Giovedì, 12 Dicembre 2019  
                                                   

Cerca:  

 

ACQUASANTA DI EMMA DANTE

ALLA GALLERIA TOLEDO DAL 10 AL 20 GENNAIO

Servizio di Daniela Morante

Napoli - Ci sono uomini che vanno controcorrente. A loro il modo corrente di essere uomo non interessa e scelgono, per vivere secondo la propria natura, posizioni singolari di nicchia. Coerenti e solitari, ma in un certo senso felici di somigliare solo a se stessi. Il nostro protagonista nella messinscena firmata dalla Dante, è un personaggio apparentemente semplice, di origine umile ma che dimostra presto la sua sensibilità che ben si sposa con l’amore per il mare. Di esso ne segue le correnti ora lievi ora burrascose, sicuramente più vicine ai mutamenti e alla vastità dell’animo umano. La vita di mare si sa però che è dura, e lo stesso efficacemente la rappresenta nella sua mimica, con il legaccio delle corde che fissano caviglie e busto ad un contrappeso di vere ancore.

Ogni suo movimento, legato ai fili come un burattino, determina il sollevamento di una o più ancore e ciò sembra una metafora esistenziale con i pesi da dover sollevare nella scelta  della libera espressione.

Ma nonostante il freno, di movimenti e gesti inconsulti ne fa tanti,  sia per renderci partecipi nel racconto del suo mondo, che come protesta e sberleffo all’ordinamento rigido dell’equipaggio.

Intanto ha imparato a non soffrire più e a prendere il vento di petto a prua come una polena. Ormai non scende nemmeno più a terra perché: “a terra non c’è nessuno che m’aspetta…e la stessa terra è un’invenzione, non esiste”.

A nulla quindi servono le ingiurie e le provocazioni grezze del suo compagno di bordo, la sciatteria del capitano, ormai la sua dimensione di vita è legata a questo immenso elemento liquido e informe, che fa vibrare il suo animo in un infinito poetico.

Tutta l’umanità a lui vicina è solo violenza, sopruso, volgarità e lui ancor di più decide di essere padrone delle proprie inclinazioni,  prende il largo e respira aria pura.

Incantarsi ancora ogni giorno e ogni notte, davanti alla magnificenza della volta celeste meravigliarsi per la profondità degli abissi intravisti o immaginati, sentire sulla pelle come schiaffi bonari gli schizzi salati della spuma delle ondei, simili nella sostanza ai propri umori e per questo fatti della stessa materia: acquasanta.

 

ACQUASANTA

testo e regia  Emma Dante

con  Carmine Maringola

luci  Cristina Fresia

foto  Giuseppe Di Stefano

 

 

Napoli 11-01-2013                                                                                    





© RIPRODUZIONE RISERVATA




Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google











Morto Arnoldo Foà, aveva 98 anni: protagonista del ´900 dal teatro alla tv

L´actualité du mois et le programme des Théâtres Parisiens Associés Venez découvrir les pièces des Theatresparisiensassocies.com !

Venezia - HEDDA GABLER di Henrik Ibsen AL TEATRO GOLDONI DI VENEZIA | 8-12 gennaio 2014þ con Manuela Mandracchia, Luciano Roman, Jacopo Venturiero, Simonetta Cartia,Federica Rosellini, Massimo Nicolini, Laura Piazza