Giovedì, 21 Novembre 2019  
                                                   

Cerca:  

 

Teatro Diana, 80 anni di emozioni

Servizio di Mario Migliaccio

Napoli . Circa 80 anni fa, precisamente il 16 marzo 1933, venne inaugurata la sala vomerese in via Luca Giordano dal principe di Piemonte, Umberto di Savoia, alla presenza delle numerose autorità cittadine. Fu Giovanni De Gaudio che pensò di aprire un teatro sulla collina di Napoli, dove il verde andava scomparendo per far posto al nuovo quartiere. “Giovanni lo sa, che non sarà facile. Che lo chiameranno pazzo, a voler fare questa cosa in un quartiere nuovo, dove non c´è niente se non quattro contadini e qualche pastore, e un paio di palazzine basse abitate da gente diffidente, che non vuole movimento eccessivo e fastidio. Ma Giovanni sa anche che non sarà sempre così. Che i lavori per la funicolare finiranno, e attireranno gente nel nuovo quartiere. Che insieme ai poveri ci saranno i ricchi, che la sera magari non avranno voglia di scendere in città per divertirsi. Che un quartiere è una piccola città, e che ogni città deve averlo, il suo teatro. Giovanni è sicuro: verranno le riviste, avrà la prosa, le canzoni. E anche i vicini, che ora lo guardano storto, alla fine saranno suoi clienti”. Queste le parole dello scrittore Maurizio De Giovanni che, intervenuto alla festa-conferenza, con un testo a tratti commovente, omaggia le origini del Diana. L’evento, in onore degli 80 anni del teatro Diana, si è tenuta nella giornata dell’otto aprile in un sito alquanto particolare, ovvero, la nuovissima nave “Preziosa” della MSC, inaugurata giusto qualche settimana prima. Location eccellente ed ospiti di tutto rispetto, hanno fatto grande la manifestazione. Tra gli ospiti intervenuti durante il dibattito annoveriamo, Giulio Baffi, presidente nazionale dei critici teatrali; Paola De Ciuceis, giornalista de “Il Mattino” e lo stesso Maurizio De Giovanni. In un evento così importante, non potevano certamente mancare, il sindaco di Napoli Luigi De Magistris e l’assessore Caterina Miraglia intervenuta in rappresentanza del presidente della regione Campania, Stefano Caldoro. Presenti ovviamente anche molti volti noti dello spettacolo, che durante questi anni hanno collaborato con la famiglia Mirra: Annamaria Ackermann, Gloria Christian, Giuliana Gargiulo, Elisabetta Testa, Peppino Bruno, Biagio Izzo, Vittorio Marsiglia, Carlo Giuffrè, Giacomo Rizzo, Francesco Caccavale, Michele Caputo, Gaetano Altieri, Luciano Schifone, Sal Da Vinci, Gigi Savoia, Peppe Iodice, Anna Capasso, Annalisa ed Enzo De Paola, Veronica Mazza, Patrizio Rispo, Andrea e Carla Cannavale, Carlo De Gaudio ed Annamaria Suriano, Mario Coppeto e Patrizia Oresta, Maurizio Casagrande, Tiziana De Giacomo, Luigi Grispello, Mario Porfito, Raoul, Rosalia Porcaro, Gaetano Amato, Peppe Celentano, Gabriella Cerino, Nello Mascia, Cecilia Pingue, Antonella Stefanucci, Dino e Stefano Piacenti. Tutta la conferenza, è stata presentata da una delle voci radiofoniche più belle d’Italia, parliamo della nota speaker di Radio kiss kiss Italia, Ida Di Martino. Inoltre, non poteva di certo mancare un tributo ed un ricordo alla signora Mariolina Mirra, più volte ricordata durante l’evento. Una storia lunga una vita, quella di questo importante palcoscenico: da Ermete Zacconi a Vincenzo Scarpetta, da Vittorio Gassman ad Alberto Sordi, da Nino Manfredi a Giorgio Albertazzi; in 80 anni, al Diana si sono esibiti proprio tutti, come se fosse una tappa obbligatoria e di prestigio per tanti artisti del passato e del presente. Ad allietare ancor di più l’evento, sono stati gli interventi dei “giovani artisti”, allievi del teatro. In primis, si è svolta l’esibizione dei giovani musicisti, della Palestra della musica “Mariolina Mirra” diretta dai maestri Filippo Esposito e Antonello Caccavale, che con dolci melodie hanno allietato il pubblico. Quindi, dulcis in fundo, la manifestazione si è conclusa con una rappresentazione teatrale dei ragazzi della Palestra dell’attore “Mariolina Mirra” diretta da Giancarlo Cosentino. In dieci minuti circa, cinque giovani attori hanno coinvolto e divertito il pubblico in sala, ricevendo molti consensi dagli artisti presenti. Vedendo questi risultati, si può dunque ben sperare in un futuro, magari non troppo lontano, in cui tutti i ragazzi di queste accademie riusciranno ad affermarsi nel nostro panorama artistico. D´altronde, come anche ricordato durante la conferenza, la signora Mariolina, “tifava” per i giovani e credeva nelle loro potenzialità.


10 aprile 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google
























Morto Arnoldo Foà, aveva 98 anni: protagonista del ´900 dal teatro alla tv

L´actualité du mois et le programme des Théâtres Parisiens Associés Venez découvrir les pièces des Theatresparisiensassocies.com !

Venezia - HEDDA GABLER di Henrik Ibsen AL TEATRO GOLDONI DI VENEZIA | 8-12 gennaio 2014þ con Manuela Mandracchia, Luciano Roman, Jacopo Venturiero, Simonetta Cartia,Federica Rosellini, Massimo Nicolini, Laura Piazza