Giovedì, 09 Luglio 2020  
                                                   

Cerca:  

 

Romeo & Giulietta – Ama e cambia il mondo, il musical firmato David Zard che supera i confini dell´emozione

Straordinario successo di critica e pubblico, spettacolo richiestissimo nelle principali città italiane

Servizio di Francesco Gaudiosi


Roma - Definirlo successo forse è dire poco. Un´ opera musicale di questo calibro meriterebbe di essere chiamata un capolavoro dello spettacolo musicale italiano. E lo dimostra la strepitosa risposta che il pubblico ha dato in questi tre mesi di repliche al Gran Teatro di Roma, registrando continui sold-out per questo spettacolo. Romeo & Giulietta è l´ultima fatica del produttore internazionale David Zard (si deve a lui il successo di Notre Dame de Paris di Riccardo Cocciante, l´opera moderna che ha aperto la strada ad un intero genere: da Tosca Amore Disperato di Lucio Dalla a Dracula Opera Rock della Premiata Forneria Marconi), che presenta per questa produzione cifre da capogiro: costata ben cinque milioni di euro, vanta ben quarantacinque attori sul palco, trentacinque persone di equipe tecnica, ventidue persone di produzione e oltre 300 costumi diversi.

Ma il punto di forza è che, nonostante la disponibilità economica della produzione che avrebbe potuto costruire un cast stellare, si è deciso di puntare su una compagnia giovane e fresca, con degli attori-cantanti-ballerini la cui età media non supera i vent´anni, affiancati da attori di esperienza nel settore dell´opera musicale come Vittorio Matteucci, Giò Tortorelli, Barbara Cola e Roberta Faccani, rispettivamente nei ruoli di Conte Capuleti, Frate Lorenzo, Lady Capuleti e Lady Montecchi. La scenografia dello spettacolo è altamente digitale e sofisticata e va in perfetta sintonia con il taglio di luci che esalta l´assoluta spaccatura che vi è fra le due famiglie di Verona, i Capuleti ed i Montecchi. Interessante inoltre la scelta di conciliare con la modernità dei brani musicali e delle scenografie spezzoni di recitazione che provengono direttamente dal linguaggio autentico del testo di Shakespeare. La musica riesce a presentare l´alternanza di momenti di intenso lirismo con altri caratterizzati da ritmi incalzanti, quasi da discoteca.  Uno spettacolo, quindi, che ha il proprio punto di forza non solo nel cast giovanile e nella ricchezza dei testi musicali, bensì anche nel fatto che Romeo e Giulietta non sono i protagonisti assoluti e incontrastati della vicenda, lasciando quindi maggiore spazio a quei personaggi che hanno fatto classicamente da contorno a questa grande tragedia come Mercuzio, Tebaldo, Benvolio, la nutrice di Giulietta e il principe di Verona. Ognuno di loro canta almeno un brano musicale da solista, permettendo quindi allo spettatore una conoscenza maggiore dell´introspezione psicologica del personaggio, arrivando al punto tale da permettere un´identificazione con ognuno di essi. Un plauso particolare va al soprannominato Vittorio Matteucci, nel ruolo del Conte Capuleti, a Leonardo Di Minno, nel ruolo del Principe di Verona, e a Giulia Luzi e Davide Merlini, interpreti di Giulietta e Romeo. Sarebbe ingiusto infine non nominare il regista Giuliano Peparini, che firma una regia perfettamente consona al ritmo dello spettacolo musicale e che tiene letteralmente il pubblico attaccato alla poltrona per ben tre ore. Far notare la bellezza di una scena significherebbe trascurarne delle altre ugualmente magnifiche, ma senza dubbio epiche ed emotivamente forti sono i brani "I re del mondo", "Avere te", "Ama e cambia il mondo" ed "Il potere". Né si deve ritenere che questo spettacolo sia prettamente per un pubblico giovanile grazie alla sua modernità, anzi, il pubblico adulto è quello che rimane visibilmente più colpito ed emozionato alla fine di esso. Un´opera musicale maestosa e magnifica, che cambia lo spettatore fino quasi a farlo commuovere. Lo spettacolo, dopo essere stato in replica a Roma, andrà a Milano(dal 23 gennaio, GranTeatro Linear4Ciak), Torino(dal 7 all´11 maggio, PalaOlimpico) e Napoli(9-13 aprile, PalaPartenope) nei grandi palazzetti, per poi tornare a Roma dal 11 al 16 marzo.




7 gennaio 2014




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google
































Morto Arnoldo Foà, aveva 98 anni: protagonista del ´900 dal teatro alla tv

L´actualité du mois et le programme des Théātres Parisiens Associés Venez découvrir les pièces des Theatresparisiensassocies.com !

Venezia - HEDDA GABLER di Henrik Ibsen AL TEATRO GOLDONI DI VENEZIA | 8-12 gennaio 2014ž con Manuela Mandracchia, Luciano Roman, Jacopo Venturiero, Simonetta Cartia,Federica Rosellini, Massimo Nicolini, Laura Piazza