Giovedì, 12 Dicembre 2019  
                                                   

Cerca:  

 

Ottimo esordio al teatro Cilea di SE PERMETTETE VORREI ANDARE OLTRE di Simone Schettino

Servizio di Pino Cotarelli

Napoli - Il nuovo spettacolo di Simone Schettino, che rimarrà in programmazione al teatro Cilea fino al 17 marzo, impegna il comico e gli attori Roberto Capasso e Giuseppe Mosca, in una nuova esperienza con il pubblico che si ritroverà ad assistere a quello che capita nel camerino di Schettino dietro le quinte, mentre si prepara per andare in scena su di un palco immaginario. Nelle intenzioni del comico, una voglia di un franco colloquio col pubblico in cui poter andare anche oltre almeno per una serata. Una chiacchierata fra amici prima di andare ad esibirsi sui soliti argomenti che il pubblico vuole sentirsi dire; una chiacchierata in confidenza a tutto tondo in cui, per carità, è sempre presente il lato comico, anche se nella serietà degli argomenti e negli scambi di pensiero attuale.

E così nell’ottica anche che il pubblico vuole distrarsi non vuole pensare, Schettino gli propina in un colloquio confidenziale, innumerevoli battute comiche, nella supposizione che finalmente si parla di cose serie e non delle solite battute.

Ed ecco affrontare le problematiche del traffico, con le sue “buche” in strada paragonabili a parcheggi per auto per la dimensione sproporzionata; oppure il tema del tempo, che ci riporta in una sola giornata, il cambio delle quattro stagioni e ti viene da dubitare se sia trascorso un giorno o un anno; o ancora sul tema degli animali e la cura spasmodica che alcuni mettono nel trasformarli quasi in esseri umani, etc. etc…

Non manca la parte politica, con i soliti noti e lo spettacolo va avanti tra applausi e molte risate del folto pubblico che lo ha seguito.

Le due parti di circa un’ora ciascuna, denotano la grande voglia di darsi di Simone Schettino che non si risparmia mai; anche a fine spettacolo ancora regala battute sul calcio Napoli, mentre il pubblico applaude e non vuole lasciarlo andare.

Ma il dubbio che viene a Schettino fa riflettere, seppur vero che il pubblico va al teatro per non pensare, per distrarsi, è vero anche che lui con la sua bravura comica riesce in questa opera; che non sia voluta questa situazione per tenere le persone nella condizione di non pensare?  Comunque poter rimanere senza pensare ai problemi della quotidianità seppure per qualche ora, aiuta a rilassarsi e in questo Simone Schettino ci riesce molto bene.

 

 8 marzo 2013

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Seguici su




Consiglia questo indirizzo su Google























Morto Arnoldo Foà, aveva 98 anni: protagonista del ´900 dal teatro alla tv

L´actualité du mois et le programme des Théâtres Parisiens Associés Venez découvrir les pièces des Theatresparisiensassocies.com !

Venezia - HEDDA GABLER di Henrik Ibsen AL TEATRO GOLDONI DI VENEZIA | 8-12 gennaio 2014þ con Manuela Mandracchia, Luciano Roman, Jacopo Venturiero, Simonetta Cartia,Federica Rosellini, Massimo Nicolini, Laura Piazza