Domenica, 07 Giugno 2020  
                                                   

Cerca:  

 

Teatro Sancarluccio

Una scimmia all’accademia di F. Kafka, satira graffiante sul mondo degli umani

Servizio di Marco Catizone

Napoli - Farsa grottesca dell’esemblè a consesso, chè la scienza è venata di spuria follia, e la mymesis è imperscrutabile e spectaculare: venghino siori, venghino, che da guinnes è il primate, lucido e fulvo il pelo ormai borghese, abbiam scimmia all’accademia! Pan troglodytes” captivo e sornione, solcato nel viso da signo lineare e vermiglio, retaggio dei lustri scimmieschi, grinza che non fa una piega e non vale un Grinzane (ahimè, non più), perché dell’imitazione e dell’attoreo guizzo la scimmia è pregna, ebbra di umana medietà, specchio fumè d’un borgesismo mitteleuropeo che gongola a varietà e s’approva nel scialacquar buon vino (un rubizzo “Primitivo”, ca va san dire) e sfumacchair pipette all’abbisogna, rudimenti da tabarin, chincaglierie demodè da Old Europa e vecchi lazzi.

Come se l’imago mundi per scimmia divelta da cuore primitivo fosse distorta nei vizi umani troppo umani, cabaret in chiaroscuro, dove salvezza non v’è, se non nell’emulazione, da soma e pailettes, grottesca grondante di  fumus libertatis, coartazione a ripetere  bevuta, voluttà e rappresentazione, chè dell’essere umano siam stanchi in primis noi attorucoli scarni e sfatti e sfiduciati. Kafka (che molto amava il teatro) denuda il pelo, il vello d’ominide, lasciando il primate a far da speculum per homines prosaici e crassi, giacchè unica via, se non per libertà, almeno sopravvivenza, è nell’iper-testualità dello spettacolo, del carnascialesco eloquio in punta d’assi.

Pietro il Rosso,  sbrego indistinguibile perché similare, su tela accademica, non è attorea scimmia, ma scimmia cubica, moltiplicatore del primitivo arroccato nell’intimo più umano, unica vera costumanza a render consonanza agli evi ancestrali, senza esser malsana vacua e caricaturale veste.«Non mi piacevano gli uomini, li imitavo solo per trovare una via di scampo», argomenta il Nostro, la sua metamorfosi inversa è compiuta, il lume a stoppino di animalità charmant  non riluce al bistrot degli umani, come gioco d’ombre degradato a follia: la scimmia è il simulacro, l’animale in gabbia resta bipede, legge Darwin ed ha il pollice opponibile. Bravo, perfettamente calato, occhio bistrato, tight su misura: Saba Salvemini rende onore la testo, sorveglia e misura al baldanza attorea e convince l’uditorio. Chi è la scimmia, tra palco e platea?

In scena al Sancarluccio dal 22 al 25 novembre.

                                                                                                                                  

 

26 novembre 2012


© RIPRODUZIONE RISERVATA




Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google











Morto Arnoldo Foà, aveva 98 anni: protagonista del ´900 dal teatro alla tv

L´actualité du mois et le programme des Théâtres Parisiens Associés Venez découvrir les pièces des Theatresparisiensassocies.com !

Venezia - HEDDA GABLER di Henrik Ibsen AL TEATRO GOLDONI DI VENEZIA | 8-12 gennaio 2014þ con Manuela Mandracchia, Luciano Roman, Jacopo Venturiero, Simonetta Cartia,Federica Rosellini, Massimo Nicolini, Laura Piazza