLVERE veleni e antidoti per l´invisibile

Teatro Gobetti 31 gennaio - 12 febbraio

Torino - Martedì 31 gennaio 2012, alle ore 19.30, al Teatro Gobetti (Via Rossini, 12) il Teatro Stabile di Torino e l´Associazione culturale Muse presentano in prima nazionale MALAPOLVERE - veleni e antidoti per l´invisibile un progetto di Laura Curino, Lucio Diana, Alessandro Bigatti, Elisa Zanino scritto e interpretato da Laura Curino. Il titolo e lo spettacolo sono stati ispirati dalla lettura del libro Mala polvere di Silvana Mossano (Ed. Sonda, 2010). Malapolvere sarà replicato al Teatro Gobetti fino al 12 febbraio 2012. LEGGI

TRAVOLTO DA UNA MOTOCICLETTA MENTRE ATTRAVERSAVA LA STRADA

COSI´ MUORE A 76 ANNI THEO ANGELOPOULOS


Uno dei più grandi registi europei del Novecento, Theo Angelopoulos, è morto ad Atene dopo un incidente stradale. Orso d´oro a Berlino nel 1977 per «I cacciatori», Palma d´oro a Cannes per «L´eternità e un giorno» (1998) e Leone d´Argento al Festival del cinema di Venezia per «Paesaggio nella nebbia» (1988), nel 2009 aveva firmato il lavoro "La Polvere del tempo" e aveva in mente un nuovo lavoro basato sulla crisi greca, questione che aveva carpito la sua sensibilità. Il film si doveva chiamare "L´alto mare", e come attore protagonista maschile Angelopoulos aveva scelto Toni Servillo. a.c.

 

Luigi De Filippo assume la direzione artistica del Teatro Parioli di Roma

"Perché a Roma e non a Napoli? Non per fare un "dispetto" a Napoli, ma perché qui mi è stata offerta questa opportunità"

Roma, 16 settembre 2011 - Cari Amici, da qualche giorno ho assunto la Direzione Artistica del Teatro Parioli di Roma che dedico a mio padre Peppino De Filippo, grande attore e commediografo. Perché a Roma e non a Napoli? Non per fare un "dispetto" a Napoli, ma perché qui mi è stata offerta questa opportunità ed allora ho voluto rendere omaggio alla fantasia ed alla creatività artistica della mia città, unica e non omologabile, e che qui a Roma ha sempre ricevuto simpatia e consensi A noi De Filippo la nostra cara Napoli ci ha dato i natali e l´ispirazione, Roma ha consacrato i nostri successi. leggi