Giovedì, 02 Luglio 2020  
                                                   

Cerca:  

 

Grande successo al teatro Acacia per "Il Visitatore"con Alessandro Haber Alessio Boni ed Alessandro Bono, per la regia di Valerio Binasco

Servizio di Pino Cotarelli

Napoli - Ottima apertura della stagione teatrale 2013/2014 per il nuovo corso del teatro Acacia. Meglio non poteva fare la coppia Francesco Sorrentino ed Emma Naldi,  che non si spaventa affatto per la responsabilità assunta del prestigioso teatro e rilancia con un cartellone fatto di qualità dell´offerta caratterizzata da lavori ed artisti di spessore del panorama artistico nazionale.

E´ bastato vedere il pubblico de "Il Visitatore", in scena dal 31 al 3 novembre, rispettoso e silenzioso durante tutto il corso del lavoro,  è esploso in applausi scroscianti e dimostrazioni d´affetto per gli attori che hanno dovuto stringere centinaia di mani che si protraevano per dare testimonianza del gradimento enorme provato.

Si sbaglia a pensare che spettacoli classici o comunque impegnati, siano rivolti ad un pubblico di nicchia, prova ne è il numeroso pubblico accorso a vedere i vari Alessandro Haber, Alessio Boni, Alessandro Bono, che hanno dimostrato una caratura artistica notevole ed una bravura rara.

La storia si inquadra  nell´Aprile 1938 in Austria annessa di forza al Terzo Reich, con Vienna occupata dai nazisti e gli ebrei perseguitati ovunque. Nel suo studio in Berggstrasse 19, Sigmund Freud (Alessandro Haber), attende affranto notizie della figlia Anna, portata via da un ufficiale della Gestapo (Francesco Bonomo). Ma l´angosciata solitudine non dura molto: dalla finestra spunta infatti un inaspettato visitatore (Alessio Boni) che fin da subito appare ben intenzionato a intavolare con Sigmund Freud una conversazione sui massimi sistemi. Il grande indagatore dell´inconscio è insieme infastidito e incuriosito. Chi è quell´importuno? Cosa vuole? Č presto chiaro che quel curioso individuo in frac non è un ladro né uno psicopatico in cerca di assistenza. Chi è dunque? Stupefatto, Freud si rende conto fin dai primi scambi di battute di avere di fronte nientemeno che Dio, lo stesso Dio del quale ha sempre negato l´esistenza. O è un pazzo che si crede Dio? La discussione che si svolge tra il visitatore e Freud, e che costituisce il grosso della pièce, è ciò che di più commovente, dolce ed esilarante si possa immaginare: Freud ci crede e non ci crede; Dio, del resto, non è disposto a dare dimostrazioni di se stesso come se fosse un mago o un prestigiatore. Sullo sfondo, la sanguinaria tragedia del nazismo che porta Freud a formulare la domanda fatale: se Dio esiste, perché permette tutto ciò?

Una bella scommessa già vinta nella partenza quella di Francesco Sorrentino che dichiara i suoi obiettivi da subito:

"Una stagione teatrale costruita con l´obiettivo di portare all´Acacia spettacoli di qualità, al loro debutto a Napoli,  proposti da compagnie e produzioni affermate che, spaziando tra le varie possibilità della prosa, abbiamo unito per soddisfare le esigenze ed incontrare il gradimento di un pubblico di più generazioni".

L´obiettivo dichiarato è quello di tenere vivo in città un presidio culturale importante, uno spazio per le arti, "sottraendolo, speriamo per sempre,  a  logiche e dinamiche che tendono a ridurre sempre più l´esistenza di luoghi come questo dove gli esseri umani celebrano l´incontro con altri esseri umani nella consapevolezza di vivere momenti unici ed irripetibili di approfondimento e crescita culturale ma anche di sano svago e divertimento".

Davvero complimenti per questo bel esordio e per l´ottima programmazione futura che servirà senz´altro a dare lustro ad un teatro che non meritava di trasformarsi nell´ennesimo supermercato ma in un esempio da imitare per gli altri teatri in crisi della città.

 

5 novembre 2013


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google























Morto Arnoldo Foà, aveva 98 anni: protagonista del ´900 dal teatro alla tv

L´actualité du mois et le programme des Théātres Parisiens Associés Venez découvrir les pièces des Theatresparisiensassocies.com !

Venezia - HEDDA GABLER di Henrik Ibsen AL TEATRO GOLDONI DI VENEZIA | 8-12 gennaio 2014ž con Manuela Mandracchia, Luciano Roman, Jacopo Venturiero, Simonetta Cartia,Federica Rosellini, Massimo Nicolini, Laura Piazza