Domenica, 18 Agosto 2019  
                                                   

Cerca:  

 

Al Teatro "Il Primo" buona prova per "BELLO, ONESTO, ILLIBATO CERCA VEDOVA RICCA ED INCONSOLABILE SCOPO … PATRIMONIO"

Servizio di Maurizio Vitiello

Napoli - Dal 28 dicembre fino a data ancora da stabilirsi, la Compagnia Bianca Sollazzo va in scena con "BELLO, ONESTO, ILLIBATO CERCA VEDOVA RICCA ED INCONSOLABILE SCOPO … PATRIMONIO" di Rosario Ferro e Aurelio De Matteis, con Rosario Ferro, Aurelio De Matteis, Elena Maggio, Pino Pino, Alessandra Bacchilega; costumi di Rosaria Riccio; musiche di Marco Mussomeli; regia di Rosario Ferro. Al teatro Il Primo. L´arte di arrangiarsi, di cui il popolo partenopeo, per vocazione o per necessità, è maestro, fa da netto sfondo alle vicende del protagonista di quest´esilarante vicenda. E´ la storia  di un uomo che vive di espedienti, contando sul proprio carisma e sulla capacità di ottenere ciò che desidera attraverso sapienti giri di parole.

Decide così, per sopravvivere, di circuire ingenue e ricche vedove, sempre vogliose, allo scopo di sistemarsi, ma … ci sarà un finale a sorpresa. 

La  buona compagnia, diretta con passione da Rosario Ferro, è stata messa su con partecipazione e con competente preparazione. 

Gli elementi in campo reggono la prova; insomma, reggono la scena per una comicità, a tratti traboccante; alcuni interpreti diventano tipi bizzarri per alcune gags, altri assumono la rotondità dei caratteristi esperti. 

Rosario Ferro li accompagna e "Il Primo" risponde al desiderio di un teatro in vernacolo, tutto giocato a recuperare espressioni gergali, proteste di declinazione vernacolare e palesamenti di taglio dialettale; in fondo, si recupera la memoria della propria lingua diffusa nel mondo.

Le risate diventano contagiose anche per gli stessi attori, che fanno fatica a reggere il procedere del canovaccio; la trama divertente, presenta risvolti inediti e insoliti.

Lo spettacolo diverte il pubblico accorso per un serata in compagnia; non è la solita messinscena degli sfuggenti arcani e delle impazienze avventate, ma è, soprattutto, uno spettacolo in cui vien fuori la vita da vivere con espedienti singolari, tra amenità variegate, e con un finale a sorpresa, da doppio salto mortale esistenziale.


 


29 dicembre 2013




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google
























Morto Arnoldo Foà, aveva 98 anni: protagonista del ´900 dal teatro alla tv

L´actualité du mois et le programme des Théâtres Parisiens Associés Venez découvrir les pièces des Theatresparisiensassocies.com !

Venezia - HEDDA GABLER di Henrik Ibsen AL TEATRO GOLDONI DI VENEZIA | 8-12 gennaio 2014þ con Manuela Mandracchia, Luciano Roman, Jacopo Venturiero, Simonetta Cartia,Federica Rosellini, Massimo Nicolini, Laura Piazza